avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

24 feb 2016

Non perdete nel Dom del 14. febbraio - Ne prezrite v Domu 14. februarja

Nel terzo numero del 2016, che porta la data del 14 febbraio, il quindicinale Dom mette in primo piano l’impegno profuso dalle istituzioni scolastiche e dagli organi competenti al fine di garantire l’insegnamento della lingua slovena nelle scuole della provincia di Udine. Finalmente si sta muovendo qualcosa al fine di istituire di la scuola trilingue in Valcanale. Sul fronte della scuola bilingue di San Pietro al Natisone procede a ritmo sostenuto la ristrutturazione della sede di viale Azzida, che ora sarà più facile portare a termine grazie ai 140 mila euro che saranno assegnati al Comune dalla Regione su proposta della Commissione regionale consultiva per la minoranza sovena.
In primo pagina una nuova pubblicazione dalla cooperativa Most, il »Kaplan Martin Cedermac«, il celebre romanzo dello scrittore sloveno France Bevk sulla proibizione della lingua slovena nelle chiese dell’arcidiocesi di Udine, ora edito in italiano e a fumetti. La traduzione è di Ezio De Martin, le illustrazioni di Moreno Tomasetig e la prefazione dello scrittore Boris Pahor.
La questione di Resia, dove cresce il malumore causato dal tentativo di alcuni di escluderla dal territorio di tutela della minoranza slovena, è stata evidenziata a Gorizia nel suo discorso ufficiale nel Giorno della cultura slovena dall’operatore culturale Sandro Quaglia. Quest’anno il giorno della cultura è stato dedicato dalla minoranza slovena in Italia ad Aldo Clodig, poliedrico operatore culturale della Benečija che ci ha lasciato lo scorso anno. In suo onore è stata rappresentata la »Krajica Vida«, sua ultima opera importante, che ha visto protagonisti il coro infantile e l’orchestra della Glasbena matica, i gruppi teatrali della scuola bilingue e del Beneško gledališče, il coro Fajna Banda e il soprano Mojca Milič e il basso Goran Ruzzier.
Un tema sensibile ed esteso a tutto il territorio è la pulizia di strade e paesi e la sistemazione della viabilità nonché lo spopolamento, la necessità di mantenere viva la scuola nei paesi di montagna e di migliorare la rete telefonica. Sono aspetti evidenziati nelle pagine dedicate alle valli del Natisone e del Torre.
L’esempio di don Cernet è ancora attuale in Valcanale e l’associazione a lui intitolata lo ricorderà, in occasione del centenario della nascita, venerdì 19 febbraio a Camporosso.
È calato il sipario sul Carnevale nelle valli del Natisone, dove la sfilata di fine gennaio a San Pietro ha riscosso grande partecipazione di pubblico, e nella Valle dell’Isonzo, dove a Kobarid dopo 64 anni è stata riportata in auge l’antica maschera »sourenik«. Ora inizia il tempo della Quaresima, un momento di raccoglimento in preparazione alla Pasqua. Non da ultimo il Dom, nell’approssimarsi del suo cinquantesimo di attività, ricorda due dei suoi fondatori, don Emilio Cencig e mons. Valentino Birtig.

V tretiji letošnji številki petnajstdnevnik Dom z dne 14. februarja je v ospredju prizadevanje slovenskih organizacij in pristojnih organov, da bi zagotovili učenje slovenskega jezika v šolah videnske pokrajine, kjer je manjsina priznana. Končno se nekaj premika za ustanovitev trijezične šole v Kanalski dolini. Obnovitev stavbe dvojezične šole v viale Azzida v Špetru napreduje in namembnost občini 140 tisoč evrov s strani dežele po sklepu deželne posvetovalne komisije za slovensko manjšino bo zagotovo olajšala pot.


Na prvi strani je tudi nova izdaja zadruge Most. Gre za Bekov roman »Kaplan Martin Čedarmac« o prepovedi leta 1933 rabe slovenskega jezika v cerkvah videnske nadškofije, ki je zdaj izšel v italijanskem prevodu in v stripu. Za prevod je poskrbel že pokojni Ezio Martin, za ilustracije pa Moreno Tomasetig. Uvodno besedo je napisal Boris Pahor.
Položaj in težave Slovencev v Reziji, kjer nekateri krogi hočejo izločiti dolino iz območja zaščitnega zakona, je predstavil kulturni delavec Sandro Quaglia v svojem slavnostnem govoru ob Dnevu slovenske kulture, ki je potekal v Gorici 6. februarja. Letošnjo Prešernovo proslavo Slovencev v Italiji so posvetili vsestranskemu pokojnemu beneškemu delavcu Aldu Klodiču. Uprizorili so njegovo zadnje pomembno delo »Krajico Vido«, v kateri so nastopili otroški pevski zbor Mali lujerji, orkester Glasbena matica, gledališke skupine dvojezične šole in Beneško gledališče, zbor Fajnabanda, sopran Mojca Milič in bas Goran Ruzzier.
Skrb za teritorij, ureditev cest, upad prebivalstva, ohranitev šole v gorskih vaseh in izboljšanje telefonskih vezi so občutljive ter skupne točke celotneu obmejnemu teritoriju v Benečiji.
Zgled beneškega duhovnika Maria Cerneta je še živ v Kanalski dolini. V Žabnicah združenje, ki nosi njegovo ime, prireja 19. februarja proslavo ob 100-letnici rojstva.
Zaključil se je pust v Nediških dolinah, kjer je bil zelo uspešen pustni sprevod v Špetru, in v Posočju, kjer je po 64 letih spet zaživela starosvetna kobariška maska »sourenik«. Zdaj je postni čas, ki ga bodo verniki v tem jubilejnem letu še bolj zavzeto preživeli.
Nenazadnje Dom skozi besede dveh pokojnih ustanoviteljev današnjega petnajstdnevika g. Emila Cenciga in mons. Valentina Birtiča opozarja na svojo petdesetletnico, ki jo bo praznoval decembra.
http://www.dom.it/ne-prezrite-v-domu-14-februarja_non-perdete-nel-dom-del-14-febbraio/

3 commenti:

  1. Non perdete nel Dom del 14. febbraio

    RispondiElimina
  2. Che bella notizia quella di insegnare la lingua slovena! So quanto ci tieni perciò sono molto contenta :) Un bacionissimo! ♥

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade