17 apr 2015

Anticipazioni del Dom del 15 aprile/Ne prezrite v Domu 15 aprila

Prva714
L’apertura del quindicinale Dom di metà aprile è dedicata al settantesimo anniversario della fine della seconda guerra mondiale, che in Italia sarà ricordato il 25 aprile. Ma la Slavia cadde dalla padella nella brace. Scrive Giorgio Banchig: «Nelle Valli del Natisone il dopoguerra fu funestato da una profonda spaccatura della comunità dovuta a due questioni: la definizione dei confini e il riconoscimento della minoranza, questioni che avevano un’unica origine nella già allora pluridecennale lotta contro la lingua slovena e il tentativo di sradicarla dalle case e dalle chiese. Non fu tanto una contrapposizione tra destra e sinistra, tra ex fascisti ed ex partigiani, ma tra chi voleva ripristinare la millenaria prassi dell’uso dello sloveno nelle chiese, interrotta dal fascismo, e introdurlo nell’insegnamento scolastico e tra chi vi si opponeva paventando ad arte invasioni da parte della Jugoslavia, ma in effetti richiamandosi al programma del Giornale di Udine del 1866: “Questi slavi bisogna eliminarli” e alla repressione fascista». Questo sarà al centro della presentazione della seconda edizione dei diari di don Antonio Cuffolo, edita dalla Cooperativa Most, che si terrà venerdì 24 aprile alle 20 nella sala consiliare del municipio di San Pietro al Natisone. Alla serata, sul tema «Dall’ostilità alla casa comune europea», interverranno gli europarlamentari Isabella De Monte e Alojz Peterle, il docente di storia contemporanea all’Università di Udine, Fulvio Salimbeni, il prefetto di Tolmin, Zdravko Likar, nella sua veste di conoscitore della storia del movimento di liberazione sloveno nella Slavia e nell’alto Isonzo, e il direttore responsabile del Dom, mons. Marino Qualizza. Nella ricorrenza di San Marco, il 25 aprile e nei giorni successivi in molti paesi delle Valli del Natisone si terranno le rogazioni. Agli antichi riti l’associazione culturale don Eugenio Blanchini e il Comune di Savogna, hanno dedicato un libro e un film documentario che saranno presentati giovedì 23 aprile nella sala polifunzionale di Savogna. Interverranno il sindaco, Germano Cendou, il parroco, don Natalino Zuanella, il direttore dell’Ufficio liturgico diocesano, don Loris Della Pietra. Seicento studenti delle scuole medie superiori di tutta Italia saranno a Drenchia sabato 18 aprile per il meeting «Dalla grande guerra alla grande pace». Visiteranno le trincee del Kolovrat e il monumento al primo caduto italiano a Solarie. Il Comune di Drenchia offrirà loro la «gubana della pace». Nelle Valli del Torre, nello specifico in alcune frazioni dei comuni di Faedis, Nimis e Tarcento, cresce il malcontento contro l’Imu sui terreni montani e c’è chi è pronto a consegnare, in segno di protesta, la propria tessera elettorale. Da Resia arriva la notizia della realizzazione di un Cd con interviste ad anziani realizzate oltre quindici anni fa; il supporto digitale va a completare il libro «Biside ta na traku» pubblicato nel 2009. Dalla Valcanale si pone, invece, la questione degli insufficienti collegamenti viari con la Slovenia, attualmente ancor più problematici a causa della chiusura, causa frana, della strada per il passo del Predil.

V novi številki petnajstdnevnika Dom je v ospredju 70-letnica konca druge svetovne vojne. 25. aprila 1945 je nacionalni komite za osvoboditev (CLN) v severni Italiji proglasil vstajo na vseh ozemljih, ki so bila še pod nacifašistično okupacijo.
V naših krajih so angleške čete 1. maja dokončno pregnale Nemce in njih italijanske kolaboracioniste-republikince. Pa je med Slovenci v videnski pokrajini veselje ob zmagi nad nacifašisti hitro skopnelo. »V prvih mesecih po osvoboditvi – je razložil Giorgio Banchig v zgodovini Benečije – je bila velika zmešnjava in bivši fašisti, ki so bli premagani, so hitro preoblekli črno srajco in se vključili v italijanske protislovenske, nacionalistične ter paravojaške organizacije in od tam se še naprej zaganjali proti domačim slovenskim duhovnikam in zavednim Slovencem.« O vsem tem bodo govorili na posvetu, ki bo v petek, 24. aprila, ob 20. uri, v občinski dvorani v Špetru. Zgodovinski večer in predstavitev Cuffolovega dnevnika prirejata združenje Blankin in zadruga Most. Govorili bodo zgodovinar Fulvio Salimbeni z videnske univerze in načelnik Upravne enote Tolmin Zdravko Likar, ki je odličen poznavalec slovenskega upora v Posočju in Benečiji, evroparlamentarca Lojze Peterle in Isabella De Monte. Za uvodne misli bo poskarbel odgovorni urednik Doma msgr. Marino Qualizza. Tudi letos se bo 25. aprila obnovila tradicija procesij svetega Marka po poljih. Prav tisti dan bodo potekale v Matajurju, na Tarčmunu, v Ruoncu, v Marsinu in v Kozci. V naslednjh dneh še na Barcah, v Gorenjem Barnasu, na Liesah, v Hostnem in v Tapolovim. Da ne bi šli ta lepa tradicija in njen pomen v pozabo, je združenje Blankin v sodelovanju s sovodenjsko občino pripravilo dokumentarni film in knjižico, ki prikazujeta, kako potekajo te procesije in katere molitve so molili. Dvd in knjižico bodo predstavili v četrtek, 23. aprila, ob 20. uri v večnamenski dvorani šole v Sovodnji. Ob stoletnici prve svetovne vojne bo šesto dijakov višjih srednjih šol iz cele Italije v soboto, 18. aprila, obiskalo Dreko v sklopu vsedržavne delavnice “Iz velike vojne v veliki mir”, ki jo prireja veliko število organizacij in društev. Dijaki si bodo na Kolovratu ogledali jarke prve svetovne vojne in na Solarjeh pa spomenik prvemu padlemu italijanskemu vojaku. Občina Dreka bo za to priložnost pripravila “Gubanco za mir”. Dom poroča tudi, da so ljudje v terskih dolinah ogorčeni nad davkom Imu na kmetijske površine tudi v gorskem območju. V protestni znak nameravajo vrniti občimam svoja potrdila o volilni pravici. Iz Rezije prihaja novica, da je Muzej rozajanskih ljudi izdal Cd s pogovori, ki so jih pred petnajstimi-dvajstimi leti posneli s starejšimi osebami za oddajo Radia Trst A “Ta rozajanski glas”. Gre za dragoceno etnografsko gradivo, ki dopolnjuje knjigo “Biside ta na traku”, ki je izšla pred šestimi leti. V Kanalski dolini je pa v ospredju vprašanje cestih povezav s sosednjo Slovenijo, ki niso prav nič zadovoljive. Zdaj je zaradi zemeljskega plazu zaprta državna cesta iz Rajbla na Predel, ki povezuje Kanalsko dolino s Posočjem. To povzročuje kar nekaj težav prebivalcem na obeh straneh meje.

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO