avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

lingua e identità etnica

lingua e identità etnica

29 gen 2016

Dragotin Kette

immagine e testo
da http://www.associazioneletteraturagiovanile.it/Fantafilatelia/biografieIJK.htm
Nato a   il  19 gennaio del 1876. Morì  a Lubiana il 26 aprile del 1899.
Nella sua infanzia la sua famiglia si trasferì molto spesso. Era ancora giovane quando sua madre morì nel 1880. Nel 1990 morì pure il  padre, un insegnante.
Dopo la morte dei genitori uno  zio  divenne  suo tutore.
Inizialmente Kette voleva diventare sacerdote, ma dopo aver scritto alcune satire poetiche contro il vescovo di Lubiana dovette lasciare gli studi.
Kette divenne un membro del zadruga ( "cooperativa"), un gruppo studentesco illegale. Tale scelta gli procurò guai con la giustizia. .
Tra il 1895 e il 1896 visse dando lezioni private e iniziò a pubblicare poesie, articoli e racconti per bambini sotto pseudonimo su alcune riviste (Ljubljanski Zvon, Slovenec, Nova nada, Angelček e Vrtec), e continuò gli studi a Novo Mesto, dove si era formata una zadruga sull’esempio  di quella presente a Lubiana. Mantenne comunque i contatti con Lubiana
Riuscì a laurearsi nel 1898, dopo di  che dovette assolvere ai suoi impegni militari   a Trieste. Ma presto fu congedato per motivi di salute e per curarsi si trasferì a Mun, dove a causa della tubercolosi morì all’età di 23 anni.
Nelle sue poesie Adrija e Mio Dio, un ciclo di sonetti del 1898, Ricordi, Notti quiete, Notti nere (1899) rinnova i temi erotici, filosofici, religiosi della generazione romantica, traducendoli in un linguaggio elegante e conciliando la tradizione colta con quella popolare. Fu uno dei maggiori rappresentanti del modernismo sloveno.

Vrabec in lastovka  da basni in pravljice ( fiabe e favole)

Na streho je priletel vrabec k lastovki.
"Kam greš, lastovka?" je ščebetaje vprašal brhko sosedo. "Na jug, na jug," je zacvrčala ptica, "kaj ti ne pojdeš na zimo iz mrzlih in neprijetnih krajev?"
"Jaz, a zakaj neki?"
"Glej ga, bedaka, saj tu ne boš imel ni gorkega stanovanja ni dovolj hrane..."
"In ko bi tudi moral poginiti," je odvrnil dobri rjavček, "ne zapustim svoje preljube domovine, mavreč z njo hočem trpeti in stradati ter pričakovati boljših in srečnejših dni."

https://sl.wikisource.org/wiki/Vrabec_in_lastovka

Il passero e la rondine

Sul tetto un passero volò dalla rondine. 
"Dove stai andando, rondine?" chiese alla sua vicina. 
"Al sud, al sud ,tu non te ne vai via in inverno da questi luoghi freddi e sgradevoli?" 
"Io,ma perché?" 
"Oh sciocco,  qui non troverai nè un nido caldo, nè cibo sufficiente ..." 
"Anche se dovessi morire non lascerei la mia amata terra, con lei voglio patire ed aspettare giorni  migliori e felici."

Moje ljubice  poesia


Lipa je šumela
pa utihnila.
In cvetel je kostanj,
zima cvet upihnila.
Vitka smreka, zelenela nisi,
pa dehtela si,
zeleneča ovenela nisi.
Ko zbledela si,
to si bila priča
malega božiča.
Prva ljuba bila črnolaska,
pa — umrla je,
druga ljuba bila rjavolaska,
pa se z mano sprla je;
sit sem bil do grla je.
Tretja moja ljubica je vitka
bolj kot smreka sred lesa,
in do zadnjega počitka
bodeš ljuba sred srca.
Saj če boš zbledela,
ljubica blondinka,
v rokah boš imela:
kodrolaščka — sinka.

https://sl.wikisource.org/wiki/Moje_ljubice

5 commenti:

  1. Ciao Olgica!! Tu hai anche un altro blog giusto? ma non lo trovo più... mi potresti dare il tuo link? Un grosso abbraccio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è l'altro blog
      http://foto-videoblog.blogspot.it/

      Elimina
  2. Quante cose deliziose mi insegni Olgica cara..Non conoscevo questo poeta, che ha un tratto di penna così delicato e patriottico, senza essere melenso..ma dolce e profumato di terra e di patria..
    Grazie del dono che ci hai fatto, e un forte abbraccio da parte mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento Nella,purtroppo la letteratura slovena è poco conosciuta in Italia,per questo motivo cerco di postare le opere dei nostri vicini sloveni.

      Elimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade