avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

19 gen 2016

San Sebastiano a Ugovizza - Sveti Boštjan v Ukvah


Ukve pozimi

Ad Ugovizza, come ogni anno,  il 20 gennaio sarà celebrata la ricorrenza di San Sebastiano, copatrono del paese. Secondo una leggenda locale,secoli fa si era diffusa un’epidemia di peste così devastante, che ad Ugovizza/Ukve erano rimasti vivi solo cinque ragazzi. Per discutere il da farsi e organizzarsi per dare degna sepoltura al gran numero di morti, i giovani addolorati si diedero ritrovo sotto un pero. Quando si voltarono verso la cima che oggi si trova dietro l’odierna chiesa e che viene chiamata Čeva, notarono un giovanotto vestito da soldato, che stava venendo  loro incontro. I ragazzi gli chiesero chi fosse – ed il soldato rispose: «Sono San Sebastiano». Sebbene un po’ inquietati, i sopravvissuti gli chiesero consiglio sul da farsi ed il santo rispose loro con saggi consigli, concludendo così: «Costruite qui una chiesa in mio onore ed io vi proteggerò da ogni malattia». Così i ragazzi iniziarono a costruire una chiesa proprio dove voleva il santo. Da allora, ogni anno la comunità di Ugovizza celebra la ricorrenza di San Sebastiano. Da alcuni giorni ad Ugovizza la tradizionale novena ha già avviato le celebrazioni. Ogni sera, durante la Messa, si prega per la salute spirituale e fisica degli Ugovizzani (»duševno in telesno zdravje Ukljanov«). La Messa solenne di mercoledì 20 gennaio, ricorrenza di San Sebastiano, quest’anno sarà officiata alle 10.00. A celebrarla, accompagnato in musica dal locale coro parrocchiale, sarà Mario Gariup, il parroco del paese.

V Ukvah bodo kot vsako leto 20. januarja praznovali vaškega sozavetnika svetega Boštjana. Po stari legendi se je pred stoletji razširila epidemija kuge. Veliko Ukljanov je zbolelo in umrlo; živih pa je ostalo samo pet fantov. Da bi se dogovorili, kaj naj bi storili in kako naj bi lahko ustrezno pokopali veliko število mrtvih, so se ti žalostni fantje zbrali pod hruško. Ko so se obrnili do vrha, ki leži za današnjo cerkvijo in ki ga imenujejo Čeva, so opazili mladeniča v vojaški obleki, ki se jim je približal. Fantje so ga pa vprašali, kdo je. Vojak je odgovoril: »Jaz sem svet Boštjan«. Čeprav vznemirjeni, so ga preživeli fantje povpraševali, kaj naj bi lahko storili. Svetnik jim je odgovoril z modrimi navodili; na koncu je rekel: »Tu zgradite cerkev v mojo čast in jaz bom vas varoval pred vsemi boleznimi.« Tako so fantje začeli graditi cerkev prav tam, kjer je hotel svetnik. Od takrat se ukovška skupnost vsako leto poklanja svetemu Boštjanu. V Ukvah se je tudi letos praznovanje pravzaprav že začelo, sicer s tradicionalno devetdnevnico. Vsak večer se med sveto mašo moli za »duševno in telesno zdravje Ukljanov«, se pravi za vse tiste, ki se oznanijo. V sredo, 20. januarja, na dan svetega Boštjana, bo letos slovesna sveta maša ob 10.00. Daroval jo bo domači župnik Mario Gariup; glasbeno pa jo bo spremljal domači cerkveni pevski zbor.

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade