avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

24 lug 2016

Aglio, così buono che lo rubano / Strok tako dober, da ga kradejo


StrokLaura-Beltrame4-1120x720Ha suscitato non poco sdegno, nella piccola e storica comunità della Val Resia, un territorio dalla natura incontaminata, in gran parte montano e protetto perché ricade nel Parco Naturale Regionale delle Prealpi Giulie, il furto di uno dei prodotti più tipici: l’aglio di Resia. Sembra incredibile ma è successo: nella notte tra martedì 19 e mercoledì 20 luglio qualcuno si è intrufolato nell’orto di una signora del posto, nella frazione di San Giorgio/Bila, e ha sradicato dal terreno circa 2000 piantine di aglio. Ma perché rubare un bene che, sul mercato nero, può sembrare senza gran valore? Perché questo aglio è prezioso, è un presidio Slow Food ed è ricercatissimo negli ultimi anni, tanto che gli intenditori »litigano« per comprarlo, anche perché le quantità coltivate sono poche. Crescendo in un ambiente che vanta caratteristiche climatiche uniche e un terreno altrettanto peculiare, questo aglio ha un sapore speciale; è quasi dolce e viene trasformato anche in paté, oltre che consumato crudo, o messo sotto conserva. Il Comune di Resia/Rezija e le associazioni che valorizzano e promuovono questo prodotto hanno organizzato anche una festa dedicata all’aglio resiano, che si tiene proprio in estate, quest’anno domenica 31 luglio. La Val Resia ha un territorio molto vasto ma è poco abitata. Chi ci vive, ed è fortemente legato alle tradizioni locali, dalla musica al folclore, unici,  ha puntato sulle tipicità locali, tra cui l’aglio. La brutta notizia del furto, che crea un danno di almeno 2500 euro alla vittima, anche per questi motivi ha suscitato grande sdegno.
V dolini Rezije sta narava in teritorij neokrnjena, saj je pretežno gorato območje varovano v okviru Naravnega parka Julijskih Predalp. Majhna in starodavna rezijanska skupnost je pa nemalo ogorčena nad dejstvom, da so v prejšnjih dneh neznanci ukradli eden izmed najbolj značilnih proizvodov na tem območju: rozajanski strok, oziroma rezijanski česen. Čeprav zgleda neverjetno, se je to zares zgodilo: v noči iz torka, 19., na sredo, 20. julija se je nekdo v Bili vtihotapil v vrt tamkajšnje gospe, kjer je izkoreninil okoli 2000 česnovih rastlinic. Zakaj pa sploh ukrasti dobrino, ki bi lahko zgledala brez velike vrednosti? Ker je rozajanski strok dragocen, saj nosi oznako presidio Slow Food. Obenem je v zadnjih letih zelo iskan in poznavalci »se skregajo«, da ga kupijo – tudi ker je povezana skupna obdelana vsota majhna. S tem, da ga obdelajo v okolju z edinstvenimi klimatskimi značilnostmi in v svojevrstni zemlji, ima česen poseben okus. Skoraj sladek je; lahko ga jemo kot namaz, neobdelan ali v konzervi. Občina Rezija in društva, ki ovrednotijo in oglašajo to dobroto, organizirajo tudi njej posvečen praznik. Običajno se slednji odvija poleti – letos sicer v nedeljo, 31. julija. Dolina Rezije je precej velika, a z nizko gostoto prebivalstva. Tisti, ki tam živijo in ki so močno navezani na domače običaje, od edinstvene glasbe do edinstvene folklore, so stavili na domače specifičnosti. Med slednje sodi tudi rezijanski česen. Slaba novica tatvine, ki žrtvi povzroča škodo najmanj v višini 2500 evrov, je precejšnje ogorčenje povzročila tudi iz vseh prej navedenih razlogov.

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade