Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2020

Come disinfettare le mascherine usate - Koronavirus, tako razkužimo maske

Immagine
Il dott. Mario Canciani, stimato pediatra pneumologia, continua i suoi aggiornamenti settimanali con notizie pratiche sull’infezione da Coronavirus, basate sulle domande che ci vengono poste più spesso. Per facilitare la comprensione, cerca di usare il meno possibile termini medici e di semplificare i concetti. Anche questo settimo report non vuole sostituire il ruolo del curante, né quello della sanità regionale, le cui informazioni invitiamo a consultare all’indirizzo https://www.protezionecivile.fvg.it/…/informazione-coronavi…. Per chi lo desiderasse, ogni giovedì e per tutto il mese di aprile, il dott. Canciani è presente su UdineseTV, canale 110, alle ore 20.45. Si parla di problemi respiratori e allergici e del coronavirus. Causa le restrizioni legate al Corona, non si possono fare delle domande in diretta. Chi avesse dei quesiti, può mandarli a: studio@mariocanciani.com POICHÈ FACCIO FATICA A TROVARE LE MASCHERINE, POSSO USARLE PIÙ VOLTE? A parte le mascherine lavabili, che pos…

auguri

Immagine

Blagoslov velikonočnih jedi ob 19.- Benedizione dei cibi pasquali alle 19

Immagine
Na Veliko saboto, 11. obrila, naši ljudje nečejo ostati brez žegna ognja in velikonočnih jedil, četudi so lietos velikonočne andohti brez parsotnostni vierniku. Zatuo so vprašali msgr. Mariana Qualizza, de pošja Božiji žegan na oginj, velikonočne jedila, vasi, hiše in še posebno na ljudi. Tuole bo ob 19. uri. Vsi so vabljeni, de pred hišo paržgejo oginj in položijo pletenice, cajne al’ korpe z velikonočnimi jedmi, de bi parjele Božiji žegan. BLAGOSLOV VELIKONOČNIH JEDI: «Bog, naš Oče, od tebe so vse dobrine, od tebe je vse, kar smo in kar imamo. Blagoslovi, prosimo, te velikonočne jedi in nas nauči, da bomo v tvojih darovih gledali tvojo neskončno ljubezen. Vsi, ki jih bodo uživali, naj se veselijo telesnega in duševnega zdravja.Po Kristusu, našem Gospodu. Amen.« BLAGOSLOV OGNJA NA VELIKO SOBOTO: »Sveti Bog, v gorečem grmu si razodel svoje veličastvo in po jezikih, ki so bili kakor plameni, opozoril na prihod Svetega Duha. Prosimo te, blago+slovi ta velikonočni ogenj da nam bo znamenj…

Il nostro virus sul nostro confine

La senatrice Tatjana Rojc sugli scenari sorti dopo la diffusione dell’epidemia

Dragi bralci, riprendo, su invito di Miha Obit, una riflessione che avevo in parte proposto sul «Piccolo» di Trieste e che tocca da vicino gli sloveni della provincia di Udine. Ci siamo infatti convinti di essere davvero liberi, alla caduta del confine con la Slovenia, quando vedevamo finalmente realizzato il sogno di un’Europa dei popoli, dove tutti, indistintamente, ci saremmo potuti riconoscere come parte della stessa entità, e che gli sloveni lungo il confine avevano compreso da sempre. Di essere, cioè, una unica, inscindibile comunità, nonostante quelle sbarre che impedivano di varcare con passo leggero una soglia sospetta, e entrare entro i confini di un territorio che molti continuavano a infangare. Eravamo convinti di esserci finalmente e definitivamente liberati del passato. Oggi sono ritornate quelle paure e portano un nome diverso: COVID-19. Hanno, però, la stessa forza di metterci di fronte a n…

CORONAVIUS e 5G La verità sulle CAUSE del Virus -Rudolf Steiner Virus e ...

Immagine

Coronavirus, scontro politico fra Fvg e Slovenia sul blocco dei Tir

TRIESTE – TRST
Fedriga a Lubiana: «Revocate lo stop o i nostri rapporti si incrineranno». Replica del consolato: «Atto dovuto». A sera telefonata distensiva Conte-Janša Ha rischiato di innescare una “guerra” diplomatica lo stop imposto venerdì scorso dalla Slovenia ai Tir provenienti da Fernetti. Un rischio scongiurato nella serata di ieri al termine di una giornata decisamente tesa. Prima l’attacco del presidente della Regione Massimiliano Fedriga contro Lubiana, poi a stretto giro la risposta del consolato sloveno, infine il dialogo serrato tra governi. Solo in serata, come detto, il clima è diventato meno “elettrico” e le lunghe code di camion al confine hanno iniziato ad attenuarsi. Attorno alle sette – poco dopo la protesta inscenata da una trentina di autotrasportatoti dell’Est esasperati dalle attese –, gli agenti sloveni hanno fatto passare i primi cinquanta tir. Una decisione che, secondo quanto lasciano intendere voci diplomatiche, ha fatto seguito a una telefonata tra il p…

Vorrei la luna - XXX #iostoacasa

Immagine
video di Romeo Trevisan

Web sul blog: La salute non ha prezzo

Web sul blog: La salute non ha prezzo: Articolo da  Comune-info Oggi, 7 aprile, potremo guardare la luna più grande del 2020. Il nostro solo satellite naturale è in pross...

Udin – Coronavirus Lockdown

Immagine

RESIA - REZIJA

«Vogliamo una Resia viva, la nuova scuola è una priorità»
Intervista al sindaco di Resia, Anna Micelli Quarantacinque anni, dipendente dell’Azienda territoriale per l’edilizia dell’Alto Friuli, in passato educatrice in varie strutture pubbliche, è stata per sette anni presidente della Pro loco Val Resia. Nel maggio dello scorso anno è stata eletta, con il 64,40% dei voti, sindaco di Resia. La lista che l’ha proposta si chiama Vota Resia, e Resia l’ha votata. Anna Micelli non è certo un volto nuovo, per i resiani, nell’attività sociale di una comunità che conta poco meno di mille abitanti e che come tante affronta i problemi tipici delle zone di montagne. Ma di certo la sua elezione e il lavoro che sta compiendo, assieme al ‘gruppo di lavoro’ che spesso cita in questa intervista, segnano un cambio abbastanza netto rispetto alle amministrazioni che l’hanno preceduta. Quando ci siamo accordati per l’intervista mi ha detto che queste sono giornate complicate. A causa del coronavirus? «A…

Na velikonočni mizi bo zagotovo šartl - Per Pasqua non può mancare lo šartl

Immagine
Med velikonočnimi prazniki je običajno v Kanalski dolini kar pestro. Vrsta starih navad se začne že na Cvetno nedeljo, ko pred mašo po cerkvah blagoslovijo oljko in »prajtl«. Slednji je sestavljen iz raznih vej, ki so skupaj zavezane na lešnikovo ali orehovo palico. Med vejami razlikujemo mačice, brinje in »hadabitje « (vrsto trnja). Na prajtl po običaju obesijo pomaranče, jabolka, krompir, včasih tudi čokoladna jajčka, piškote in preste. Na blagoslov ga nesejo otroci, nato prajtl ostane v hiši celo leto. Med Velikim tednom se v vaseh Kanalske doline življenjski ritem bistveno spremeni med četrtkom in soboto – in sicer s četrtkovo večerno mašo v spomin na zadnjo večerjo: takrat med glorijo utihnijo zvonovi. O tem so stari Kanalčani nekoč rekli, »da gredo zvonovi v Rim«. Namesto zvonov začnejo otroci – še posebej v Ukvah, Ovčji vasi, Naborjetu in Žabnicah – ob določenih trenutkih iti po vasi s predmeti, ki zelo ropotajo. V Kanalski dolini jih imenujejo »čiček«, »kariola« in »brklca «. …

Rezija objokuje Remigija Madotta - Resia in lutto per Remigio Madotto

Immagine
Remigio Madotto Era diffusa la convinzione che anche la Val Resia, come buona parte della montagna friulana, vista la limitata densità abitativa, sarebbe rimasta ai margini della terribile epidemia planetaria che ha colpito pesantemente anche l’Italia. Ma non si teneva conto dei molti resiani che vivono sparsi in tutto il mondo. Infatti lunedì 24 marzo, in valle è giunta la notizia della scomparsa, nel Bergamasco, di Remigio Madotto a causa del Covid-19. Remigio, originario di Stolvizza, dove aveva sistemato la casa e appena poteva rientrava con la sua adorata famiglia, era in pensione dal 2012 e si è spento lunedì pomeriggio a 67 anni all’ospedale Bolognini di Seriate, dove era ricoverato. Un paio di settimane fa, infatti, nella sua casa di Pedrengo aveva iniziato a sentirsi male, polmonite con febbre e difficoltà respiratorie, i sintomi ormai noti del Coronavirus, accertato poi dal tampone effettuatogli. Madotto, che aveva prestato servizio nella Polizia di Stato, si era trasferito a…

La sicumera traballante dell’«homo scientificus»

Immagine
Ho smesso di contare i giorni da quando mi trovo coi cancelli sbarrati e nessuno che suoni al campanello. Sortite notturne quotidiane, quasi furtive, attraverso il cortile per depositare sul marciapiede davanti a casa i rifiuti. Tempo fa osservavo dalla cucina lo scarso traffico sulla strada e i passi frettolosi di qualcuno sempre più raro, prima che i decreti governativi estendessero il coprifuoco – come suggerisce il nuovo gergo – «h24», per ognuno che non possa mostrare, documento alla mano, quello che una volta era la parola d’ordine.
D’altronde, «siamo in guerra», ripetono glialtoparlanti dei media. Non più «il nemico tiascolta», ma «tutto ti è nemico», potenziale sì, ma nemico: l’amico, il vicino di casa, ilpassante, il fratello, tuo figlio e via elencando,fino all’esclusione totale di qualsiasi essere umano, specie colui che, senza saperlo è già divenuto nemico di sé stesso, covando in seno il veleno mortale sotto forma di microrganismo parassita delle cellu- le umane cui, parado…

Več časa za družino in bližnjega - Tempo per la famiglia e chi ci è vicino

Velika noč je osrednji praznik v celem liturgičnem letu. Čas, ki ga v Benečiji, Reziji in Kanalski dolini preživimo v družbi sorodnikov in prijateljev ter ob utripu tradicionalnih običajev. Ker letošnji Post zaznamuje širjenje koronavirusa, se vsi čutimo malce bolj osamljeni. Priporočila, naj se izognemo stikom z drugimi, močno omejujejo vzdrževanje naših družinskih, prijateljskih in socialnih vez. Epidemija bo ohromila tudi praznovanje Velike noči. V videnski nadškofiji, kakor v vsi Italiji, do 3. aprila svete maše darujejo brez prisotnosti vernikov. Verjetno bodo takšne ukrepe podaljšali za teden ali več. O letošnjem prav nenavadnem obhajanju Velike noči smo se pogovorili s patrom Petrom Lahom, ki skrbi za pastoralne dejavnosti v priljubljenem Marijinem svetišču na Svetih Višarjah. Pater Lah je jezuit in sociolog, profesor na Fakulteti za družbene vede Papeške univerze Gregoriana v Rimu. Pater Lah, nekateri očitajo škofom in samemu papežu odpoved svetih maš in ostalih obredov ob…

SKGZ - SSO Per migliorare le trasmissioni radiotelevisive in lingua slovena

I presidenti di Skgz, Ksenija Dobrila, e Sso, Walter Bandelj, hanno scritto una lettera al ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia, al sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri con delega a informazione e editoria, Andrea Martella, al direttore del dipartimento Relazioni istituzionali della Rai, Stefano Luppi, al direttore della sede della Rai Friuli-Venezia Giulia, Guido Corso, e alla senatrice Tatjana Rojc. Egregi, in questo tempo difficile, funestato dall’emergenza epidemiologica, tutti abbiamo dovuto drasticamente cambiare stili di vita e molti si sono dovuti ritirare tra le mura domestiche. Nella nostra fragilità ed isolamento scopriamo più che mai l’importanza, il valore linguistico e la funzione di collante svolto dalla sede slovena della Rai Fvg per la minoranza slovena della nostra regione. Le trasmissioni radiofoniche e televisive che in lingua slovena trasmettono informazioni, contenuti di divulgazione, approfondimento culturale,…

Covid-19, molitev porčinski Materi - Preghiera a S. Maria di Porzus

Immagine
V letu 2020 obhajamo 165. obletnico Marijinih prikazovanj v Porčinju (september 1855) in 150. obletnico smrti vidkinje Tereze Dush (sestre Marije Hozana). Prav v davnem letu 1855 se je razvnela kolera, ki je umorila približno 20 milijonov ljudi po Evropi; tudi v malem Porčinju je zahtevala kar 15 smrti v pičlih nekaj mesecih, med njimi je bil tudi župnik. Vaščani iz tistega časa so se priporočili varstvu in dobrohotnosti Marije tudi z dvema vidnima in otipljivima znamenjema. Predvsem z lepo sliko furlanskega slikarja Lorenza Bianchinija (1887),ki je upodobil Marijo Devico, imenovano »SalusInfirmorum – Zdravje bolnikov«. Za tem pa še s praznikom Mariji na čast, ki so ga poimenovali »Praznik Marije Zdravja«. Ta praznik, na dan 24. maja, so slovesno praznovali še pred nekaj leti, zopet ga bodo obudili prihodnjega 24. maja. Zdaj je ob pandemiji koronavirusa Covid-19 nastala posebna molitev Sveti Mariji iz Porčinja – Zdravje bolnikov. In questo 2020 ricorre il 165° anniversario delle appa…

Pasqua 2020, morte e vita in epico duello - Velika noč 2020, epski boj med smrtjo in življenem

Immagine
La Pasqua di quest’anno passerà alla storia anche per il nuovo virus, questa ‘peste’ aggiornata, che ha messo in crisi diverse nostre certezze, che già godevano cattiva salute. Per noi cristiani la ricorrenza annuale assume un nuovo ed importante significato. A dire il vero ce l’ha sempre, ma spesso passa sotto silenzio, presi come siamo da aspetti più superficiali della festa. Ma lo stupendo canto pasquale con l’incipit ‘victimae paschali’, ci ricorda che ‘morte e vita si scontrarono in un epico duello’ al termine del quale il Signore della vita trionfò vittorioso. L’inno pasquale e la festa in sé ci dicono che la vita di Cristo è paradigma della nostra e di tutta l’umanità. La fede cristiana non è un’aggiunta o un aspetto secondario dell’esistenza umana, ma la sua verità, la sua autenticità e concretezza. In altri termini, in Cristo, nella sua Pasqua l’umanità ritrova sé stessa e la possibilità concreta di raggiungere il fine della vita, a cui siamo orientati già all’inizio del nos…

Meditazione su semi di lino

Immagine
VIDEO DI ROMEO TREVISAN

Dottor Canciani,fare tampone a tutti

Il dottor Mario Canciani, pneumologo di fama,continua con gli aggiornamenti settimanali con notizie pratiche sull’infezione da Coronavirus basate sulle domande che gli vengono poste più spesso. Il 2 aprile ha publicato il proprio quinto report, con l’avvertenza che non vuole quindi sostituire in alcun modo il ruolo del curante, né le indicazioni ufficiali relative della sanità regionale, che invitia a consultare all’indirizzo https://www.protezionecivile.fvg.it/…/informazione-coronavi…. Tutti i report sono disponibili anche sul sito dell’Associazione Alpi (www.associazionealpi.com). COME POSSO SAPERE SE I MIEI SINTOMI RESPIRATORI DIPENDONO DAL CORONAVIRUS? Ormai abbiamo accumulato abbastanza informazioni per cercare di dare delle indicazioni. L’infezione da Corona o Covid- 19 inizia come una banale influenza (raffreddore, tosse, malessere generale, febbre superiore a 37,5 °C), con alcune peculiarità: calo del gusto e degli odori e congiuntivite, sintomi fortemente sospetti se non si…