avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

03 giu 2013

GLI ARROTINI DELLA VAL RESIA / TI ROZAJANSKI BRÜSARJI

                                                                    Mestieri scomparsi
monumento all'arrotino
Stolvizza
foto dal web

Dalla fine del '700 a metà del '900 la popolazione maschile di Resia, in particolare del borgo di Stolvizza, si è dedicata, in maniera prevalente, al mestiere dell'arrotino una pratica tradizionale e collettiva che ne ha condizionato per alcuni secoli le sorti.
Già dalla fine del XVIII secolo gli abitanti di Resia,  in particolare del borgo di Stolvizza, hanno cominciato a dedicarsi a questo mestiere e che oggi è quasi scomparso. Questa attività è derivata dal commercio ambulante dei venditori di spezie e di tessuti, i cosiddetti "cramars", di cui si hanno notizie certe, anche in Val Resia, già dal XVI secolo.
L'arrotino era il lavoro prevalente per gli uomini ed i ragazzi, che già all'età di 10 - 12 anni, emigravano con il padre ed arrivavano fino a Vienna.
Questo movimento migratorio a carattere stagionale, che si sviluppò favorevolmente fino al primo conflitto mondiale, si svolgeva in due tempi: da fine gennaio ai primi di giugno, con rientro nello stesso mese per la fienagione, nuova partenza dopo ferragosto con rientro ai primi giorni di dicembre. Le macchine usate per questa particolare attività potevano essere spinte a mano o, in una versione più leggera, portate a spalla.
In seguito fu introdotto l'uso della bicicletta adattata per l'arrotatura. Il lavoro veniva raccolto casa per casa, porta per porta. Ogni arrotino  creava un certo itinerario e la sua clientela, ormai affezionata, lo sapeva attendere ad ogni suo passaggio. Il lavoro, incentivato dal bisogno e dalla passione, diventava sempre migliore e non avvenne per caso che gli arrotini della Val Resia, fossero chiamati a servire anche i reparti di chirurgia di alcuni ospedale.
Questa attività, seppur non in modo esclusivo, continuò anche durante la seconda metà del XX secolo soprattutto per quelli che avevano avuto la capacità imprenditoriale di sostituire le vecchie attrezzature con i progressi della tecnologia.
http://www.villamanin-eventi.it/mostra_arrotini_val_resia.php

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade