Raziskovalci spet v Kanalski dolini - Ricercatori di nuovo in Valcanale

Fotografia: Ernst Steinicke

La realtà plurilingue e multiculturale della Valcanale, con la sua particolare evoluzione storica e politica, continua a essere al centro dell’attenzione del mondo accademico. A febbraio è iniziato il progetto di ricerca dal titolo The demise of «Little Europe» – Assimilation and cultural landscape in North-East Italy (in italiano La fine della «Piccola Europa » – Assimilazione e paesaggio culturale nell’Italia nord-orientale).
Condotto dall’Istituto di Geografia dell’Università di Innsbruck e coordinato dal prof. Ernst Steinicke, lo studio è incentrato sulle minoranze storico-linguistiche e durerà fino al 2023. A finanziarlo è l’Austrian science fund; partner del progetto sono l’Istituto di Geografia e scienza regionale dell’Università di Graz, tramite il prof. Peter Čede, e il Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Trieste, tramite il prof. Igor Jelen.
Nella zona alpina tra la provincia autonoma dell’Alto Adige/Südtirol e il confine con la Slovenia è presente una straordinaria concentrazione di minoranze etno-linguistiche. Per questo la Valcanale, col suo particolare sviluppo storico e un’alto livello di diversità culturale, si presenta come nucleo d’interesse della ricerca. Con una forte immigrazione di abitanti dal Friuli e da altre zone d’Italia, dagli anni Venti del XX secolo in poi e soprattutto durante la Seconda guerra mondiale questa zona delle Alpi si è trasformata in un mosaico multietnico, in cui le tre famiglie linguistiche predominanti in Europa s’incontrano: la slava (con lo sloveno), la romanza (con italiano e friulano) e la germanica (col tedesco).
Un’ analisi dello sviluppo della regione in tempi recenti prenderà in esame i processi di assimilazione, il cambiamento demografico e l’influsso dei nuovi arrivati (amenity migrants, ovvero i migranti verso località montane e spopolate, ma con qualità della vita migliore a livello di ambiente e cultura) e nuovi agricoltori sul paesaggio culturale.
S svojo zgodovino je večjezična stvarnost Kanalske doline še naprej prod drobnogledom univerzitetnih strokovnjakov. Februarja se je začel raziskovalni projektz z naslovom The demise of «Little Europe» – Assimilation and cultural landscape in North-East Italy (v slovenščini Konec »Evrope v malem« – Asimilacija in kulturna krajina v severovzhodni Italiji).
Projekt, ki ga izvaja Inštitut za geografijo Univerze v Innsbrucku, koordinira prof. Ernst Steinicke. Trajal bo vse do leta 2023; osredotoča se na zgodovinsko jezikovne manjšine. Finančno ga podpira sklad Austrian science fund; partnerji so še Inštitut za geografijo in regionalno znanost Univerze v Gradcu, sicer preko profesorja Petra Čedeta, in Oddelek za politične in družbene vede Univerze v Trstu, preko profesorja Igorja Jelena.
Na alpskem predelu med avtonomno pokrajino Južna Tirolska in mejo s Slovenijo je veliko narodno-jezikovnih manjšin. Kanalska dolina s svojo posebno zgodovino in visoko stopnjo kulturne raznolikosti stopi v ospredju raziskave. Vanjo se je naprej preselilo veliko Furlanov in Italijanov, tako da od dvajsetih let prejšnjega stoletja naprej in po drugi svetovni vojni je postala večnarodni mozaik. V njej sobivajo tri glavne jezikovne družine v Evropi: slovanska (s slovenščino), romanska (z italijanščino in furlanščino), ter germanska (z nemščino).
Preko analize bodo obravnavali asimilacijske procese, demografično spremembo in vpliv novih kmetov in novih priseljencev – tistih, ki se preselijo v manj poseljene kraje z višjo kakovostjo življenja – na kulturno krajino.

Commenti

  1. RAZISKOVALCI SPET V KANALSKI DOLINI - RICERCATORI DI NUOVO IN VALCANALE

    RispondiElimina

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

Post popolari in questo blog

Come disinfettare le mascherine usate - Koronavirus, tako razkužimo maske

La palestra di arrampicata a San Leonardo

In onda sulla giusta frequenza