VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

17 ott 2014

Nuovi affreschi sulle case- Na Solbici nove freske


In Val Resia anche in passato c’era la tradizione di abbellire le pareti interne ed esterne delle abitazioni con dipinti murali. In primo luogo a Stolvizza, dove sono conservate ancora alcune di queste antiche pitture a soggetto religioso, questa tradizione è stata ripresa circa una ventina di anni fa, prediligendo, però, soggetti diversi come la fauna, il paesaggio e i mestieri antichi.
Quest’anno nella seconda metà del mese di settembre, il paese si è arricchito di altre tre pitture murarie, commissionate dal comune di Resia. Il lavoro è stato realizzato da Rosso Sinopia, Michele Tosoratti e Stefano Ornella, che hanno una lunga esperienza artistica con tecniche murali quali affreschi, restauri, soluzioni artistiche e decorative sia antiche che contemporanee.
Oltre ad abbellire il paese, i soggetti scelti, raccontano la vita passata degli abitanti di Stolvizza e di tutta la vallata.
Nella prima immagine, in cui è stata rappresentata una donna che trasporta sulle spalle un carico di fieno con accanto due caprette, si è voluto rendere omaggio a tutte le donne resiane che, per alcuni mesi dell’anno vivevano in assenza dei mariti e, oltre ad allevare la prole, conducevano anche tutti i lavori legati al mondo agricolo.
La seconda immagine, invece, rappresenta un kramar (venditore ambulante), tipica attività degli uomini resiani, accanto a quella dell’arrotino, che nei mesi invernali emigravano per integrare il poco reddito che derivava dall’agricoltura. In quest’ultima pittura vi sono stati anche disegnati una generica croce di mercurio o quaternerio ed un cuore che erano i simboli del commercio e che si ritrovano scolpiti, anche in paese, in alcune chiavi di volta dei portali in pietra di accesso alle corti.
La terza immagine, infine, dove è rappresentata la fluitazione del legname lungo il torrente Resia, rappresenta un momento di condivisione lavorativa tra uomini e donne che insieme provvedevano alla legna che serviva per scaldarsi durante il lungo inverno.

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *