avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

22 gen 2016

Compleanno in digitale/Skarb za našo avtonomijo

primo Dom

ll Dom entra nel suo cinquantesimo anno di vita. Il primo numero vide la luce, infatti, nel Natale 1966, con l’intento di opporsi al subdolo processo di assimilazione, iniziato esattamente cent’anni prima, e di lottare apertamente in difesa dei diritti degli sloveni della provincia di Udine. Era il luglio del 1966 quando i parroci di Drenchia, mons. Valentino Birtig, di San Volfango, don Mario Lavrencig, e di Tribil Superiore, don Emilio Cencig decisero di pubblicare un bollettino interparrocchiale, che battezzarono con il nome Dom, «perché – spiegavano – questa parola racchiude molti significati, indica infatti la casa, la famiglia, la lingua madre, le tradizioni, la chiesa, la terra natia e tutto ciò che sta più a cuore all’uomo». All’iniziativa aderì poco dopo anche il parroco di Montemaggiore, mons. Pasquale Gujon. A distanza di mezzo secolo si può affermare che sono riusciti nella singolare impresa di fondare un giornale sloveno per sloveni analfabeti, in quanto nella propria lingua madre non sapevano né leggere né scrivere, perché sprovvisti di scuole in lingua slovena. Ora il Dom è diffuso e apprezzato in tutto il territorio della provincia di Udine in cui risiede la comunità slovena, dal Lussari a Castelmonte, come indica la testata di allora e di oggi. La sfida degli ultimi anni è mantenere il passo con i nuovi orizzonti della comunicazione. Internet, twitter, facebook… per tenere vivo il contatto con le generazioni più giovani e con gli sloveni di Slavia, Resia e Valcanale sparsi in Italia e nel mondo. Ma il ruolo del quindicinale resta fondamentale. Per questo, e per sopperire ai crescenti disservizi postali, il regalo che nel cinquantesimo facciamo ai nostri lettori è la replica digitale dell’edizione cartacea. Agli abbonati forniremo una password grazie alla quale potranno leggere l’intero Dom sul proprio smartphone o computer ancor prima del recapito da parte del postino. Anche attraverso questa iniziativa intendiamo restare nel solco tracciato dai fondatori, cioè difendere e promuovere l’uso della lingua slovena, indissolubilmente legata alle nostre radici, al territorio, all’autentica identità delle nostre valli nella quale è inculturata la fede cristiana.

Kadar so se lieta 1966 srečali par Svetin Štuoblanke gaspuodi nunci Mario Laurencig, Valentin Birtig an Emil Cencig an sklenili, de ustanové slovenski kulturno – verski časopis, niso mogli videti tarkaj deleč, četudi je bila pred njimi odparta široka furlanska nižina, de bi paršli do lieta 2016, tuo do 50. oblietince. Za naše močì, za naše kraje je tele velik dogodek an grede tudi pomenben uspeh, zak je po poti Dom zrasu, se je zmočnieu an je tudi preomagu vič težau.
Do potresa lieta 1976 je Dom šu naprej takuo, ki je mogu, zak’ je skor vse pisu g. Cencig an za tehnične reči je skarbeu pa g. Lau- rencig. Po potresu so parskočile na pomuoč nove močì, takuo de je časopis začeu redno izhajati an se širiti po vsieh farah an tudi plavati čez morje do naših ljudi, ki so dielali po svietu. Lieta 1991 smo slovesno praznovali 25-lietnico ustanovitve, z velikim an odmevnim srečanjam v Špietru, s sveto mašo par sv. Škurincu an potlè s proslavo v kamunski dvorani. Imieli smo težave za moliti mašo po sloviensko, zak’ so nekateri videli v tem niek’ neparložnega za tisto cierku an potlè se je pred kamunam zbrala majhana skupina skrajnežu, ki so upili pruoti teli svečanosti. Bila je prù taka, posebno kier so jo počastile javne oblasti, najparvo predsednik dežele Furlanije Julijske krajine Adriano Biasutti an predesnik slovenske vlade Lojze Peterle. Tuo je bluo za nas veliko priznanje. Zgodovina je šla naprej s težavami an uspehi, takuo de donas moremo lahko reči, de se je tiste, kàr so si ustanovitelji želieli, tudi uresničilo. Naša želja je an ostane, de bomo z veliko ljubeznijo do naše Benečije, Rezije an Kanalske doline znali ohraniti viero, kulturo, jezik, deželo, dielo an žive vasi. Vse tuole je naše premoženje. Do donas smo ga ohranili an je živo an zdravo, vsaj zadost. Kar nas skarbi pa donas, je, de ohranimo tudi tisto avtonomijo, ki nam pomaga guoriti an pisati o naših vrednotah, brez zmešnjav. Sevieda je spoštovanje an soočanje z vsemi drugimi komponentami, takuo ki učì pravi pluralizem, v naših željah an zahtevah. Mislemo, de vič glasou je buojš ku adan sam. Zato pujmo naprej pogumno an kuražno an v lepim parjateljstvu z vsiemi Benečani, Rezijani an Kanalčani. (Marino Qualizza)

http://www.dom.it/skarb-za-naso-avtonomijo_compleanno-in-digitale/

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade