avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

15 giu 2013

Da un blog di Libero

LA STORIA SI SVOLGE NEI COMUNI FRIULANI DI          UDINE,PALMANOVA,PORDENONE  I NOMI SOTTOINTESI,DIVERTENTI.....PROTAGONISTI
               CARLINO E MARIA LA LONGA
Un giorno a CARLINO venne la voglia FRATTA di GEMONA e disse a MARIA LALONGA (che era un gran AMPEZZO di FAGAGNA):- Vieni un ATTIMIS nella mia VILLA SANTINA che ti faccio godere un bel TRAMONTI DI SOPRA MARIA LA LONGA,che era appena uscita dall'ILLEGIO, rispose dolcemente,sì che vengo,ma solo nella tua CASARSA,ma soltanto per un AZZANO DECIMO di secondo. Così presero un TOLMEZZO pubblico,attraversarono un FIUMICELLO,poi una COLLINA e infine arrivarono a PALAZZOLO. A questo punto MARIA LA LONGA prese dolcemente CARLINO per PRADAMANO,e gli diede un bel BARCIS sulla bocca,lo condusse sul BORDANO di un PRATO CARNICO e accarezzandogli il BICINICCO mentre si tintillava il SACILETTO gli sussurò:- Bel MORUZZO, sono tutta BAGNARIA ARSA di desiderio,lascia che mi sorbisca il tuo bel RIGOLATO.

Allora CARLINO gli SOCCHIEVE la TAIPANA e soggiunse:-  Io sarò anche un MANIAGO,ma tu sei una bella PORCIA. Le toccò prima il PORPETTO,e poi le TOLMEZZO le mutandine,estrasse l'ERTO CASSO e lo inserì di prepotenza nella TORVISCOSA STREGNA gridando:- Sei CHIUSA FORTE,ma ora ti VERZEGNIS io. Intanto MARIA LA LONGA strillava come un'AQUILEIA:-ce l'hai TREPPO GRANDE sei troppo ROVEREDO,FLAVIANO che c'è più gusto. E CARLINO a lei:-ora te lo metto nel SEDEGLIANO!!!!!! NIMIS urlò sconcertata MARIA LA LONGA questo è OSOPPO//GIAIS,mi fai troppo MALBORGHETTO // MAJANO che non sei altro,MORTEGLIANO tu e tutti i tuoi parenti!!!!

MUZZANA, BUDOIA,rispose urlando CARLINO e poi pensò con LESTIZZA:-Ora ho il CAVAZZO MOGGIO e l' AMARO in bocca....E finirono entrambi addormentati nel RAVASCLETTO di erba all'ombra di una PALMANOVA.

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade