avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

lingua e identità etnica

lingua e identità etnica

29 giu 2016

E' uscito il Dom del 30 giugno

Nel numero del 30 giugno, il quindicinale Dom dedica ampio spazio alla riforma organizzativa dell’Arcidiocesi di Udine, che prevede il pasaggio dalle attuali 24 ad appena 9 foranie e 56 collaborazioni pastorali. Riforma che naturalmente interesserà anche il territorio di lingua e cultura slovena. E ricordiamo la recente nomina di don Loris della Pietra a rettore del seminario interdiocesano di Udine
Sul canto e la messa in lingua slovena è incentrato l’editoriale, firmato dal direttore responsabile del dom don Marino Qualizza, che sottolinea come la messa in sloveno contribuisca a mantenere viva la fede vissuta in cmunità, conferisca forza alla parola slovena e aiuti a tutelare il ricco patrimonio di canti sloveni.
Nella pagina di vita religiosa il monito di papa Francesco che parlando di giudizio divino e umano ha detto «Prima di giudicare gli altri guarda te stesso».
Ha riscosso interesse e partecipazione di pubblico lo scorso 25 giugno a San Pietro, dopo l’ultima messa in sloveno prima della pausa estiva, la presentazione del romanzo «Kaplan Martin Čedermac», scritto da France Bevk e ora pubblicato dalla cooperativa Most in italiano nella traduzione di Ezio Martin. La prefazione è opera di Boris Pahor e il testo è corredato dai fumetti di Moreno Tomasetig. Introdotta dal coro Rečan-Aldo Klodič e dalla recita di un frammento di predica del capellano Martin Čedermac da parte di Stefano Coren e Peter Tull, studenti della scuola media bilingue, sono intervenuti mons. Marino Qualizza, direttore responsabile del Dom, Larissa Borghese sull sua tesi di laurea sulla questione della lingua slovena nella narrativa di France Bevk, l’editore e fumettista Alessandro D’Osualdo e Moreno Tomasetig.
È nata 23 anni fa con l’intento di contrastare l’abbandono e vivacizzare il paese di Topolò, la Stazione di Topolò che torna con un ricco programma dall’8 al 17 luglio, come racconta in un’intervista Donatella Ruttar, coordinatrice assieme a Moreno Miorelli della kermesse di dimensione internazionale.
Il Comune di Cividale ha istituito uno sportello di lingua slovena, nello spirito della legge 38/2001 di tutela della minoranza slovena, di cui potranno avvalersi anche i non residenti. A questo proposito era stato indetto un concorso per l’assunzione a tempo determinato di uno sportellista.
Sempre a Cividale il circolo culturale sloveno Ivan Trinko ha recentemente presentato il sito rinnovato kries.it, che integrerà tutti i circoli culturali sloveni attivi in provincia di Udine.
Nelle valli del Torre è stata recentemente presentata una guida bilingue su storia, natura, cultura ed eventi dell’Alta Val Torre. A Taipana prenderanno il via i lavori per la messa in sicurezza della chiesa mentre quella di Platischis è ancora chiusa per irreperibilità dei fondi.
Imbrattare i cartelli bilingui costituisce reato anche in Val Canale, dovrebbero tenerne conto quanti nei giorni scorsi hanno imbrattato a Malborghetto-Valbruna gli indicatori di direzione bilingui sloveno-italiano.
A Resia la Caritas diocesana ha organizzato a giugno un campo di volontariato di una settimana rivolto ai giovani dai 14 vai 19 anni. Vi ha aderito anche il Museo della gente della Val Resie e i volontari sono stati impegnati nel recupero e operazioni di inventario di alcuni oggetti recentemente donati al museo.
Nell’alta Valle dell’Isonzo sono stati recentemente installati a Bovec, Kobarid e Tolmin distributori per macchine elettriche.
Nella pagina dello sport la riforma dei campionati dilettantistici e la collaborazione tra Valnatisone e Forum Julii. Tadei Pivk continua ad incassare successi nell’ambito del World Series Sky, nella prova di Livigno lo scorso 26 giugno è giunto primo nel maschile. È stata accolta dal bel tempo nonostante le avverse previsioni meteo la marcia transfrontaliera Canebola-Robidišče-Podbela nata nel segno dell’amicizia Tra Italia e Slovenia e per il nono anno in memoria di Ado Cont, che ne è stato l’ideatore.
Nella pagina degli appuntamenti «Il ritorno dei falciatori», in programma il 16 e 17 luglio a Tribil Inferiore, rievocherà antiche usanze legate allo sfalcio dei prati.
continua in sloveno ...http://www.dom.it/ne-prezrite-v-domu-30-junija_uscito-il-dom-del-30-giugno/

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade