VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

26 mar 2014

La rivincita del frico arriva dagli Usa

 Il friulano Luca trionfa a Masterchef America


L’ora della vendetta è giunta, portando con sè il profumo del frico. Sì, ora possono finalmente sorridere tutti quelli, tanti, che sino ad oggi hanno dovuto sopportare i sorrisini, le pacche sulle spalle quando nominavano questo piatto come simbolo della cucina friulana. Come poteva competere un "insieme" di patate, formaggio e cipolla con le raffinatezze di altre regioni italiane, senza contare poi le notizie d’oltralpe da cui giungeva l’eco della nouvelle cousine, del sushi e anche le molecole volevano essere protagoniste in tavola. Al massimo ci stava la comprensione "democratica", una sorta di benevolenza verso i cibi poveri e la provincia troppo bistrattata. Noi zitti, con quella sorta di riserbo stupido, a volte di sudditanza, continuavamo a fare il frico, sul fornello del gas, magari a Milano o a New York. E dall’America invece è partito il riscatto, quando un giovane chef friulano, Luca Manfè di Aviano, ha trionfato nell’edizione stelle e strisce di MasterChef proprio grazie al frico. Certo un grande della cucina, come il compianto Gianni Cosetti del Roma di Tolmezzo, ne aveva già tracciato un futuro radioso e il frico, nelle sue versioni morbida o croccante, ha continuato ad avere il suo posto nella ristorazione regionale, ma mai qualcuno avrebbe pensato che in pochi mesi la ricetta carnica entrasse di prepotenza nel menù mediatico. Manfè in questo senso era stato profetico: «È il biglietto da visita del Friuli, un piatto fatto con ingredienti semplici, ma che piace molto, anche fuori dai confini nazionali. Anche per questo sto pensando di chiamare la taverna friulana che aprirò a New York proprio frico». Il sito del canale all news Cnn pubblica l’articolo “Italy's 20 regions, dish by delicious dish” che esalta la regionalità della cucina italiana, un viaggio da gourmet alla scoperta dei nostri piatti regionali. Per il Friuli Venezia Giulia viene scelto il frico. Poi, sapete come sono gli americani in fatto di gusti, decidono di fare di testa propria proponendolo in una sconosciuta versione con zucchero e cannella, servito con crostini o pane tostato. Ipotizziamo, per essere buoni, una qualche confusione dei loro informatori con la ricetta dei cjalcions.
-frico-arriva-dagli-usa-il-friulano-luca-trionfa-a-masterchef-america

Il frico è un piatto originario della Carnia e della Val Torre,un tempo era un piatto povero che consentiva di usare avanzi di formaggio.C'era la miseria e non si buttava nulla,chi avrebbe mai pensato che sarebbe diventata una specialità anche oltre oceano!

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *