avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

25 dic 2015

Telesca: “Meno ricoveri, potenziato il sistema di soccorso sul territorio”

“Abbiamo potenziato i sistemi di soccorso nei territori più fragili, le valli del Natisone sono uno di questi.” Così l’assessore regionale alla sanità Maria Sandra Telesca, martedì 15 dicembre a San Pietro al Natisone, in un incontro pubblico organizzato dall’amministrazione comunale guidata da Mariano Zufferli, ha inquadrato i passi della riforma sanitaria che porta la sua firma e che ha tra i suoi scopi principali “quello di migliorare lo stato di salute delle persone, che in queste zone sono una percentuale rilevante anziane, e allo stesso tempo far diminuire i ricoveri ospedalieri.” Se quello di quest’anno per la riforma è stato, ad un anno e mezzo dall’approvazione, un cantiere, nel 2016 si vedranno i risultati, ha affermato ancora l’assessore. A partire dal collegamento che i medici di famiglia avranno tra di loro (attraverso le Aggregazioni funzionali territoriali) e con il Distretto sanitario.
Meno ricoveri e più intervento sul territorio, dunque, anche grazie alla presenza di una autoambulanza del 118 a San Pietro al Natisone (da gennaio) e di defibrillatori posti in varie località delle valli del Natisone. Martedì tre ne sono stati donati alle comunità di Pulfero, San Pietro e San Leonardo dall’Azienda ospedaliero-universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine, rappresentata dal commissario straordinario Mauro Delendi, mentre una quarantina di persone che hanno partecipato al corso per l’utilizzo del defibrillatore (26 lo realizzeranno entro breve) hanno ricevuto l’attestato di idoneità.
Nel corso della serata, prima dell’assessore regionale erano intervenuti anche il direttore del Distretto sanitario di Cividale, Luigino Vidotto, che ha sottolineato  come proprio la fragilità (data dalla conformazione del territorio, dallo scarso tessuto sociale, dalla presenza di numerosi nuclei familiari con una sola persona e da altri elementi) contraddistingua queste zone, ed il responsabile del 118 e delle emergenze dell’ospedale di Udine Elio Carchietti, secondo il quale però “le valli del Natisone stanno vivendo una sorta di nuova stagione grazie anche all’obiettivo di coprire i tempi di attesa nel momento dell’emergenza sanitaria, va dato atto ai sindaci del territorio che si sono impegnati perché questo avvenga.”
http://novimatajur.it/attualita/telesca-meno-ricoveri-potenziato-il-sistema-di-soccorso-sul-territorio.html

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade