VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

09 gen 2016

Sloveni in festa a Cividale - Tudi lietos liep «Dan emigranta»


Anche quest’anno il Dan emigranta ha messo in evidenza la resistenza, la vitalità e la voglia di crescere degli sloveni di Slavia, Resia e Valcanale. Nella solennità dell’Epifania, il 6 gennaio a Cividale, in un teatro Ristori gremito, Anna Wedam, presidente dell’associazione don Mario Cernet della Valcanale, parlando a nome delle organizzazioni slovene della provincia di Udine, dopo aver evidenziato che “nulla per noi è facile, nulla ci viene regalato. Tutto va conquistato giorno per giorno” ed affermato che “piangerci addosso o fare del facile vittimismo non ci sarà, però, di nessun aiuto”, ha esposto la ricetta perché gli sloveni del Friuli non si riducano a folklore e materiale da museo. “Anzitutto parliamo in sloveno, in pubblico certo, ma anche e soprattutto in famiglia, affinché i nostri figli lo assimilino e sia per loro lingua madre”, ha detto e poi chiesto alle autorità l’istituzione dell’insegnamento trilingue in Valcanale, della scuola bilingue anche nelle Valli del Torre e del liceo plurilingue a San Pietro al Natisone. A nome della politica italiana ed europea è intervenuta l’europarlamentare Isabella De Monte. “Il Friuli Venezia Giulia dispone di una rara ricchezza storica, culturale e linguistica – ha affermato -. Ed è proprio su questa ricchezza, sulla sua tutela e valorizzazione che dobbiamo fare leva per essere sempre più competitivi e centrali all’intero di uno scacchiere europeo in forte mutamento. Il saluto della Regione Friuli Venezia Giulia è stato portato dall’assessore Cristiano Shaurli (presente anche il vicepresidente del Consiglio regionale, Igor Gabrovec). “Dobbiamo far capire a tutti – ha detto Shaurli – che le comunità linguistiche non sono elemento di conflitto, chiusura e folklore, ma valore aggiunto per ridare centralità alla nostra regione”. Per la Repubblica di Slovenia è intervenuto il ministro Gorazd Žmavc, che ha augurato agli sloveni di Slavia, Resia e Valcanale successo nella conservazione della loro lingua e cultura anche con il supporto di un efficace sistema scolastico. Ha anche promesso un particolare sostegno della Slovenia allo sviluppo economico dei territori nei quali vive la minoranza slovena. Il saluto del Comune di Cividale è stato portato dal sindaco Stefano Balloch. Il programma culturale è stato dedicato al quarantesimo del Beneško gledališče.

Tudi lietos je Dan emigranta pokazu, de je narlieuši in narvečji senjam za vse Slovence, ki žive v videnski provinci. Na guod Svetih treh kraju, 6. ženarja so naši ljudje in parjatelji iz Gorice, Tarsta in Posočja napunili teater Ristori v Čedadu. V imenu slovenskih organizacij videnske province je guorila Anna Wedam, ki je predsednica združenja “don Mario Cernet” v Kanalski dolini. Poviedala je, de zatuo ki smo manjšina, pru nič nam na bo šenkano, vsako rieč se muoremo zaslužiti s teškim dielam dan za dnem in nič na nuca se jokati sami nad sebe. Poudarila je tudi, de Slovenci v Benečiji, Reziji in Kanalski dolini nečemo biti folklora in material za muzej, zatuo muoramo brez vsakega strahu guoriti po slovensko vsierode, na posebno vižo v družini, de bojo tudi otroci imieli slovenski za svoj jezik. Zelo potriebno je tudi nastaviti trijezično šuolo v Kanalski dolini, dvojezično v Terskih dolinah in vičjezični licej v Špietru. V imenu italijanske in evropske politike je guorila evropska poslanka Isabella De Monte. Jala je, de ima Furlanija Julijska krajina veliko zgodovinsko, kulturno in jezikovno bogatijo; na njo se muoramo nanašiti, de bi bili centralni v donašnji Evropi. V imenu dežele Furlanije Julijske krajine je pozdravu odbornik Cristiano Shaurli. Tudi on je poviedu, de imeti na teritoriju vič jeziku je  za celo Furlanijo Julijsko krajino bogatija, ki jo je trieba nucati za dobro vsieh. Med publiko je biu tudi podpredsednik regionalnega parlamenta Igor Gabrovec. Republiko Slovenijo je zastopau minister za Slovence v zamejstvu in po svetu Gorazd Žmavc. Zaželeu je, de bojo Slovenci v Benečiji, Reziji in Kanalski dolini znali obvarvati slovenski jezik in kuturo, tudi s pomočjo dobrih šuol. Obljubu je posebno pomuoč Slovencam v videnski provinci, de bojo mogli zaustaviti emigraciojo in de bojo njih vasi še naprej živiele. Za čedajski kamun je pozdravu šindik Stefano Balloch. Slediu je bogati kulturni program. Pod režijo Elisabette Gustini so nastopili Beneško gledališče, mešani pevski zbor Nediške doline, Barski oktet in mešani pevski zbor Fajnabanda. Tekste je parpravu kolektiv Beneškega gledališča.

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *