VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

02 giu 2013

Il Parco naturale Prealpi Giulie destinazione europea d’eccellenza?

www.novimatajur.it/‎
Un maggio davvero ricco di attività per il Parco naturale Prealpi Giulie. Giovedì 16 maggio il direttore Stefano Santi ed il sindaco di Bardo Guido Marchiol hanno accolto, a Pian dei Ciclamini, due funzionari del Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo della Presidenza del Consiglio italiano. I funzionari governativi sono giunti in visita al fine di valutare se i territori del Parco possiedano le caratteristiche adatte per fregiarsi del titolo di Destinazione europea di eccellenza 2012. L’iniziativa nasce in seno al progetto comunitario EDEN, finalizzato alla promozione e visibilità di destinazioni turistiche non tradizionali che hanno sviluppato un’offerta turistica sostenibile. Il Parco naturale ha già superato una prima selezione tra cinquanta candidati e ora concorre per la “finalissima” insieme ad altre quattordici destinazioni italiane. Al termine della seconda valutazione, i cui risultati sono attesi per settembre, solamente cinque località riceveranno il distintivo EDEN e l’opportunità di promuoversi turisticamente in un contesto internazionale.
Sempre nell’ambito di un progetto europeo, venerdì 17 maggio si è tenuto a Prato di Resia un seminario dal titolo “Scuola di conoscenza del paesaggio”. Seguendo il metodo di lavoro del progetto europeo “Ecovast”, un gruppo di giovani guidati da Arthur Spiegler, Brigitte Macaria, Stefano Santi e Marco di Lenardo hanno visitato nel corso della mattinata Stolvizza e Sella Carnizza. Nel pomeriggio, il gruppo di lavoro si è riunito nella sede del Parco per confrontare e sintetizzare le proprie impressioni sul paesaggio osservato. Anche il progetto europeo Ecovast ha tra i suoi obiettivi quello di creare una rete europea tra piccole realtà rurali al fine di salvaguardare e valorizzare i loro ambienti naturali e le costruzioni tipiche della comunità.
Nella serata del venerdì l’associazione “il Villaggio degli Orsi”, in collaborazione con il comune di Bardo, il Parco Naturale delle Prealpi Giulie e l’Università di Udine, ha organizzato a Musi/Mužac un incontro dal titolo “Una straordinaria primavera con gli orsi in Alta Val Torre”.
Nel corso della serata un foltissimo pubblico ha potuto visionare video e straordinarie immagini riprese durante due mesi di ricerche assidue dell’orso in alta val Torre. Studiosi, forestali, ricercatori, tecnici e allevatori hanno poi avuto modo di raccontare le proprie esperienze di ricerca e di coesistenza, più o meno difficile, con l’animale.
Domenica 26 maggio si è invece tenuto a Venzone l’undicesimo incontro tra i parchi dell’arco alpino orientale. Oltre al Parco Prealpi Giulie, hanno partecipato all’evento la Riserva Naturale della Val Alba di Moggio Udinese (Ud), la Riserva Naturale del Lago di Cornino (Ud), il Parco Naturale delle Dolomiti Friulane (Pn), il Triglavski Narodni Park (Slovenia), il Nationalpark Nockberge (Carinzia-Austria), il Naturpark Dobratsch (Carinzia-Austria) e il Nacionalni Park Risnjak (Croazia). Dalle 10 alle 18 nel centro della cittadella Monumento nazionale si è dato spazio a danze, musica, giochi, laboratori, caccia al tesoro, stand informativi dei parchi e vecchi mestieri. Un momento per stare insieme, oltre tutti i confini, e conoscere le particolarità uniche delle varie comunità dei parchi italiani, sloveni, croati e carinziani.
Il Parco delle Prealpi Giulie è già pronto per offrire agli amanti della natura un ulteriore appuntamento. È prevista per l’1 e 2 giugno la quarta edizione di “Estremamente parco”, un trekking lungo itinerari che attraversano l’intero Parco naturale regionale delle Prealpi Giulie, toccando i comuni di Resia, Chiusaforte, Lusevera, Venzone, Moggio Udinese e Resiutta da percorrere in 48 ore. L’iniziativa, di carattere non competitivo in semiautonomia, intende contribuire alla conoscenza e corretta fruizione dell’area protetta e del suo comprensorio di riferimento, percorrendo i molteplici ambienti che la caratterizzano e raggiungendo le diverse strutture che il Parco ha dislocato sul territorio. Iscrizioni e maggiori informazioni sul sito www.estremamenteparco.it.

2 commenti:

  1. Una buona domenica. Ho postato sul mio Blog:):):)

    RispondiElimina
  2. Grazie Sara!Buona serata da Olga.

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *