Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2019

Pod Avstrijo in Italijo, a po slovensko - Sotto Austria e Italia, ma in sloveno

Immagine
Antonio Codromaz Praponski kamun je luja v vaseh Idarske doline deu tabele v dvieh jezikah – taljansk in sloviensk. »Na slovenske tabele smo čakal’ že puhno let, ma je biu pa problem,« nam je poviedu Antonio Codromaz, ki je doma par Kodarmacih. »Kàr so jih diel’ v druzih občinah, so vse zbrisal’ al’ dol vrgli, so bli nimar problemi. Vičkrat že smo vprašal’, za jih imiet, sa’ smo bli nimar Slovienj, odkar je sviet. Parvo smo bli pod Avstrijo, potle pod Italijo, ma nimar Slovienj. Sa’ tel šindak je zastopu, de tle je potrieba po sloviensko jih imiet an jih je deu. Jaz sem veseu, de so jih diel’.« Antonio Codromaz je star 76 let in se je rodiu par Kodarmacih. Sada so v vasi v treh. 1912. lieta so parpeljal’ uodo, tik pred parvo uojsko so nardil’ ciesto. Telefonin tukaj diela, ma je težkuo, ni signala, prime sloviensko. Nova tabela par Kodarmacih/Il nuovo cartello a Codromaz »Župan v praponskin kamune, ki je ženska, če si ga vpraša ki, ti gleda pomagat.« Parvo šuolo Antonio je nardiu v Poda…

Božičev film “Zgodbe iz kostanjevih gozdov”, ki je bil posnet v Benečiji, bodo predvajali v Torontu

Immagine
Film “Zgodbe iz kostanjevih gozdov”, prvenec režiserja Gregorja Božiča, ki so ga marca in aprila 2016 snemali v Nadiških dolinah, bo doživel svetovno premiero na filmskem festivalu v Torontu, kjer ga bodo predvajali 8. septembra.
 Film je rezultat italijansko-slovenske koprodukcije (za slovensko stran je producent hiša Nosorogi, ki jo vodi Marina Gumzi, za italijansko pa družba Transmedia Igorja Prinčiča). Projekt so podprle tudi glavne evropske, slovenske, italijanske in deželne filmske ustanove (na primer Film Commission FJK oziroma Sklad za avdiovizuelne medije FJK), film pa si je zagotovil tudi financiranje s strani italijanskega ministrstva za kulturne dobrine in dejavnosti ter turizem.
 Podlaga, ki daje filmu strukturo, je drama Rekviem Izraelca Hanoha Levina, katere osnovna ideja izhaja iz treh zgodb Čehova, vse to pa dopolnjujejo še pripovedi iz beneškega ljudskega izročila. Scenarij sta napisala Božič in Gumzijeva, ki sta ga nato še razvila in med snemanje ter v stiku z okol…

Più alunni alla scuola di Taipana - Več učencev v tipajski šoli

Immagine
Un inizio d’anno scolastico decisamente positivo per le scuole di Taipana/Tipana quello alle porte, 2019-2020. Non solo per il numero degli iscritti, che sono in aumento, ma anche per le nuove dotazioni a disposizione di alunni e insegnanti. A darne notizia è l’amministrazione municipale che ha attinto dal bilancio comunale per l’acquisto di un nuovo scuolabus. «Era tempo di sostituire quello in servizio – dice il sindaco, Alan Cecutti –, per dare un migliore servizio alle famiglie e ai bambini. L’importo che abbiamo messo a disposizione è di circa 80 mila euro. Siamo in ogni caso in graduatoria per ottenere un finanziamento dello stesso importo da parte della Regione, sempre per lo stesso mezzo. Nel frattempo abbiamo stanziato come Comune la somma per consentire l’avvio dell’anno con il nuovo pulmino». Non è la sola novità. Entro settembre, infatti, l’area esterna delle scuole sarà attrezzata con nuovi giochi tra cui lo scivolo e le altalene. Tutto, anche in questo caso, grazie a una s…

Da bi otroci govorili po slovensko - Perché i bimbi parlino in sloveno

Immagine
Novo šuolsko lieto tuče na vrata. V Furlaniji Julijski krajni se bo začelo v četartak, 12. šetemberja, in v Benečiji z novuostjo, de je Davide Clodig novi ravnatelj (dirigent) vičstopinskega dvojezičnega inštituta Pavel Petričič.Imenovan je biu 22. avgusta, med sedmimini novimi ravnatelji za slovenske šuole v Italiji, ki so lietos uspešno zaključili konkorš. Novi ravnatelj, ki je doma iz Sriednjega in ima 45 liet, je biu do sada profesor matematike in naravoslovja na dvojezični sriednji šuoli v Špietru. Dielo v novi vlogi bo začeu 2. šetemberja. Profesor Clodig, kaj pomeni za vas tela nova zadoužiteu? »Seviede je osebno zadoščenje pa predvsiem velika odgovornost. Biti naslednjik Žive Gruden in Sonje Klanjšček je zaries velik izziu. Vseglih začetak diela v novi funkciji čakam nestarpno, zak’ mi daje veliko motivacijo. Biti ravnatelj v kraju, kjer si aktiven že puno cajta na vsieh področjih ti daje še vič moči in voje za dielat dobro.« Dvojezično šuolo dobro poznate. Katero je nje stanje? »…

Ecco cosa serve per lo sviluppo turistico della Benečija

Immagine
LA LETTERA
Una struttura efficiente e organizzata è la premessa indispensabile al decollo di un’attività economica fondamentale Giorno dopo giorno siamo subissati dalle fantastiche proposte- idee-progetti che faranno rifiorire la Benečija. Si accendono i fari, si dà fiato alle trombe dell’informazione per annunciare la mirabolante iniziativa, che, inesorabilmente, si ridurrà ad un lumicino, per spegnersi rapidamente. Perché in tutte le attività, iniziative, progetti ci sono delle opportunità. ma anche dei rischi, dei potenziali fallimenti. Questi ultimi non vengono mai analizzati. Mai che si dica: questo progetto è marginale, è una bufala, è fatto solo per far parlare di sé. Mai che si faccia l’analisi dei risultati. Quasi mai si danno indicazioni su come dovrebbero funzionare queste fantastiche proposte-idee-progetti. Ci penseranno altri, fuori dalla Benečija, visto che qui ormai non esiste più un luogo, un centro, una istituzione in cui si possa dibattere di problemi esistenziali, di p…

Mons. Qualizza: “Benečija predstavlja zadnji otok slovenskega sveta in ga je treba čuvati”

Immagine
V zadnji številki Novega Matajurja pred poletnimi počitnicami (izšla je 31. julija) smo objavili daljši pogovor z mons. Marinom Qualizzo. Pred štirimi leti je postal zlatomašnik, v Benečiji pa že od leta 1987 pomaga v Dreki, pri Sv. Mariji Devici. Od leta 2013 mons. Qualizza, ki sicer živi v videnskem domu za ostarele duhovnike, ob sobotah zvečer daruje slovensko mašo v špetrski cerkvi. Je tudi odgovorni urednik beneškega štirinajstdnevnika Dom. V branje vam ponujamo izvleček iz omenjenega intervjuja.
Gospod Qualizza, zakaj ste se odločili za dušnopastirski poklic?
“K temu me je na nek način vzpodbudila mama. Po končani osnovni šoli mi je rekla, da je bodočnost v znanju. V tistem času mi je župnik Angelo Kračina daroval evangelij in latinsko slovnico. Knjigi sem začel prebirati z velikim zanimanjem in se nato odločil za semenišče.
Spomnim se, da me je v vidensko semenišče z motorjem gilera 250 prvič peljal gospod Giuseppe Iaculin. Motor ni imel zadnjega sedeža, ker gospod Iaculin ni ho…

»Živiet na planinah« v novi knjigi «Vivere sui pascoli» in un libro

Immagine
Se ce ne fosse ancora bisogno (ricordate le polemiche degli scorsi mesi sulle varianti linguistiche?), anche la storia dei pascoli e delle malghe testimoniano l’appartenenza della Benecia all’area culturale slovena. «Nelle Valli del Natisone, nelle Valli del Torre e in Val Resia, tutte aree dove la monticazione oggigiorno non è più presente, il modello di alpeggio si rifaceva al tipo sloveno nel quale le dimore temporanee, costituivano, quando erano raggruppate, dei veri e propri villaggi estivi, organizzati, a seconda dell’area geografica, in maniera differente», evidenzia Mauro Pascolini, geografo dell’Università di Udine. «Nella montagna della Carnia e dell’alto pordenonese – spiega – il modello è diverso: è quello che le malghe siano affidate ad un malghese che cura il proprio bestiame o quello affidatogli da altri allevatori delle vallate». Pascolini espone queste considerazioni nell’introduzione alla ricerca «Živiet na planinah/Vivere sui pascoli » curata da Luisa Battistig e pro…

Ultimo numero del Novi Matajur

Don Pietro Podreka

Ecco qui una biografia di don Pietro Podreka, grande e luminosa figura di sacerdote e di studioso. Don Pietro Podreka, appartenente a una famiglia che ha dato uomini insigni e illustri alla Slavia Friulana, terra che amarono al massimo del sentimento e che onorarono con le loro opere, è stato il primo caldo e vigoroso poeta degli sloveni del Friuli. Nato a S. Leonardo il 16 febbraio 1822 da modesta famiglia, frequentò il seminario a Udine, distinguendosi, nel corso dei suoi studi, per spiccate doti di intelligenza. Nel 1848 fu ordinato sacerdote e poi nominato cappellano a Tercimonte ove rimase otto anni. Aveva un temperamento mite ed un animo modesto per cui non aspirò a nessuna carica, ma volle rimanere sempre semplice cappellano. Era amato dalla sua gente che vedeva in lui più che un padre il quale non pensava soltanto alla cura morale dei suoi figli ma anche alle loro condizioni materiali ed economiche. In questo periodo disgraziatamente si diffuse il colera in quelle regioni. E …

Contea di Tribil Superiore: Il regista Rojatti torna con il film "La spiga e i...

Tanti auguri Boris Pahor, vse najboljše! 🎂

Immagine
Compie oggi la bellezza di 106 anni lo scrittore triestino madrelingua slovena Boris Pahor. Uno dei più importanti intellettuali sloveni, con una vita incredibile, passata attraverso il dramma della seconda guerra mondiale, il terrore fascista e l'internamento nei campi di concentramento nazisti. Ma Pahor è stato più forte di tutto questo e ancora oggi, come un ragazzino, continua a parlare, a scrivere e a raccontare della sua lunghissima vita.

Tanti auguri Boris Pahor, vse najboljše! 🎂

Eventi/Prireditve

Prireditev v Čanieboli/Evento a Canebola-Folk in tour 201927 Agosto 2019 - 20:00

>> ČANIEBOLA
>> v torak, 27. vošta, ob 20.
bo Folk in tour 2019. Nastopila bota skupina The Chai Connection in duo DosFolks. >> CANEBOLA
>> martedì, 27 agosto, alle 20
si terrà Folk in tour 2019. Si esibiranno il gruppo The Chai Connection e il duo DosFolks.

Koncert v Prapotnem/Concerto a Prepotto31 Agosto 2019 - 20:00
>> PRAPOTNO
>> v saboto, 31. vošta, ob 20.
bo v cierkvi sv. Janeza Karstnika koncert. Nastopu bo mednarodno uveljavljeni komorni zbor Ipavska iz Vipavske doline. >> PREPOTTO
>> sabato, 31 agosto, alle 20
si terrà un concerto nella chiesa di San Giovanni Battista. Si esibirà il coro, conosciuto a livello internazionale, Ipavska dalla Valle del Vipacco.

Intervista con la nipote di d. Cuffolo

Immagine
Alla presentazione della seconda edizione dei diari sulla seconda guerra mondiale di Antonio Cuffolo, ha partecipato la nipote, suor Antonia Cuffolo, superiora generale dell’istituto di Sant’Eusebio di Vercelli. Le abbiamo chiesto un ricordo di suo zio.
«È stata la persona più significativa della mia vita – ha risposto –. Mi ha insegnato molte cose, a livello umano e spirituale. Mi ha fatto crescere. Era una persona molto libera, aveva idee molto ampie. Era un educatore vero e io ho osservato il fatto che lui amava il suo sacerdozio. Ho sognato lo zio in paradiso, perché lui era fiero di essere sacerdote. Desiderava poter formare altri sacerdoti. Il giorno della sua morte, alle sette di mattina è arrivato il vescovo, mons. Zaffonato, che ha detto: “Stiamo perdendo un grande uomo, un vero patriarca, che teneva vicino i sacerdoti della vallata”». La sua figura,  è molto attuale.
«Penso di sì. Le persone libere e critiche che vivono con autenticità non tramontano mai. Durante la sua vita…