avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

10 gen 2017

Tra Nord e Sud, Maria Torre da Salerno a Borgo Salandri

ATTIMIS
Da decenni vive nel borgo natio del marito e aiuta i figli nella gestione della trattoria con cucina tipica “Barbe Blas”
Paola Treppo
Ha 71 anni ma non li dimostra affatto, Maria Torre, l’ostessa di «Barbe Blas», una trattoria paesana di quelle di una volta, semplice e vera, storica, passata nei decenni attraverso tante vicissitudini, prima tra tutte quella del terremoto del 1976, che vide la famiglia gestrice arrangiarsi alla meglio cucinando in un prefabbricato, per continuare a dare un fondamentale servizio alla comunità nel momento dell’emergenza e in quello della ricostruzione post sisma.
Da allora è passato tanto tempo, ma il legame con il territorio è rimasto sempre fortissimo. Anche se Maria non è nata a Borgo Salandri, un piccolo abitato sopra Attimis, a quota 350 metri, dove vivono poco meno di 50 persone. Arriva dalla provincia di Salerno, in particolare dal comune di Eboli, dove ha ancora tanti parenti, che raggiunge ogni tanto, usando il treno, durante la chiusura della trattoria.
«Sto bene a Salandri, qui ci sono i miei due figli e ho voluto portare anche mia madre dopo la sua scomparsa – racconta dietro al banco, già decorato con il presepe per le feste di Natale –; la mia è una storia particolare. Quando ero solo una ragazza, ho partecipato a una festa di nozze in paese, a Eboli. La sposa si era unita in matrimonio con un uomo di Attimis ».
Ed è lì, in quell’occasione tanto speciale, che Anna conosce l’amore, Angelo Crast, che poi diventerà suo marito.
«Lui era di Borgo Salandri, paesino che poi ho raggiunto per stargli accanto. Quando sono arrivata, qui non riuscivo a capire la lingua che parlava tutta la comunità locale; era un dialetto sloveno, che poi ho imparato a comprendere e che viene usato anche oggi per parlare normalmente, anche al bar».
Quando Maria arriva in questa località sopra Attimis, la trattoria la gestisce Anna, la mamma di Angelo; lei impara le ricette del posto e quelle delle specialità tipiche di questa parte del Friuli, come la “posganizza”, un piatto che fa parte del menù di «Barbe Blas» anche oggi.
«Mi piace proporre pietanze che sono legate al luogo in cui vivo e che amo: chi viene a mangiare da noi, sa che può assaggiare piatti originali, unici, del luogo. La “posganizza” è una portata nutriente, che faceva mia suocera, a sua volta “ereditata” dai suoi avi per la ricetta. Si tratta di salame con la farina, in un certo senso simile alla salsiccia cotta con il latte, ma diversa. La proponiamo con successo. A volte metto in tavola anche qualche piatto del Sud Italia». Dopo la pensione, Maria continua a dare una mano al bar e ai tavoli, dove la gente del borgo passa ore in compagnia davanti al caminetto, in sala, a giocare a carte.
«Barbe Blas», che ricorda nella sua insegna il secondo nome del marito Angelo Crast, Biagio, da cui “Zio Biagio”, da sette anni è gestita dal figlio Giancarlo che ha 34 anni; in trattoria lavora pure l’altro figlio di Maria, in una conduzione tutta familiare, dove a farla da padrone sono l’accoglienza e la cordialità.
 
A sinistra Maria Torre nella trattoria “Barbe di Blas”, a destra notturno ad Attimis.

1 commento:

  1. Tra Nord e Sud, Maria Torre da Salerno a Borgo Salandri

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade