VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

3 ott 2014

Scarpèt-a porter




CALZOLERIA LOMBARDA
via Paolo Canciani, 6
33100 Udine - Italy



SERENA VIANELLO
San Polo, 1226
30125 Venezia - Italy



Dal 1600 la ciabattina friulana




Come nasce Scarpèt-à-porter

È stata questa storia made in Friuli ante litteram, che affonda le sue radici indietro nel tempo, ad affascinare un'autentica signora della calzatura: Deda Meriggi ha cominciato infatti a collezionare scarpèt antichi nel 1986 per festeggiare il mezzo secolo di vita della Calzoleria Lombarda di Udine, la sofisticata boutique dedicata alle scarpe e agli accessori in pelle ereditata dai genitori.

Un po' per gioco, un po' per scommessa, Deda pensa di riproporre le friulane alle sue clienti, ma in una veste aggiornata alle esigenze della vita di città. Ed ecco comparire nelle vetrine della Calzoleria Lombarda i primi Scarpèt-à-porter: si tratta solo di pochi, semplici modelli, di velluto nero e bordeaux. Poi, visto il successo dell'iniziativa, Deda si mette a reinventare le fogge, ad alleggerire le suole, a cercare tessuti e decori nuovi.

L'ispirazione giunge spesso dall'oriente. Così, accanto alle friulane basic in panno e velluto, ormai un classico per lui e per lei, nascono sabot e pantofoline da Mille e una notte, realizzate con i damaschi sontuosi della Cina, le ricche passamanerie dell'India, i ricami preziosi della Venezia bizantina. Una sintesi di lusso informale e comfort etnico-metropolitano, firmata Scarpèt-à-porter.

Questa è una storia iniziata secoli fa nelle montagne del Friuli, con una ciabattina di velluto che le ragazze erano solite portare in dote il giorno di nozze. Lo scarpèt è da sempre un gioiello di quella tradizione artigianale friulana maestra nel creare il bello con i materiali più poveri e quotidiani: dallo spago utilizzato per le cuciture a mano ai vecchi copertoni di bicicletta con cui rafforzare le suole, piccoli saggi di quella filosofia del riciclare oggi tanto di moda. 

http://www.scarpetaporter.it/storia.htm 

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *