avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

28 feb 2014

Crisi, dopo l'oro anziani in fila per vendere anche l'argento

dal Gazzettino
UDINE - La crisi ormai costringe molti cittadini a utilizzare qualsiasi stratagemma per raggranellare qualche euro. Una spia che si era accesa con il proliferare dei "Compro Oro" e con i continui conferimenti di oggetti preziosi da parte di chi doveva realizzare, a tutti i costi. Ora molte persone cercano di vendere l'argento.
La tendenza viene confermata da Cristina Antonutti Franz, presidente provinciale degli orafi e gioiellieri per Confcommercio Udine. «Si tratta di persone anziane - spiega Antonutti - che hanno problemi economici e cercano di piazzare nei punti vendita sparsi per il territorio pezzi d'argento di ogni tipo come vassoi piuttosto pesanti,posate, argenteria, magari risalente a qualche anno fa ma che ha ancora il suo valore. Pezzi importanti che erano stati acquistati direttamente o ricevuti in omaggio per qualche ricorrenza e che erano in bella mostra sopratutto nelle vetrine dei salotti o come centrotavola». Si tratta di un fenomeno nuovo, spiega ancora Antonutti, ricordando come in altri periodi storici il prezzo dell'argento fosse quadruplicato e la vendita fosse diventata molto appetibile.
Un altro gioielliere udinese, Gianni Croatto, evidenzia che il fenomeno esiste, ma dal suo osservatorio non si può parlare di una vera corsa alla vendita di argento. Al momento il metallo pregiato viene pagato a chi lo conferisce circa 0,15-0,20 euro al grammo, rispetto all'oro che ha un riconoscimento economico di gran lunga più importante, circa 22 euro al grammo. Nel caso dell'argento la valutazione dipende anche dalla quantità che vuole essere ceduta. Il prodotto va poi ceduto ai banchi metalli o alle fabbriche dove si provvede alla fusione e quindi alla realizzazione di nuovi pezzi.
http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=546722&sez=NORDEST&ssez=UDINE

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade