VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

01 mar 2016

Poeti contemporanei del Friuli Venezia Giulia


La poetessa  Marina Moretti nata a Trieste nel 1955,insegnante di liceo è autrice di molti volumi di poesie :Creature d'un giorno,La vita al margine ,Ri-oriente, Esprit de Triest.Le sue poesie sono state tradotte in inglese,spagnolo,sloveno,serbo-croato e tedesco.Dirige la collana letteraria dell'Associazione Iniziativa Europea,ha curato un'antologia di poeti di terre di migrazione-Friuli Venezia Giulia,Istria,Regione di Rio della Plata.Nel 2003 ha vinto il Premio Scritture di Frontiera .



 ha partecipato nel novembre 2015 alla fiera del libro di Ljubljana entusiasmando il pubblico con le sue poesie dedicate alla sua città "Esprit de Triest" che portano l'odore di mare e antichità.



Marina Moretti, nata a Trieste nel 1955, è autrice di tre volumi di versi: Creature d’un giorno (2002), La vita al margine (2006; contenete la silloge che ha vinto il “Premio Scritture di Frontiera” 2003) e Ri-oriente (2008). I suoi testi sono tradotti in inglese, spagnolo, sloveno, serbo-croato e tedesco. Dirige inoltre la collana letteraria dell’Associazione Iniziativa Europea. Con Gerald Parks e Aleksij Pregarc, ha curato un’antologia della poesia triestina Trieste – European Poetry (2004) e, con Elvira Dolores Maison, una raccolta di poeti delle terre di migrazione – Friuli, Venezia Giulia, Istria, Regione di Rio de la Plata – Io è un altro/Yo es otro (L’Harmattan, 2006). Sue poesie sono contenute nell’antologia Io è un altro. Poeti per la pace. Con Cd audio di letture (Nota, 2007). E’ membro del PEN Club Trieste

MERLETTI DI SALE

I merletti di ghiaccio con cui
oggi addobbi i tuoi moli
contro la bora scura
fanno pensare che potresti congelare
che un eterno inverno potrebbe
scendere sulla città
la distesa di pesci moribondi
tra la riva e la vecchia diga
pare più di un fenomeno occasionale
e il marinaio Ciano con la rete che pesca
la più grande pescata della  sua vita
la morte stessa in muta nera
.....


MARE NOSTRUM

La consapevolezza dei salvati 
è una vertigine
s'inerpica dal fondo degli ossari
immagina carni e nomi
su irte superfici di futuro
tardiva come una corona
in un naufragio
non assolve
non giova 

da https://lacasadicartapapirnatahisa.wordpress.com/2016/01/24/marina-moretti/

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *