avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

06 giu 2016

Gli Slavi - Slovegni del Friuli

GLI SLAVI DEL FRIULI di Izmail Ivanovic Sreznevski


( dagli appunti di viaggio del professore di slavistica Izmail I.Sreznevskij  del 1841)         

Le case -hiše

Gli "Slovegni" (val Torre e Natisone) fanno le case (hiše) di pietra,che sono ancora più povere di quelle dei Resiani,benchè siano dello stesso stile. E' "ricco" quel contadino che,oltre alla cucina,possiede un'altra stanza (izba),la camera da letto (tjamara za spat) ed una cantina (klijet),(zahljev).
Qualche casa è adorna di un balcone (pojòu).Le stalle sono nel cortile (hljev za žvino).Il cortile spesso non è recinto e separato da quello del vicino se non da un mucchio di letame:i recinti sono molto rari.Nel labirinto dei sentieri che si intrecciano nei cortili dei paesetti ci si può facilmente  smarrire-più d'una volta mi è toccato di chiedere che mi mostrassero la via per uscirne ed andare in questo o quel villaggio.Non ci sono affatto strade.

I lavori  

 "Ohimè ,questi Schiavi! Vivono come ladri e senza una strada che entri od esca dai loro paesi!" mi disse in Friulano,descrivendomi quei poveri " Slovegni ".Si scordava naturalmente che anch'essi nel piano vivevano così,or non è molto.

Le grandi famiglie si mantengono unite,senza che i figli e le figlie sposati si separino dai genitori.Tutti lavorano,senza distinzione,come in Resia,fin che hanno la forza.A me è capitato di vedere,sopra un onte,delle ragazze con le scuri,intente ad estrarre con gran fatica radici d'alberi dalla terra in mezzo alle rocce;dovevano portare da loro stesse quelle "legna" fino da basso ed alle loro case;ma lavoravano allegramente scherzavano e cantavano le loro canzoni,tutte coperte di sudore in quella inumana fatica.Ristettero per un minuto o due,piene di sudore,e ci indicarono la strada,poi,dopo averci augurato buon viaggio,ripresero a lavorare.

A S.Pietro ho veduto donne porre l'arco sopra un ripostiglio da loro edificato come bravi muratori .Non è raro vedere i  maschi affaccendarsi in cucina oppure alla filatura del lino.Ma nonostante la miseria,non ho veduto che pochissimi mendicanti,forse perchè,secondo la loro antichissima tradizione,i parenti anche più remoti provvedono ai poveri dando loro un tetto se non l'hanno.Inoltre lo "Slovegn" si vergogna di mendicare:non così ho notato fra i Friulani,i quali,sia grandi che piccini,sono susbito pronti a domandare "per amore di Dio".

L'agricoltura ed i campi si trovano in condizioni pietose. Il mais è il prodotto principale, ma dov'esso non può crescere,seminano l'avena ,il miglio e più spesso la segala.I pochi campi più fortunati possono essere dissodati dall'aratro (plug) e rotti dall'erpice (grèba ) : vi attaccano cavalli e muli oppure buoi e vacche.I campi di lino (lyn ) sono coltivati con gran diligenza.Hanno orti ( zagraje ) per le ortaglie e frutteti
(vaàrti),nelle vicinanze dei villaggi,con castagni , meli ,fichi,peri,e ciliegi.
La selvaggina è abbastanza abbondante sui monti :il lupo,la volpe,il cervo ed il capriolo non si sono ancora trasferiti in quelle zone. Con una speciale rete (strjetka )le donne stesse danno la caccia alla volpe;però non è loro concesso il diritto di cacciare il cervo e il capriolo,benchè se  l'occasione si presentasse esse sarebbero capaci di attaccarli senza la benchè minima paura.


Gli animali che gli "Slovegni" più allevano sono le pecore e le capre,non tutte le famiglie hanno però i mezzi per poterle allevare.Qualcuno possiede anche la mucca che dà il  latte ,pascola e porta la legna al mercato.

La tessitura della stoffa (part) ,del panno (sukno )e del mezzo panno (medželana ) viene fatta soprattutto d'inverno.D'estate fanno le stoviglie (posoda ) di legno e di creta,cuciono i vestiti ecc.In autunno s'affaccendano a costruire carri (vozi) e slitte a mano (posanje ). Benchè fare gli slittini sia relativamente facile ,il costume vieta alle donne di occuparsene ,mente non è loro affatto proibito di slittare giù dai monti.Molte donne vanno a guadagnarsi il pane in città,come domestiche,e a molte questo piace.

Degno d'ammirazione è l'amore al lavoro degli "Slovegni".Mi capitò di vedere una donna che guidava una mucca attaccata all'erpice,e contemporaneamente,allattava il suo bambino ch'era legato al suo seno,con una fascia; non solo,ma essa pure filava,tenendo la lana dietro la cintola;si vedono talvolta donne badare alle pecore e capre come bravi pastori, e nello stesso tempo filare e cucire ,senza naturalmente scordarsi di cantare.

dal libro della mia biblioteca "Gli Slavi del Friuli" edito a cura del Circolo di Cultura resiano e del giornale Matajur -tip.Lukežič Gorizia


1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade