avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

22 lug 2016

Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International: c’è ancora molto da fare per Giulio Regeni


20.07.2016 Redazione Italia
Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International: c’è ancora molto da fare per Giulio Regeni
Un'immagine del flash mob del 24 aprile a Milano (Foto di Gabriella Bucci)
“L’ultimo rifiuto di collaborare da parte del Cairo con gli inquirenti italiani (perché le richiesta di Roma sarebbero contrarie alla Costituzione egiziana, che peraltro vieta anche la tortura nondimeno praticata su scala quotidiana…) ci dice che siamo a un punto fermo in cui l’iniziativa italiana deve riprendere al più presto” ha dichiarato oggi a Pressenza Riccardo Noury, portavoce italiano di Amnesty International.
Dovrebbe essere dato seguito alle parole del Ministro degli Esteri Gentiloni, che aveva preannunciato le ormai celebri quanto inattuate ulteriori misure graduali e progressive in caso di mancata collaborazione alle indagini da parte egiziana. La sensazione invece è che ci sia una notevole voglia di normalizzazione e che si intenda perseguire quella strada, rivelatasi sin qui inefficace, delle due rette parallele: verità per Giulio e buoni rapporti col Cairo.
Lunedì 25 luglio alle 19 a Roma, in una piazza che deve essere ancora concessa dalle autorità locali e che comunicheremo nei prossimi giorni, in tanti ricorderemo Giulio Regeni a sei mesi dalla sua scomparsa. L’emozione e l’indignazione per la sua terribile morte sono ancora vive in tutto il paese: me ne accorgo continuando a girarlo in lungo e in largo e scoprendo striscioni gialli (“il giallo Giulio” come lo chiama mamma Paola) in ogni dove.
Questi sentimenti meriterebbero un atteggiamento migliore da parte del governo italiano, che da più parti manda segnali che si sarebbe ormai “fatto il massimo”. C’è invece molto da fare, in Italia (ma anche in Europa) per Giulio. Una modesta proposta: rendere l’ambasciata al Cairo un luogo sicuro e protetto per chi volesse testimoniare ciò che ha visto.

2 commenti:

  1. c’è ancora molto da fare per Giulio Regeni

    RispondiElimina
  2. Cara amica grazie x aver ancora una volta partecipato alla foto sfida:CLICCA QUI
    solo ora mi sono accorta che hai aderito alla campagna contro l abbandono ....quindi ti aggiungo tra i blog aderenti all iniziativa, grazie da parte di kim :-)

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade