avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

11 giu 2015

Roccoli e bressane antichi impianti d'aucupio

Sin dai tempi antichi l'uomo si è dedicato alla caccia degli uccelli (aucupio),prima per necessità e poi per sport.In Friuli questa pratica era molto diffusa ,poi dal 1992 è stata abolita per legge in tutto il territorio italiano.
  • Roccolo. sistema per la cattura di uccelli caratterizzato da un impianto arboreo a forma di anello, dentro il quale sono posizionate le reti e un prato centrale dove si erge una struttura a forma di torre (la rocca, da cui il nome di roccolo) nella quale risiede il roccolatore. Esso, all'arrivo degli uccelli, lancia uno "spauracchio", spingendo gli animali a cercare rifugio fra gli alberi dove rimangono catturati. Tipico delle zone montane. Ancora oggi in uso soprattutto in Lombardia e Trentino per rifornire di uccelli da richiamo i cacciatori capannisti.
  • Bresciana o bressana, consiste in un appostamento fisso composto da un quadrilatero di alberi chiuso da reti. Al centro dell'area si localizzavano gli uccelli da richiamo, ai quali si tagliavano le timoniere e le remiganti allo scopo di impedirne il volo. Gli uccelli di passo, attirati dai richiami, si calavano all'interno dell'area. L'uccellatore, azionando con una pertica o una fune, provocava lo sbattimento di una serie di barattoli che spaventando gli uccelli li spingeva verso la rete.http://it.wikipedia.org/wiki/Uccellagione
La pratica dell'uccellagione è attualmente vietata in tutto il territorio italiano in ottemperanza all'articolo 3 della Legge n. 157 del 1992 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio)  da http://www.ecomuseodelleacque.it/ambito-di-montenars/

Recentemente con l'UTLE di Porcia ho visitato la bressana del maestro Cossetti .E' un impianto dismesso per la cattura controllata degli uccelli,inattivo nel 2002.E' una testimonianza di un passato dedicato ad un'antica pratica di caccia ed un elemento di studio per il presente.La bressana sorge tra le frazioni di Palse e Pieve , ha oltre mille alberi ed essenze ora si è trasformato in orto botanico.Questo impianto è nato alla fine degli anni 60' e da allora molte cose sono cambiate nell'ecosistema in cui sorge.
Verso il grande giorno
quadro del maestro Cossetti Mario

bressana  del maestro Cossetti in località Camolli diPorcia 

la bressana

Vi chiederete cosa c'entra qui la bressana di Porcia.Anche in Val Torre,Monteaperta e dintorni era d'uso fare questi impianti.A Zavarh delle grotte c'era quella di Manuel ,a Viškorša quella del maestro ed  altre.Mi ricordo che a Udine, un tempo in certe tipiche osterie ,servivano  la "polenta e osei " ,un piatto che non ho mai voluto assaggiare.Per fortuna che hanno vietato questa pratica di caccia,io ero sempre dispiaciuta per gli uccellini!

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade