avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

lingua e identità etnica

lingua e identità etnica

29 dic 2015

Non perdete il Dom di Natale - Ne prezrite v božičnem Domu


Nel ventiduesimo numero di quest’anno, il quindicinale Dom mette in primo piano la festività del Natale quale momento per aprire i nostri cuori e trovare conforto anche di fronte alle violenze e tragedie che devastano il mondo attuale. 
L’editoriale annuncia il compleanno del Dom, che entra nel suo cinquantesimo anno di vita con un formato in digitale al quale gli abbonati potranno accedere sul smartphone o computer tramite una password che verrà fornita loro. Una novità introdotta per mantenere il passo con i nuovi orizzonti della comunicazione, per tenere vivo il contatto con le generazioni più giovani e per sopperire ai crescenti disservizi postali. Anche in questo modo si persegue l’impegno in difesa dei diritti degli sloveni della Provincia di Udine che dal 1966, anno della sua fondazione, il Dom ha fatto proprio. 
In seconda pagina gli orari delle messe natalizie tra le quali il 24 dicembre l’appuntamento alle dieci con la messa in lingua slovena che sarà celebrata da mons. Marino Qualizza nella chiesa di San Pietro al Natisone. Tra gli appuntamenti prenatalizi la Novena di Natale nelle parrocchie di Drenchia, Liessa e Cravero. Ricordiamo poi il 20 dicembre l’apertura della porta santa sul monte Lussari in occasione dell’anno santo che si protrarrà fino al 20 novembre 2016. Ne parla in un’intervista il parroco di Camporosso e rettore del Lussari mons. Dionisio Mateucig. Restiamo in ambito religioso con la celebrazione, presieduta dal vescovo mons. Andrea Bruno Mazzoccato, per l’ingresso di don Zanon, nuovo vicario foraneo di San Pietro,che sarà affiancato da don Darius Klosinski. 
L’anno nuovo si aprirà con due importanti eventi per la comunità slovena: il 6 gennaio al teatro Ristori a Cividale il tradizionale Dan emigranta, festa degli sloveni della provincia di Udine, che vedrà un ricco programma culturale dedicato ai 40 anni di attività della compagnia teatrale Beneško gledališče nonché quali oratrici Anna Wedam, eletta presidente dell’associazione slovena Don Mario Cernet che opera in Valcanale, e l’europarlamentare Isabella De Mone. Il 16 gennaio a Kobarid il secondo importante evento, il tradizionale incontro tra gli Sloveni della provincia di Udine e della Valle dell’Isonzo, il cui ospite principale sarà il ministro degli Esteri sloveno Karl Erjavec. Slovenia e Italia unite, quindi, nella difesa dei diritti delle rispettive minoranze italiana e slovena e anche alleate militari, come dimostra un recente incontro a Rivolto tra i capi di stato maggiore della difesa di Italia e Slovenia. 
Continua il progetto Intercultura che porta lo sloveno nel cuore di Udine e da evidenziare il successo della 12° edizione dei mercatini di Natale a San Pietro. 
La consapevolezza di quanto sia importante tutelare la lingua slovena nella variante dialettale e apprendere la lingua slovena standard quale ulteriore opportunità nel mondo del lavoro emerge dall’intervista alla ventenne Orsola Bannelli, diplomata con il massimo dei voti al conservatorio di Udine con una tesi dedicata all’etnologo sloveno Pavle Merku. Quest’ultimo insieme allo studioso Milko Matičetov è stato recentemente ricordato nel corso di un convegno organizzato in occasione del sessantesimo di attività del circolo culturale Ivan Trinko. 
Un riferimento a Resia con il presepe vivente sotto la stella che scende dal Pustigost, allestito a Stolvizza, e il concerto il 27 dicembre del coro di Postummia. 
Da ultimo ricordiamo che per l’anno nuovo gli sloveni della Slavia friulana, di Resia e Valcanale hanno preparato calendari da parete nelle varianti dialettali e nella lingua standard, corredati da foto a colori e in biancoenero.

V dvaindvajseti letošnji izdaji petnajstdnevnika Dom z dne 20. decembra je v ospredju vabilo naj Božiču odpremo vrata svojih sarc, saj pred grozotami današnjega sveta lahko dobimo tolažbo v rojstvu Božjega sina na zemlji.


Uvodnik napoveduje digitalno izdajo Doma, ki bo na razpolago naročnikom na smartphonih in računalnikih. S tem Dom stopa v svojo petdesetletnico delovanja, saj je prvič izšel ob Božiču 1966. leta, in namerava držati živ stik z mlajšimi generacijami Slovencev tako v obmejnem teritoriju kot po svetu v duhu novih časov.
Na drugi strani petnajstdnevnika so urniki svetih maš v Božičnem času v Nediških, Terskih dolinah, v Reziji in Kanalski dolini. Med temi je tudi sveta maša po slovensko na božično noč, ki jo bo v farni cierkvi v Špetru v četrtek, 24. decembra, ob 22. uri vodil mons. Marino Qualizza. Med predbožičnimi dogodki je poudarek pa na devetici božični v lieški fari, dreški in kravarski fari. O svetem letu Božjega usmiljenja v intervjuju govori msgr. Dionisio Mateucig, župnik v Žabnicah in retor  svetišča na Višarjah, kjer bodo sveta vrata odprli 20. decembra opoldne. Na verskem področju obširno poročamo o umestitvi novega špietarskega župnika in dekana, g. Micheleja Zanona, ter njegovega pomočnika g. Dariusza Klozinskega. Obredu je predsedoval videnski nadškof Andrea Bruno Mazzoccato.
Za slovensko skupnost bosta novo leto uvedla dva pomembna dogodka. 6. januarja bo v gledališču Ristori v Čedadu tradicionalni Dan emigranta, praznik Slovencev videnske pokrajine. Pred pestrim kulturnim programom, posvečenemu 40-letnici Beneškega gledališča, bosta spregovorili predsednica združenja Cernet v Kanalski dolini Anna Wedam in evropska poslanka Isabella De Monte. 16. januarja bo v Tolminu pa tradicionalno srečanje Slovencev vidensk pokrajine in Posočja. Častni gost bo zunanji minister in podpredsednik slovenske vlade Karl Erjavec.
Napreduje projekt “Intercultura”, ki promovira slovenski jezik v osrčju Vidna. Vzpostavljati gre tudi uspeh 12. izvedbe božignega sejma v Špetru.
Pomembnosti zaščite slovenskega jezika v narečni različici kot tudi učenja slovenskega knjižnega jezika kot morebitne priložnost v delovnem svetu se zaveda v intervjuju dvajsetletna Orsola Banelli, ki je dokončala z najvišjo oceno Videnski konservatorij z diplomsko nalogo posvečeno etnologu Pavletu Merkuju. Slednji in slovenski etnolog Milko Matičetov sta bila v ospredju v nedavnem posvetu ob 60-letnici kulturnega društva Ivan Trinko.
Glede Rezije poročamo o božičnih pobudah na Solbici z živimi jaslicami pod božično zvezdo, ki jo bodo spustili s Pustega gozda. 27. decembra  bo vas gostila tudi koncert zbora iz Postojne. Naj povemo še, da za novo leto so Slovenci v Benečiji, Reziji in v Kanalski dolini pripravili stenske koledarje.

http://www.dom.it/ne-prezrite-v-bozicnem-domu_non-perdete-il-dom-di-natale/

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade