Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2016

Nell’anno nuovo con la koleda koledo

Immagine
Una volta il giorno di Capodanno in Val Torre i bambini andavano di casa in casa per ricevere il "koledo", una "mancia" che consisteva in noci,nocciole,castagne,mele,solo più tardi caramelle ,uova o qualche monetina.
Questa usanza la troviamo anche a Resia, in Val Natisone, in Slovenia e in altri paesi di origine slovena. In Val Torre i bambini cantavano una filastrocca:
  " koledo novo ljeto,Buoh nan dejte no dorò lieto".

Anche la Slavia si sta preparando a festeggiare la fine dell’anno vecchio e l’arrivo del 2017. Una delle tradizioni più antiche è la «koleda», la questua del periodo natalizio conosciuta in Slovenia e in tutto il mondo slavo. Un tempo il rito si svolgeva in tutti i paesi. Ora nelle Valli del Natisone è restato a Cicigolis di Pulfero, dove nell’ultima sera dell’anno (dalle ore 17.30) gli uomini del paese, portando una stella, intonando canti tradizionali, effettuano una questua di casa in casa. Al mattino (dalle 9.30) si svolge, invece, la k…

Buon 2017-srečno novo leto 2017

Immagine

Calendari/Koledarji

Immagine
I CALENDARI DELLA TERSKA DOLINA





L’OPINIONE

Immagine
Una first lady slovena alla Casa bianca Ci mancava anche questa!

 Il mondo in fibrillazione da disillusione per l’incredibile cambio ai vertici dei poteri mondiali rappresentato dal presidente degli USA. L’opinione globalizzata dei mass-media era che, razionalmente, moralmente, come conseguenza diretta del comune bon senso, avrebbe dovuto, per pura logica, vincere Hillary Clinton. Non è la prima volta che i sondaggisti abbiano fatto flop. La gente ne è anche stufa ed il flop sta diventando sistematico. Dunque, Donald Trump ha ora in mano la politica e non solo quella americana. A dire il vero, la «politica» nel suo significato etimologico sarebbe «l’arte del governare», possibilmente bene la città, la «polis». Ma Platone, già 2400 anni fa, ne delineò le possibili forme degenerative, distinguendo tra democrazia – la quale può scadere nella demagogia –; l’aristocrazia – che non è lontana dall’oligarchia –; la monarchia – che può assumere le diverse forme della tirannide. Purtroppo ogg…

raj je kle

Immagine

Naša zgodovina in kultura v Trinkovem koledarju - La nostra storia e cultura nel Trinkov koledar

Immagine
Na dvesto straneh nam Trinkov koledar za leto 2017 prinaša tudi tokrat vrsto zanimivih prispevkov o naši deželici, o zgodovini Slovencev v videnski pokrajini, o delovanju slovenskih kulturnih društev na vsem teritoriju.
Izredno bogato je letos narečno poglavje, saj ob pesmih domačih ustvarjalcev (letos Riccardo Ruttar in Gabriella Tomasetig),  objavlja eno rezijansko pravljico in dve novi pesmi, ki sta se v domačem dialektu rodili v Terski dolini. Več prispevkov je na temo Čedad in Slovenci, ki je bila ena od glavnih tem in je tudi vsebina projekta, ki ga je na razpis Dežele FJK prijavila Občina Čedad oz. njen urad za slovenski jezik. Pri projektu sodeluje tudi kulturno društvo Ivan Trinko.
Poglavje posvečeno “slovenskemu” Čedadu, ki je bil v zgodovini trg za Slovence iz Nadiških in Terskih dolin ter iz Posočja, odpira prispevek Boža Zuanelle o slovenski toponomastiki Čedada. Iz njega med drugim izvemo, kaj so naši kmetje prodajali na posameznih trgih in kaj kupovali. Nato podajajo s…

A Taipana scuole a rischio chiusura

Immagine
Il polo scolastico di Taipana rischia di chiudere:ci sono 8 bambini  nella scuola primaria (dalla prima alla quinta)  e 14 nella scuola dell'infanzia,per un totale di 22 alunni.E' un grosso problema in Friuli per i paesi di montagna ,le amministrazioni comunali si sono date sempre da fare perchè questa realtà scolastica non chiuda.Sono stati fatti continui investimenti sulle strutture , tante agevolazioni per le famiglie che decidono di iscrivere i figli in questa scuola.La dirigenza dell' Istituto comprensivo ha supportato il polo educativo offrendo tra le altre cose delle ore di insegnamento di sloveno e ore aggiuntive di educazione musicale.
Se non ci saranno nuove iscrizioni per il 2017/18 potrebbe succedere che la scuola chiuda definitivamente.Tante sono le iniziative tra le quali anche una  splendida mostra di Presepi delle frazioni di Cornappo/Karnahta e Debellis/Debeleže all'aperto,a Debellis,nella sala sottostante alla chiesa,a Cornappo.
Maurizio Petrei che coor…

Il Natale di un tempo

Immagine
Una persona anziana mi ha raccontato come si festeggiava una volta  il Natale e le altre feste a casa sua. La sua mamma era molto impegnata nella stalla, tanti figli e parenti ai quali pensare.Quello che ha impresso chiaramente sono tutte le messe alle quali doveva partecipare,anche a fare il chierichetto.Il giorno di Natale /Božič sul spolert c'era sempre il brodo di gallina ,la mamma apriva qualche vaso di verdure messe sotto aceto,preparava la "paača" un pane di mais cotto sotto alla cenere e i grandi bevevano un bicchiere di vino nero "american".Sua sorella, che era la maggiore, se il papà portava dal bosco un abete/brina o qualche pianta di ginepro lo addobbava con mele,caramelle,biscotti,mandarini,ma non durava integro fino a Natale.Non c'era usanza di fare regali ai bambini,al massimo noci-kulini ,nocciole-liešniki.

Festa dell'Indipendenza dell' Unità in Slovenia

Immagine
Oggi in Slovenia  è laFesta dell'Indipendenza e dell' Unità

26 dicembre (Giorno dell'Indipendenza ed Unità) è la data della comunicazione dei risultati ufficiali del referendum per l'indipendenza nel 1990 che confermò la separazione dalla  Jugoslavia .

ZIMA/INVERNO

Immagine
Ptički so lačni,
pesem molči,
dnevi so mračni,
sončeca ni.
Prazne so njive,
grede in vrt,
ptičke preganja
žalostna smrt. Mislite v hudi
zimi na nje,
da nam pomladi
spet žvrgole.

Jožica M.
Gli uccellini sono affamati/la canzone tace/le giornate sono nebbiose/non c'è sole/
Sono vuoti i campi/l'orto e i  solchi / la triste morte/scaccia gli uccellini/
Pensate a loro/nell'inverno gelido/per riascoltare ancora/il loro canto a primavera/

NO AI BOTTI

Immagine
No ai botti : ecco cosa fare
Purtroppo con l'avvicinarsi delle Feste di fine anno, i botti o i fuochi d'artificio poi, sono una piaga che fa spaventare i ns amici animali e  non solo i cani.... comunque qui sopra nel grafico trovate utili consigli per il vs cane se ha paura. Io aggiungo anche di tenere accesa la tv o una radio possibilmente con programma musicale (no programmi col conto alla rovescia che poi fanno i botti pure lì) per 'coprire' il rumore degli spari! Come lo scorso anno anche quest'anno c'è Kim che dice " no ai botti" !!!  Se partecipate anche voi a questa campagna di sensibilizzazione apponendo la foto di Kim nel vs. blog avvisatemi che vi inserisco nell'elenco dei blog aderenti.
https://okanimali.blogspot.it/2016/12/no-ai-botti-ecco-cosa-fare.html?showComment=1482599585109#c3940126661801375315

Questo blog augura

Immagine

Il Friuli plurilingue nella contemporaneità

Immagine
Sul Novi Matajur del 14.12 un resoconto dell’incontro inaugurale della seconda parte di “L’Europa batte…” Lo scorso 7 dicembre, presso la Libreria Tarantola di Udine si è tenuto il primo incontro della seconda parte del progetto Friûl_Furlanija_Friaul_Friuli, l’Europa batte dove la lingua duole. Identità, autogoverno, territorio e cittadinanza europea. Dopo la serie di trasmissioni tematiche sulle frequenze di Radio Onde Furlane, l’iniziativa, realizzata dall’associazione di promozione sociale e culturale KLARIS con il sostegno della Provincia di Udine allo scopo di offrire occasioni di conoscenza e di riflessione sul pluralismo linguistico e culturale, sui diritti linguistici e la cittadinanza europea e sul legame tra dimensione continentale, diversità culturale, partecipazione civica e autonomie territoriali, si svilupperà in una serie di incontri nelle librerie e nelle biblioteche di Udine e dintorni. Al centro del primo appuntamento, dal titolo Identitâts – Jeziki – Kreativität –…

Špetrska dvojezična šola bo imela od 9. januarja spet na voljo svoj sedež/ La bilingue di San Pietro dal 9 gennaio nella nuova sede

Immagine
“Od 9. januarja 2017 bo imela špetrska dvojezična šola na razpolago svoj sedež. Takrat se bodo lahko vsi učenci, dijaki in osebje preselili.” Tako je v sredo, 30. novembra, povedal župan Špetra Mariano Zufferli med obiskom deželnega odbornika Sergia Bolzonella in podpredsednika deželnega sveta Igorja Gabrovca na obnovljenem sedežu šole v Ažlinski ulici. Dolga zgodba polna težav in zapletov različne narave (birokratske, finančne in politične), ki so si kot po tekočem traku sledili od marca 2010, ko je dvojezična šola ostala brez svojega sedeža, ker so ugotovili, da stavba ne odgovarja protipotresnim normam, se bo torej končno vendarle srečno zaključila.
Stari sedež špetrske dvojezične šole v Ažlinski ulici so začeli obnavljati konec novembra 2014, to se pravi štiri leta in pol po odloku o prisilni zapustitvi prostorov iz varnostnih razlogov, ki ga je podpisal tedanji župan Tiziano Manzini.
V vsem tem obdobju je pouk potekal na treh ločenih sedežih v Špetru (oziroma v zadnjih letih še v…

SBP 2016 Predstavitev - 15 BA TËU Ä BET - Rezija

Immagine

Kaj smo jedli dan bot za Božič / Cosa si mangiava un tempo per Natale

Immagine
Dan bot po majši polnočni ,smo jedli tripe bokinove ali od ovce tou kropu za se ogrieti,ker tou cjerkui ni bluo horkuo. Un tempo,dopo la messa di mezzanotte,si mangiava le trippe di manzo o di pecora in brodo per scaldarsi,perchè in chiesa faceva freddo.

Le trippe (mulice) di nonna Maria
Ingredienti:
500 gr di trippe,sajin(strutto)1 cipolla (čebula),1 strok di luk (spicchio di aglio),1 carota (koranj),sedano,formaggio vecchio grattugiato,brodo (krop),sale e pepe.
Preparazione:
lessare le trippe per 4 ore se di manzo,tagliarle a listarelle,preparare un soffritto con  strutto, cipolla,sedano e carota tagliata a pezzettini e l'aglio.Soffriggere le trippe mescolandole accuratamente per circa 10 minuti,aggiungere il brodo e far bollire a fuoco lento fino a completa cottura di tutti gli ingredienti,alla fine aggiungere il formaggio grattugiato.

La paača di nonna Maria
La paača è un cibo povero della Terska dolina ormai dimenticato e si cucinava sotto la brace.Era dolce o salato e poteva avere…

Pulfero entra nell’Uti del Natisone

Immagine
“Non andremo nell’assemblea dei sindaci dell’Uti con la testa china e il cappello in mano, ma forti delle nostre convinzioni, per tutelare gli interessi dei nostri cittadini”. Questa la chiosa del sindaco di Pulfero Camillo Melissa poco prima che il consiglio comunale approvasse, lo scorso 19 dicembre, all’unanimità, lo statuto dell’Uti del Natisone. “Dopo due anni e mezzo di battaglie contro la legge di riforma degli enti locali della Regione e contro la delimitazione territoriale del nuovo ente – le parole del sindaco – abbiamo deciso di scendere dalle barricate”. Le ragioni della scelta di aderire all’Uti sono state illustrate nella relazione letta durante la seduta dal vicesindaco Mirko Clavora. Un testo, ha spiegato, concordato con le quattro amministrazioni delle valli del Natisone (San Pietro al Natisone, San Leonardo, Grimacco e Drenchia) che ancora non fanno parte dell’Uti. E che – questa l’ulteriore novità – aderiranno all’ente entro la fine di quest’anno solare. Nella rela…

2. svetovna vojna v stripu / La 2ª guerra mondiale a fumetti (40)

Lieta 1945  je končala druga svetovna vojska. Kar se je pred njo, med njo in po nji gajalo v Benečiji, je lazajnski famoštar g. Antonio Cuffolo (1889-1959) napisu v dnevnikah po slovensko in po italijansko. V drugi pregledani in dopunjeni izadaji, ki jo je urediu Giorgio Banchig, sta izšla par zadrugi Most lieta 2013.  Moreno Tomasetig je slovenski Cuffolu dnevnik spravu v strip , ki ga  v beneškoslovenskem dialektu obljavljamo v vsaki številki Doma. To je 40. nadaljevanje. Nel 70° della fine della seconda guerra mondiale (1945), Moreno Tomasetig ha trasformato in fumetto i diari del parroco di Lasiz, don Antonio Cuffolo (1889-1859). In questa puntata. Il 27 giugno 1944 da Clodig giunge notizia della condanna a morte, da parte dei partigiani, del sig. Crucil, proprietario della corriera; a Prepotto hanno passato per le armi il podestà, nel Collio Angelo Birtig di Mezzana. Il 4 luglio le SS irrompono in canonica alla ricerca dei prigionieri inglesi fuggiti. Il sacerdote li ha nascosti …

Natale in poesia

Immagine
Ma quando facevo il pastore
allora ero certo del tuo Natale.
I campi bianchi di brina,
i campi rotti dal gracidio dei corvi
nel mio Friuli sotto la montagna,
erano il giusto spazio alla calata
delle genti favolose.
I tronchi degli alberi parevano
creature piene di ferite;
mia madre era parente
della Vergine,
tutta in faccende,
finalmente serena.
Io portavo le pecore fino al sagrato
e sapevo d'essere uomo vero
del tuo regale presepio.
padre  David Maria Turoldo  


Mercoledì 22 novembre di cento anni fa nasceva in un paesino del Friuli padre David Maria Turoldo, frate dei Servi di Maria, poeta, giornalista, predicatore, testimone a

Usanza di dicembre

Immagine
Un tempo,quando si ammazzava il maiale,era una grande festa in tutte le case,ma c'era anche tanto lavoro.Si iniziava al mattino presto e le donne preparavano tutto il necessario:vari teli,asciugamani,corde,fili,mastelli.Gli uomini affilavano i coltelli,le spezie,sale,pepe.Ad una certa ora arrivava il norcino per controllare i lavori,dopo cominciava a tagliare i vari pezzi della carne a seconda del prodotto da fare:salami,salsicce,fegato,musetto,prosciutto.Le ossa ,le costole venivano messe in parte ,come il lardo, lo strutto e il sangue cotto. I  piccoli pezzi di carne scaldati davano i ciccioli,una prelibatezza per i bambini che aspettavano davanti alla porta per riceverli.

L'importanza di insegnare ai bambini due lingue

Immagine
😃 Insegnate ai bambini sin da piccoli il friulano,lo sloveno e il tedesco,saranno avvantaggiati

Capita ancora di sentire dire che il bambino è troppo piccolo per imparare una lingua straniera, che sicuramente si confonderebbe non avendo ancora padronanza dell’italiano. Ma è vero? Se, da una parte, situazioni simili sono sempre più rare, dall’altra, Non è mai troppo presto e soprattutto i bambini non si confondono, anzi il bilinguismo precoce porta con sé enormi vantaggi, non solo in ambito linguistico, ma anche cognitivo e sociale.  Uno dei primissimi vantaggi che si riscontra nei bambini bilingui dal punto di vista linguistico è una maggiore conoscenza spontanea della struttura del linguaggio. I bambini bilingui, infatti notano più intuitivamente la struttura ed il funzionamento delle lingue, giocando anche spesso con esse, mescolando gli accenti o traducendo in maniera fantasiosa da una lingua all’altra. Molti bambini bilingui imparano a leggere prima dei loro coetanei monolingui …

Auguri ai lettori di questo blog

Immagine

Stolvizza illumina il Natale resiano - Na Solbici božična luč za Rezijo

Immagine
A Stolvizza/Solbica il Natale diventa magia. Nel piccolo borgo alle pendici delle Alpi Giulie, immerso in un incantevole ambiente naturale, l’atmosfera natalizia si fa sentire più viva che mai, anche grazie a un programma ricco di appuntamenti, che garantirà emozioni per tutti accanto a significativi momenti di preghiera.
Da sabato, 17 dicembre, a venerdì, 6 gennaio 2017, un «Percorso Natale – Presepi per la via» si snoderà tra i vicoli del suggestivo borgo Kïkej, animato da innumerevoli presepi nei punti più caratteristici, per dare vita ad una spettacolare rassegna di creazioni artistiche di varie dimensioni e materiali, da visitare e ammirare con una suggestiva e piacevole passeggiata. Ma il vero incanto sarà nella Notte di Natale di sabato 24 dicembre. Quella sera, a partire dalle 20.00, si attenderà la discesa della grande Stella, che nel buio della notte calerà dalla cima dell’altopiano del Pusti Gost. Arriverà fino sopra il paese, dove andrà ad illuminare un suggestivo presepe …

Anniversari tra loro legati - Med sabo povezane obletnice

Immagine
In questo 2016 che si va concludendo, abbiamo ricordato tre importanti anniversari per la comunità slovena di Benecia, Resia e Valcanale, nonché per l’intera minoranza slovena in Italia. Si tratta dei cinquant’anni della fondazione del periodico Dom, dei quarantt’anni dell’istituzione della Confederazione delle organizazioni slovene (meglio conosciuta con l’acronimo Sso, dalle iniziali di «Svet slovenskih organizacij») e dei vent’anni dalla costituzione dell’associazione culturale «don Eugenio Blanchini». Queste tre espressioni del nostro popolo sono tra loro strettamente legate. Il giornale Dom nacque dalla felice intuizione di alcuni sacerdoti delle Valli, i quali capirono che l’inculturazione della fede cristiana nell’identità slovena della loro gente non poteva proseguire efficacemente solo tramite l’ordinaria azione pastorale. Quegli stessi sacerdoti dieci anni dopo, ai fine di mettere gli sloveni della provincia di Udine in più stretto legame con il movimento cattolico sloveno di …