avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

lingua e identità etnica

lingua e identità etnica

18 set 2016

Chiesa, non abbandonarci - Cerkev, ne zapuščaj nas!


stara-gora
.
Il gruppo redazionale del quindicinale «Dom», che da cinquant’anni collega le comunità di lingua slovena dell’Arcidiocesi di Udine, l’associazione «don Eugenio Blanchini » che, anche attraverso gli otto circoli aderenti, organizza l’attività dei cattolici sloveni in Valcanale, Resia, Valli del Torre e Valli del Natisone, e l’associazione «don Mario Cernet» di Valbruna intendono contribuire alla riflessione sulla riorganizzazione pastorale della Chiesa Udinese attraverso l’accorpamento delle foranie e la costituzione delle «comunioni pastorali», che uniranno strettamente le attuali parrocchie.
Il progetto presentato ai Consigli Presbiterale e Pastorale diocesani prevede che dalle attuali 24 si passi ad appena 9 foranie e vengano istituite 56 «collaborazioni pastorali».
Si tratta di un passaggio delicato e decisivo per la sopravvivenza delle comunità di lingua slovena dell’Arcidiocesi di Udine, che sono insediate in territorio montano e soffrono un drammatico calo demografico con tutto ciò che ne consegue sul piano sociale ed economico, ma pure su quello religioso. Esse rappresentano, infatti, una preziosa eredità della Chiesa madre di Aquileia che le ha accolte e generate nella fede cristiana. La loro emarginazione o la loro scomparsa rappresenterebbero un impoverimento dell’eredità storica e spirituale della Chiesa Udinese, unica in questa parte d’Europa a vantare la presenza delle tre grandi stirpi europee – latina, slava e germanica.
L’anno pastorale 2016-2017 dell’Arcidiocesi sarà dedicato a esaminare il progetto. «Che le nostre parrocchie scoprano la gioia e la ricchezza di crescere nella comunione reciproca, dove ognuna è valorizzata, dove la più piccola ha un’attenzione particolare, dove si respira la misericordia di Gesù nei rapporti reciproci », ha ben evidenziato l’Arcivescovo, che nei prossimi mesi incontrerà, a zone, i sacerdoti e i consigli pastorali foraniali per condividere il significato e le linee del progetto delle Collaborazioni pastorali e raccogliere suggerimenti.
Per quanto riguarda le valli del Natisone e del Torre, la Val Resia e la Valcanale, dov’è storicamente insediata la minoranza slovena e la cui tutela è assicurata da leggi di tutela approvate dal Parlamento italiano e dal Consiglio regionale, innanzitutto desideriamo richiamare quanto affermato dal Sinodo diocesano Udinese V: «La necessità di incarnare il Vangelo nelle culture locali richiama l’importanza che ha per l’evangelizzazione l’uso delle lingue parlate in Friuli: “L’evangelizzazione perde molto della sua forza e della sua efficacia se non tiene in considerazione il popolo concreto al quale si rivolge, se non utilizza la sua lingua, i suoi segni e simboli, se non risponde ai problemi da esso esposti, se non interessa la sua vita reale” (EN 63). Perciò questo Sinodo udinese quinto raccomanda che le comunità cristiane locali tengano conto del pluralismo etnico-linguistico della Chiesa che è in Friuli. Esse infatti sono chiamate ad utilizzare quella lingua che permette di far risuonare e percepire me g l io il mess aggio evangelico. Non si tratta di strumenta-l izzare il Vangelo in funzione della tutela o promozione di una lingua, ma di essere fedeli allo stile di evangelizzazione della Chiesa nella sua storia. Fin dagli inizi la Chiesa “imparò ad esprimere il messaggio di Cristo ricorrendo ai concetti e alle lingue dei diversi popoli. E tale adattamento
della predicazione della parola rivelata, deve rimanere legge di ogni evangelizzazione. Così infatti viene sollecitata in ogni popolo la capacità di esprimere secondo il modo proprio il messaggio di Cristo e al tempo stesso viene promosso uno scambio tra la chiesa e le diverse culture dei popoli” (GS 44 1461). Pertanto gli operatori pastorali delle comunità locali ricorrano all’uso della madre lingua friulana, slovena o tedesca, tutte le volte che ciò favorisce la comunicazione efficace del messaggio cristiano». Ci piace ricordare anche come l’Arcivescovo mons. Andrea Bruno Mazzocato, dopo la visita alla forania di San Pietro al Natisone, nell’omelia della concelebrazione finale il 4 luglio 2010 assicurò che la Chiesa Udinese non ha nessuna intenzione di lasciare le comunità delle Valli del Natisone e di tutto il territorio montano al proprio destino, anzi si impegnerà sem- pre più a fondo per dare loro nuova speranza. «C’è un gregge sui monti – disse –, ma non è un gregge disperso. Ci sono delle difficoltà, ad esempio certi paesetti di montagna si stanno spopolando di più, ma non è un gregge disperso. Infatti ho visto in mezzo a ogni gruppetto di case un campanile e una chiesa, e attorno alla chiesa c’erano i cristiani. Allora è un gregge sì sui monti e nelle valli, ma non è disperso perché è attorno alle chiese, dunque attorno al Signore».
Rispondendo alla richiesta di contributo alla riflessione formulata dall’Arcivescovo nella ricorrenza dei Patroni Santi Ermacora e Fortunato, sulla scorta delle Costituzioni sinodali e del magistero di mons. Mazzocato e dei suoi predecessori, chiediamo nella realizzazione della nuova organizzazione pastorale diocesana una particolare attenzione alle valli del Natisone e del Torre, alla Val Resia e alla Valcanale, dove, in virtù delle specifiche condizioni ecclesiali, storiche culturali ed etnico-linguistiche non possono essere applicati meri criteri numerici e di dimensioni territoriali.
In primo luogo non riteniamo rispondente alle esigenze pastorali la fusione della forania di San Pietro al Natisone con quelle di Cividale e Rosazzo.
Troppo forte è la diversità tra territorio montano, spopolato e allo stremo socialmente ed economicamente, con la pianura densamente abitata e ricca di risorse. Ben difficile risulterebbe un efficace piano pastorale comune. Altrettanto si può dire della fusione delle foranie di Nimis, Tarcento e Tricesimo.
Più rispondente alla situazione sarebbe una nuova forania che comprendesse il territorio montano e pedemontano da Lusevera a Prepotto, includendo Cividale. Una tale unità pastorale era stata peraltro più volte auspicata in importanti convegni diocesani sulla montagna e sulla valorizzazione delle comunità di lingua slovena e friulana.
In Valcanale e in Val Resia, all’interno di una fusione tra le foranie di Tarvisio e Moggio Udinese, vanno garantiti il rispetto e la valorizzazione dei fedeli sloveni, anche e soprattutto attraverso la presenza di sacerdoti che conoscano la loro lingua.
Pure nella prospettata collaborazione pastorale di San Pietro al Natisone bisogna garantire sacerdoti che conoscano lo sloveno, così pure nelle collaborazioni pastorale di Nimis, Faedis e Cividale, che comprenderanno parrocchie di tradizione slovena.
La scarsità di sacerdoti di lingua slovena può essere superata con una più fattiva collaborazione della Chiesa Udinese con le Chiese sorelle della Slovenia e la formazione di sacerdoti, diaconi e operatori pastorali con conoscenza della lingua locale.
Tutto questo affinché la nostra Chiesa Udinese, secondo l’esortazione dell’Arcivescovo, sia «un’oasi di misericordia, nella quale tante persone possano incontrare per la prima volta o incontrare nuovamente Gesù, il Volto della misericordia del Padre». U. D.

Petnajsdnevnik Dom, Združenje »Don Evgen Blankin« in Združenje »Don Mario Cernet« predlagajo ustanovitev ene foranije za Benečijo in ene foranije za Železno in Kanalsko dolino. Vprašajo, naj nadškofija poskrbi za duhovnike, diakone in pastoralne delavce, ki znajo in govorijo slovenski jezik.

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade