VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

8 ott 2014

Poeti :Osti Josip il poeta di Sarajevo

Poeta, narratore, saggista, critico letterario, curatore di antologie e traduttore. Josip Osti, nato nel 1945 a Sarajevo, si è laureato alla Facoltà di Filosofia ed è stato redattore del giornale studentesco “Naši dani” (I nostri giorni), redattore nella casa editrice “Veselin Masleša”, segretario della Sezione dei letterati della città di Sarajevo, direttore della Manifestazione letteraria internazionale “I giorni di poesia di Sarajevo”, segretario dell’Associazione dei letterati della...

Umrla je magnolija

Umrla je magnolija. Podrobnosti ne bom omenjal.
Te zameglijo bistvo. Umrla je magnolija, bela,
zvezdasta. Tista, ki sem jo pred leti posadil
v vrtu za hišo. Ki me je že zdavnaj prerasla
za glavo. Umrla je tako, kot umirajo otroci pred
starši. Nepričakovano. Mlada in zdrava. Vsaj
ni bilo videti, da bi bolehala. Umrla je pred 
mojimi očmi. Ne dobesedno, kajti v tistem trenutku
sem bil pogledal proč. Na zlato rajsko jabolko
in njegove rdeče liste. Skratka, umrla je
magnolija. In če obstaja duša, bo njena, močno
dišeča, tavala do konca življenja. Če sploh
obstaja konec na tej krožni poti, na kateri je vsak
začetek hkrati konec. In morda obratno …
Umrla je magnolija. Kje bo zdaj njen duh
zapeljeval čebele? Po katerem dečku, čez noč
dozorelem v mladeniča, bodo snežili beli listi
njenih cvetov, ko se pred svitom zbudi ves
prepoten, z razpokanimi, krvavečimi ustnicami,
žejen ljubezni? Tako kot sem ljubezni, duša,
žejen jaz, ki nocoj ne morem spati. Kajti
umrla je magnolija.

Osti Josip


E' morta la magnolia

È morta la magnolia. Non entrerò nei dettagli.
Che annebbiano l’essenziale. È morta la magnolia, bianca,
stellata. Quella che anni fa avevo piantato nel giardino
dietro la casa. Che già da un pezzo era più alta di me
di una testa. È morta così come muoiono i bambini prima
dei genitori. Inaspettatamente. Giovane e sana. Almeno
non si notavano i segni di salute malferma. È morta
davanti ai miei occhi. Non letteralmente, poiché in
quel momento guardavo altrove. Stavo dando un’occhiata
al cachi e alle sue foglie rosse. Insomma, è morta
la magnolia. E se esiste l’anima, la sua, intensamente
profumata, errerà fino alla fine della vita. Se veramente
esiste la fine in questo cammino circolare, in cui ogni
principio è assieme fine. E forse viceversa…
È morta la magnolia. Il suo profumo adesso dove
affascinerà le api? Su quale adolescente, cresciuto da
un giorno all’altro in un giovane, fioccheranno i bianchi
petali delle sue corolle, quando sul far dell’alba si desterà
tutto sudato con le labbra screpolate e sanguinanti,
assetato d’amore? Come ho sete d’amore io, anima
mia, che stanotte non riesco a dormire. Poiché
è morta la magnolia.

traduzione di Jolka Milič

http://www.casadellapoesia.org/poeti/osti-josip-32/poesie

approfondimento http://moscheinbottiglia.blogspot.it/2012/10/josip-osti-poeta-di-sarajevo.html

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *