avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

03 mar 2014

RISPETTIAMO I NOSTRI BOSCHI E PRATI



Questo è un bellissimo prato fiorito
L'alta Val Torre è un ambiente molto  curato 
dall'amministrazione comunale che ripulisce stagionalmente 
boschi e strade
 foto di Villanova delle grotte-Zavarh (Lusevera)
lattine

borsa con spazzature


ferraglie

ovunque ci sono gli appositi cassonetti
Purtroppo durante la bella stagione c'è sempre qualche incivile e maleducato che lo deturpa
                                                                                              
                                                                           gitante domenicale RICORDA che...
                                                                                                          

                                                                                     
*Rispettare l’ambiente e’ un dovere e un diritto, ma soprattutto e’ il primo passo per vivere una vita migliore. 
  *Fare la raccolta differenziata e non abbandonare rifiuti di qualsiasi tipo per strada.
*  Rispettare la fauna: ogni piccolo animale è indispensabile per l’equilibrio del ciclo della vita.  

Ora che la bella stagione è alle porte ricordiamoci che l'ambiente è di tutti,il danno che fai tu è come un
boomerang...ti ritorna indietro.
In altre località del Friuli
Aumentano i servizi a disposizione dei cittadini per gettare l’immondizia, dal porta a porta alle isole ecologiche, ma di questi cambiamenti i maleducati pare proprio non se ne siano accorti.
L’abbandono dei rifiuti, non solo quelli solidi urbani, ma pure di ferraglia, eternit e residui da lavorazioni di ogni genere, continua a creare problemi a molti Comuni friulani, con conseguenze piuttosto pesanti, in termini di costi per lo smaltimento e di decoro del territorio.
Ne sa qualcosa l’amministrazione comunale di Udine che ogni anno deve sborsare una cifra attorno ai cento mila euro per far fronte ai “pirati dei rifiuti”
“Sono maleducati da bastonare”
Un po’ ovunque si segnalano casi di sanzioni elevate contro chi ha tentato di smaltire a modo suo l’immondizia. E’ successo a Majano, dove è stato sanzionato il cittadino residente in un Comune contermine dopo che la polizia locale era stata allertata da alcuni residenti. Il problema è molto avvertito anche a Latisana, dove addirittura è stata chiusa la piazzetta ecologica di Pertegada ridotta a una discarica a causa dell’assenza di controlli.
Problemi seri anche a Codroipo: “Può sembrare paradossale - ci ha spiegato il sindaco Fabio Marchetti - ma un semplice sacchetto abbandonato in un fosso va trattato come un rifiuto speciale. Il materiale ritrovato viene portato in un apposito luogo e vagliato per trovare elementi che permettano di identificare i responsabili. A volte riusciamo a risalire ai maleducati di turno, immancabilmente provenienti da fuori. Purtroppo troviamo molti rifiuti abbandonati anche nei cimiteri e sul greto del Tagliamento. A questi individui va fatta pagare cara perché non hanno più scuse. Andrebbero bastonati”.
L’assessore codroipese all’Ambiente Andrea D’Antoni conferma: “Paradossalmente, costa più smaltire di un singolo sacchetto che un elettrodomestico perché va accertata nel primo caso la tipologia dei rifiuti. Ogni anno, a fronte di numerosi interventi, spendiamo non meno di diecimila euro, dei quali ben tre mila a causa dell’abbandono di spoglie animali”.

La Cassazione chiarisce (sentenza 26 marzo 2012, n. 11595) che il reato di abbandono di rifiuti è punibile con la pena amministrativa e con quella penale a seconda del soggetto che lo commette: se si tratta infatti di un privato, la sanzione è amministrativa (articolo 255, comma 1, Dlgs 152/2006), se si tratta di un soggetto qualificato (titolare di imprese o responsabile di enti) la sanzione è penale (articolo 256, comma 2).   Inoltre, in caso di reato commesso da un soggetto qualificato e qualora la gestione illecita abbia riguardato rifiuti non pericolosi sarà applicabile la pena dell'arresto o dell'ammenda, qualora si sia trattato di rifiuti pericolosi si applicheranno entrambe le pene. - See more at: http://www.reteambiente.it/news/16560/abbandono-rifiuti-le-sanzioni-applicabili/#sthash.ULUk4LiZ.dpuf 
dal web
                                                                        QUINDI              
                                 se vogliamo godere delle bellezze della natura
                                                                RISPETTIAMOLA!!!


Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade