VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

11 mar 2016

Scontro maggioranza-opposizione, rinviata la variante per la bilingue

Stop imprevisto all’iter di approvazione della variante al Piano urbanistico di San Pietro al Natisone che dovrebbe consentire il completamento dei lavori sulla sede storica della scuola bilingue di viale Azzida. Al culmine di una discussione molto accesa fra maggioranza e opposizione, durante il consiglio comunale dello scorso 26 febbraio, il sindaco Mariano Zufferli ha deciso di togliere l’approvazione finale dalla variante dall’ordine del giorno della seduta. Il motivo del contendere è sorto su un’osservazione firmata dalla dirigente della bilingue Sonja Klanjšček. La richiesta era quella di modificare, negli obiettivi della variante, la zonizzazione dell’area adiacente alla struttura, compresa l’area dell’ex tiro a segno, inserendo anche la lettera S che definisce la aree adibite allo svolgimento di attività sportive, il che consentirebbe la realizzazione della palestra di cui la scuola sarebbe al momento sprovvista. In apertura di discussione il sindaco ha dato lettura anche della contro-deduzione dell’urbanista incaricato dal Comune (l’architetto Marcello Rollo) che accoglie “parzialmente” l’osservazione della Klanjšček. In particolare, solo nelle norme attuative del piano (e quindi non negli obiettivi), Rollo suggerisce che venga inserita la dicitura ‘Attrezzature per l’istruzione’ specificando che – all’interno della categoria – sono ricompresi “gli edifici e gli spazi relativi allo svolgimento dell’attività didattica (aule, auditorium, mense, palestre e aree attrezzate per lo sport’. Il consigliere Dorbolò, prima della votazione, ha quindi chiesto su cosa il Consiglio andasse ad esprimersi. Alla risposta “sull’osservazione” è seguito il voto favorevole di tutti i consiglieri. Qui però è sorto il problema: la minoranza ha ribadito di aver votato il testo così come proposto da Klanjšček, rimarcando la necessità (al di là delle lettere sulla zonizzazione) che la modifica intervenisse sugli obiettivi della variante. La maggioranza e il sindaco hanno sostenuto invece di aver votato sulla controdeduzione del tecnico di cui il sindaco aveva appena dato lettura. La frattura si è rivelata ben presto insanabile e a nulla è valso il tentativo di mediazione del segretario comunale. Dopo alcuni batti e ribatti con toni sempre più accesi fra sindaco, capogruppo di maggioranza (Luca Zufferli) e i tre consiglieri dell’opposizione (Dorbolò, il capogruppo Daniele Trinco e Stefano Cernoia), lo stesso sindaco ha deciso di togliere dall’ordine del giorno l’approvazione della delibera finale. Già nei prossimi giorni però il consiglio comunale si riunirà di nuovo per ridiscutere della vicenda.http://novimatajur.it/attualita/scontro-maggioranza-opposizione-rinviata-la-variante-per-la-bilingue.html

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *