VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

15 ott 2016

Malborghetto-Valbruna nei toponimi


Preservare il ricco patrimonio toponomastico della Valcanale, fino a neanche un secolo fa prevalentemente bilingue (tedesco-sloveno) e oggi quadrilingue (italiano-friulano-sloveno-tedesco) per le nuove generazioni, che ne stanno perdendo coscienza. E recuperare alla memoria i nomi originali dei luoghi, spesso e volentieri rimpiazzati ad arte in base al processo di italianizzazione della toponomastica avviato dal fascismo per desiderio di supremazia latina, in barba al trattato internazionale di Saint Germain en Laye (1919). Nelle parole dell’autore, sono questi gli intenti della nuova pubblicazione di Alessandro Oman, la settima dei «Quaderni del Museo», presentata mercoledì 28 settembre al Palazzo Veneziano di Malborghetto. Nel corso della serata, Lara Magri, responsabile del Museo etnografico del Palazzo Veneziano, ha spiegato come il nuovo volume consista in sostanza in una raccolta di toponimi con riferimento alla loro genesi, effettuata consultando archivi. L’opera, senza pretese scientifiche, sarà utile per ulteriori studi. Per preparare il volume, Oman ha consultato diversi informatori locali, avendo modo di verificare come le versioni italiane dei toponimi non rafforzino il senso di appartenenza nelle generazioni più anziane, mentre siano in sostanza assorbite da quelle più giovani. Al libro è allegato un CD, che riporta la collocazione dei toponimi su cartine dei singoli paesi. Alla presentazione è intervenuto anche Boris Preschern, sindaco di Malborghetto-Valbruna/Naborjet-Ovčja vas, che ha evidenziato come per la comunità locale non sia importante solo la visione turistica, ma anche il mantenimento della propria unica e peculiare identità. L’evento di presentazione, accompagnato in musica dal Coro parrocchiale di Ugovizza diretto dal maestro Osvaldo Errath, è stato organizzato dall’Uti del Canal del Ferro-Val Canale in collaborazione coi sodalizi della minoranza linguistica slovena «Don Mario Cernet» e «Planika» e della minoranza linguistica tedesca «Kanaltaler Kulturverein».
continua in sloveno
http://www.dom.it/naborjet-ovcja-vas-v-toponomastiki_malborghetto-valbruna-nei-toponimi/

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *