avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

07 set 2015

La Provincia di Udine cancella gli Sloveni



foto da wikipedia

Il Santuario della Madonna di Castelmonte in Benecia ha per gli Sloveni un significato speciale.
Il Manoscritto di Castelmonte ( Starogorski rokopis in sloveno) è uno dei più antichi documenti a noi pervenuti, scritto in lingua slovena e risalente alla fine del 15* secolo.

da wikipedia

                 Manoscritto di Castelmonte ( Starogorski rokopis )


Sulla Benecia con le riforme dell'UTI in FVG  incombe la minaccia della sparizione del bilinguismo e la cancellazione delle radici slovene dagli statuti delle UTI nuove nate.La riforma ha diviso i comuni di frontiera della provincia di Udine  in tre distretti, mentre la comunità slovena ha proposto il collegamento dei comuni bilingui in unioni autonome.Il Comitato Regionale ha offerto tre soluzioni per i comuni, la Benecia è divisa in due parti.
Le valli del Natisone dovrebbero dipendere da  Cividale, la valle del Torre daTarcento,Resia e la val Canale daTarvisio.I sindaci delle valli del Natisone hanno respinto la proposta ,in val Canale c'è stato un voto di parità, i comuni della val del Torre  hanno accettato la proposta. Negli statuti dell'UTI la minoranza slovena non è nemmeno menzionata.
-Se non c'è nazione, non c'è minoranza -nel documento dell'UTI del Torre è scritto così -  nella zona ci sono persone di origine slava, che vi si stabilirono nel VII secolo.-
Questo è un insulto! La teoria  dice che non ci sono sloveni ,nessuna nazione e perciò nessuna minoranza, ma solo antiche popolazioni che parlano in modo incomprensibile.
-Ho invitato tutte le parti interessate a correggere quest' ingiustizia - ha dichiarato il presidente regionale della comunità slovena Igor Gabrovec. Poiché  le valli del Natisone e la Val Canale non hanno accettato lo statuto, la Regione invierà nell'area un Commissario regionale, che preparerà  la sua proposta.Il presidente delle organizzazioni slovene (SSO) Valter Bandelj spera di veder inclusi negli statuti  tutti gli articoli per la tutela della minoranza slovena: -Ciò è anche stato più volte promesso dalla Presidente della Regione Debora Seracchiani che lo scorso anno ha ricevuto il riconoscimento dalla Repubblica di Slovenia.Bandelj  ha anche richiamato l'attenzione sullo statuto delle Valli del Torre : - nega gli sloveni , perché è scritto che questi popoli erano slavi. Lo statuto contestato è sostenuto dai sindaci, che appoggiano gli sloveni del Friuli-Venezia Giulia -.
A causa di questi  statuti delle zone di montagna ha recentemente rassegnato le dimissioni il vicesindaco del comune Taipana Elio Berra che aveva già guidato la comunità locale per 15 anni.
A causa di ciò  molti comuni da Tarvisio alla Benecia hanno presentato  il ricorso al TAR con la richiesta di annullare la riforma . Si sta ancora aspettando la risposta.
Gabrovec afferma che -in provincia di Udine i  diritti e la dignità delle minoranze  sono completamente ignorati. Pertanto, la legge provinciale sulla riforma delle UTI deve essere modificata in modo che  i diritti  delle minoranze siano scissi dalla  politica - .La questione della riforma delle UTI nel Friuli Venezia Giulia  è stata più volte affrontatata  dalle organizzazioni slovene (SSO)e le conclusioni sono state sempre le stesse - la legge  deve essere immediatamente rettificata per garantire una protezione equivalente in tutti i 32 comuni con una legge di protezione.

tradotto da delo.si/novice/slovenija/videmska-pokrajina-brise-slovence.html


1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade