VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

02 apr 2013

Poesia d'oltre confine:Slovenia

*Tromostovje-i tre ponti
f.to web


LJUBLJANA
Presunilo me je,da ne vem,
v katero smer teče reka
mojega rojstnega mesta.
Sva sedela na levem
ali na desnem bregu,
ko sem si želel
pridobiti prostor
v tvoji postelji
in hkrati odvezo
za svoje srce?
Ti si to vedela.
Rekla si: "Nobenih igric.
Ljubezen se giblje
v skladu s svojo
naravo. Kot reka."
Ko si odšla,
ti nisem znal
določiti smeri.
Si šla proti izviru,
proti izlivu?
Kje naj te iščem...
Hočem verjeti, da je
sveta nekje konec in
da tam vse vode
grmijo v brezno,
ki nima dna.

Peter Semolič


    Lavrica, jesen 1993

LJUBLJANA
Mi ha turbato
di non sapere
in quale senso corre il fiume
della mia città natale.
Sedevamo sulla riva
sinistra o sulla destra
quando smaniavo
di ottenere un posto
nel tuo letto
e assieme l'assoluzione
per il mio cuore?
Tu sapevi tutto questo.
Hai detto: "Niente giochetti.
L'amore si muove
in armonia con la sua
natura. Come il fiume".
Quando te ne sei andata,
non sapevo stabilire
la tua direzione.
Andavi verso la fonte,
verso la foce?
Dove dovrei cercarti...
Voglio credere che il mondo
finisca da qualche parte e che là
tutte le acque precipitino
fragorose in un abisso
senza fondo.

    Lavrica, autunno 1993


*I ponti di Tromostovje di Plečnik sono di sicuro l'apice dell'ordinamento della riva del fiume 
Ljubljanica. Il ponte medio che sostituỉ quello antico fatto di legno è stato costruito nel 1842.
 Per il fatto che tra il ponte e le porte della cittả vi era molto traffico giả allora, l'architetto Plečnik
 aggiunse tra gli anni 1929/30 altri due ponti per i pedoni . Fino alla riva del fiume ci porta 
la scalinata di Gerber. Il ponte centrale continua sulla via Stritar che porta al Palazzo comunale
 tra Kresija e il Palazzo di Filippo.
fonte web

3 commenti:

  1. Grazie Caligola.Non ti ho trovato in FB,mannaggia!

    RispondiElimina
  2. Ciao Olga, la poesia non ha confini e, per fortuna, hai fatto la traduzione perché la mia piccola conoscenza dello sloveno non mi avrebbe permesso di capirla. Spero tu abbia passato una buona Pasqua e ti auguro un buon proseguimento di settimana.

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *