avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

09 mag 2016

Scuole slovene, realtà del pluralismo regionale

 La presidente Serracchiani sul 70° anniversario «Settant’anni fa un passaggio fondamentale nella storia del nostro territorio, oggi un’imprescindibile realtà del pluralismo regionale». Così la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, in un messaggio ideale indirizzato alla Comunità slovena, ha ricordato i settant’anni del riavvio delle lezioni nelle scuole slovene in Italia, dopo la chiusura imposta dalla Riforma Gentile del 1923. «Se oggi possiamo contare su una comunità slovena forte e radicata che arricchisce il panorama culturale regionale - ha proseguito Serracchiani - il merito va a coloro che, dopo gli anni bui del fascismo e della seconda guerra mondiale, seppero da subito organizzare una vasta rete di istituti scolastici con lingua d’insegnamento slovena. Da allora le scuole slovene di Trieste e Gorizia, alle quali si è poi aggiunto anche l’istituto bilingue di San Pietro al Natisone, sono l’essenza e il lievito della comunità slovena del Friuli Venezia Giulia». Da Serracchiani è poi giunto l’augurio ai presidi e agli insegnanti affinché le scuole slovene continuino ad essere «peculiarità importante della nostra Regione, operando anche nell’interesse del dialogo multiculturale e agendo come ponte tra il Friuli Venezia Giulia e la vicina Repubblica di Slovenia». Ricordando infine come la messa al bando delle scuole slovene voluta dal regime fascista sia stato un atto ingiusto e devastante per gli sloveni in Italia, Serracchiani ha espresso il desiderio che il ricordo di quei tempi terribili sia un monito a non ripercorrere gli errori del passato. «La storia degli sloveni del Friuli Venezia Giulia ci dovrebbe insegnare che la discriminazione e l’intolleranza sono sentimenti che non possono appartenere all’Europa che abbiamo sognato, voluto e costruito dopo il secondo conflitto mondiale», ha concluso la presidente.
 ARC/PV/PPD (www.regione.fvg.it)
http://www.dom.it/wp-content/uploads/2016/05/Slovit-aprile-2016.pdf

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade