avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

06 giu 2016

MUSI RIAVRA' UNA DELLE SUE TRE FONTANE


C’era una volta Musi, con i suoi 200 abitanti e le sue tre fontane. Oggi, il piccolo borgo dell’Alta Val Torre, di anime ne conta meno di dieci, ma resta un luogo per certi versi “magico”, cui la popolazione del comune di Lusevera è molto legata, così come lo sono tantissimi emigrati all’estero. Qui ci si continua a incontrare, infatti, ogni anno, per il raduno degli alpini, per incendiare il falò di San Giovanni e cantare insieme, attorno alla pira, tramandando così, di generazione in generazione, le antiche usanze e tradizioni degli avi. Adesso, per restituire alla frazione un pezzo della sua lunga storia, l’amministrazione municipale ha deciso di ricostruire una delle tre fontane che un tempo sorgevano nel paesino. «Il tutto è nato dal ritrovamento di una vecchia fotografia di Musi – spiega il sindaco, Guido Marchiol – nell’immagine si vede bene la fonte, con una donna seduta sul bordo della vasca, con il fazzoletto in testa e un bambino in braccio; uno scatto che dà l’idea di quanto poteva essere grande il punto di approvvigionamento dell’acqua. È stata una bella sorpresa per tutti vedere quest’istantanea, peraltro di grande impatto emotivo e di notevole forza evocativa, che ci riporta indietro con la memoria, quando il borgo era densamente abitato e le alture, tutto intorno, erano curate e coltivate, di fatto dei prati. Al tempo c’erano molti allevatori di mucche e l’acqua, che non entrava nelle case come oggi, la si andava a prendere proprio nelle fontane. A Musi ce n’erano tre e servivano per tutto: per uso alimentare, quindi per cucinare, per pulire, per dissetare gli animali e, probabilmente, anche per lavare i pochi panni nelle disponibilità delle famiglie. In realtà è possibile che per abiti e lenzuola si utilizzasse anche un lavatoio, di cui però non abbiamo memoria, per Musi. Se ne conservano, invece, a Lusevera, a Micottis e a Pradielis, ancora con acqua corrente, seppure non potabile. Sono testimonianze importanti della nostra terra che vanno mantenute». In base a questa vecchia fotografia, su incarico del Comune, un geometra sta realizzando un progetto che servirà poi per ricostruire la fontana, il più possibile simile a quella che già esisteva, nella piazza “centrale” del paesino. Nell’immagine si nota bene la vasca di raccolta, a forma quadrata, e tre colonne decorate nelle sommità da semplici capitelli sormontati da tre sfere. «La ricostruiremo in piazza, esattamente dove sorgeva un tempo – spiega il sindaco –; dopo il terremoto del 1976, Musi ha cambiato completamente aspetto, con la costruzione di nuovi edifici. È sparita, tra gli altri immobili, la scuola, e nell’area in cui sorgeva l’istituto oggi c’è la sede degli alpini». Nel borgo c’erano anche tre osterie che, oltre alla mescita al banco, avevano una parte dedicata alla bottega, per la vendita di prodotti alimentari e generi di prima necessità.
http://www.dom.it/musi-riavra-una-fontana_v-muzcu-bo-spet-vodnjak/

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade