avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

29 dic 2015

Istituito l’Ufficio per la lingua slovena


Regione /Voto del Consiglio regionale su iniziativa del Comitato paritetico per la minoranza slovena

La Regione Friuli Venezia Giulia ha ottenuto l’Ufficio per la lingua slovena, con la denominazione ufficiale di Ufficio centrale per la lingua slovena, che amministrerà e coordinerà le attività legate all’uso della lingua slovena nella pubblica amministrazione. Questo in base alla legge finanziaria, che è stata approvata recentemente dal Consiglio regionale con i voti del centrosinistra e nonostante la contrarietà dell’opposizione. Il nuovo ufficio si impegnerà per l’attuazione dell’articolo 8 della legge di tutela (uso della lingua slovena nell’amministrazione pubblica). La direzione dell’ufficio sarà affidata ad un dirigente con competenza professionale e conoscenza della lingua; godrà di autonomia organizzativa per la quale avrà a disposizione anche adeguato personale. L’ufficio ricorrerà a strutture organizzative regionali e nel suo operato poggerà anche sui servizi della società informatica Insiel. Tra le competenze della nuova struttura rientra anche la rete informatica, che sarà destinata all’uso della lingua slovena nell’amministrazion epubblica. In questo contesto fornirà il servizio di traduzione e si occuperà dell’aggiornamento linguistico del personale, che quotidianamente nell’ambito della Regione e delle amministrazioni locali opera in lingua slovena. L’idea di istituire l’ufficio (proposto dalla Giunta regionale con il sostegno dei consiglieri Igor Gabrovec e Stefano Ukmar) è nata nell’ambito del Comitato paritetico per la minoranza slovena, che ha trasmesso la proposta all’assessore regionale Gianni Torrenti e alla commissione consultiva per gli sloveni. Come ci ha riferito la presidente del Comitato paritetico, Ksenija Dobrila, oltre all’interesse generale l’istituzione dell’ufficio hanno concorso due fattori: il flusso confusionario e ritardatario dei contributi regionali per l’uso della lingua slovena nelle pubbliche amministrazioni nonché la gestione dispersiva nel presentare le domande di contributi da parte di queste ultime. La presidente quale esempio cita il Comune di Gorizia che ha regolarmente presentato la domanda di contributo, al contrario del Comune di Trieste. A causa di un intreccio di eventi, i finanziamenti che erano stati destinati dal governo ai Comuni, alle Provincie e alle Aziende sanitarie, ecc – anche a causa della negligenza degli amministratori pubblici sono speso tornati alle casse dello Stato. In breve il denaro è rimasto inutilizzato. Per questo motivo da più parti sono stati costretti a chiudere i cosiddetti sportelli sloveni e nel contempo a rinunciare all’apporto di traduttori e interpreti. «Il Comitato paritetico ha chiesto ad entrambi i consiglieri regionali sloveni di accogliere l’adeguamento della normativa regionale alla nuova modalità di finanziamento dell’uso della lingua slovena nell’amministrazione pubblica nell’ambito della legge finanziaria. Finora la normativa regionale prevedeva, infatti, l’assegnazione dei contributi per l’attività di progetto, che è episodica e non garantisce sistematicità», sottolinea Dobrila. A questo proposito ha fornito un aiuto al Comitato paritetico e alla minoranza slovena il legislatore regionale e statale, che recentemente ha reso più uniforme e ha semplificato la distribuzione dei finanziamenti pubblici in base alla legge di tutela. Nel Comitato paritetico depongono grande speranza nella rete informatica, che per quanto riguarda lo sloveno collegherà tutte le amministrazioni pubbliche interessate nonché le istituzioni che forniscono servizi. Non da ultimo il nuovo ufficio, aggiunge Dobrila, si occuperà anche di terminologia scientifica in lingua slovena; promuoverà lo scambio di idee e di consigli tra linguisti e amministratori pubblici. In sostanza si tratta di un’acquisizione importante. S. T.
(Primorski dnevnik, 19. 12. 2015

http://www.dom.it/wp-content/uploads/2015/12/Slovit-dicembre-2015.pdf

3 commenti:

  1. Istituito l’Ufficio per la lingua slovena

    RispondiElimina
  2. Bella notizia. Grazie per gli auguri in testa del blog che contraccambio volentieri. Buon anno nuovo a te e famiglia.

    RispondiElimina
  3. Sempre felice di leggerti Elio.Buon anno anche a te famiglia.<3

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade