avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

20 giu 2017

Editoriale del quindicinale Dom del 15/06/2017

Non per fede, ma per potere

QualizzawebDa qualche tempo c’è un gran parlare di guerre di religione, dopo che è esploso il terrorismo di matrice islamica, che ha colpito l’Occidente, a cominciare dal tragico 11 settembre del 2001. Benché nelle azioni dei fanatici ci sia un evidente richiamo religioso, l’attacco agli Usa dimostra che l’obiettivo non è la Religione Cristiana, ma l’imperialismo occidentale, incarnato proprio dagli Usa. Che poi nei già citati gruppi estremisti si celino o manifestino progetti di dominio universale in nome della comunità islamica, altro non è che la dimostrazione, di sostituire gli Usa e l’Occidente europeo nel dominio.
Dunque, una dimostrazione di potere che si contrappone ad altro potere, appunto quello coincidente con il mondo cristiano, purtroppo solo come etichetta, giacché il nostro mondo, forse, non è più neanche nominalmente cristiano. Che cosa resta allora all’orizzonte? Una grande corsa agli armamenti, un vorticoso giro finanziario, uno sfruttamento brutale di terra, mare e cielo, da cui ci sovrasta la nube tossica di anidride carbonica, che in Cina ha già oscurato il sole.
Le conseguenze sono presto enumerate: nelle mani di pochissimi c’è la ricchezza del mondo intero e viene amministrata in modo tale, che invece di essere partecipata, viene ulteriormente sottratta ai bisognosi. C’è poco di buono da aspettarsi da questo mondo.
In Brasile, nei decenni scorsi, si era sviluppata la Teologia della liberazione, che aveva come obiettivo la coscientizzazione dei poveri, per farli protagonisti attivi della loro vita e creatori di un ordine sociale basato sulla giustizia della solidarietà e nel ripudio della violenza. È significativo che questo progetto sia nato dal Vangelo. Laddove manca questa ispirazione, è facile che la scelta sia il fanatismo terroristico o ideologico, che cambia le cose, peggiorandole.
Agli strilli che anche in Italia si levano, giustamente, contro il terrorismo, non si può rispondere con il rispolvero di nuove guerre o con l’odio generico verso il diverso, ma con il ritorno alle radici cristiane, che hanno fatto l’Europa con Benedetto, Cirillo e Metodio e rinnovato con Francesco. Tornando a queste sorgenti, che irrorano le nostre radici, troveremo risposte adeguate, anche se mai definitive, ai problemi d’oggi. Ci basta l’oggi. Domani è un altro giorno.
Marino Qualizza

http://www.dom.it/non-per-fede-ma-per-potere_ne-gre-za-vero-a-za-oblast/

4 commenti:

  1. Editoriale Dom del 15/06/2017

    RispondiElimina
  2. Ciao Olgica!!! Da quanto tempo... ma sempre felice di venirti a trovare! Spero tu stia bene, un abbraccione grande! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente ti rileggo,spero tutto bene!

      Elimina
  3. Cara Olga, purtroppo si combatte una guerra che non ce!!!il nemico non è mai di fronte per combatterlo, ma è sempre alla spalle!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade