avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

lingua e identità etnica

lingua e identità etnica

01 ago 2016

In memoriam

 NOVO MESTO (Slo) 24 giugno 1939
Monteaperta di Taipana, 28 luglio 2016

V soboto 30 julija 2016 v Viškorši/Monteaperta  smo se odslovili  od Ane Širčelj/vdova Tedoldi.
Slovenka iz Novega Mesta je imela 77 let,preveč hitro nas je zapustila a je bila bolna več kod eno leto. Ana je mlada odšla v emigracijo v Švico kjer je spoznala in poročila benečana iz Karnajske doline Luigi Tedoldi.Imeli so tri hčerke Gerlinda ,Sabina in Margherita.Ana in mož so vzredili otroke v slovenskemu vzdušju ,saj prve dve hčerke so obiskovale slovenske šole e v Gorici.Po moževi smrti se je iz Vidma preselila v Viškoršo kjer so po potresu zidali hišo.Bila je prijlublena vsem,je sodelovala pri praznikih z  tipičnih slovenskih sladic.
V soboto v nabiti cerkvi tipanski  župnik don Giacinto Miconi in  bardski don Renzo Calligaro so darovali pogrebno mašo v Terskem narečju kakor so bile želje pokojne Ane.
Duhovniki so povedali da materni jezik je zelo važen,tudi Kristus pred smrtjo je spregovoru v svojem jeziku :" Eli,Eli,lamma sabactàni" - moj Bog,moj Bog,zakaj si me zapustil? (Matej 27:46)


Draga teta Ana boš manjkala vsem ,si pustila veliko praznino!
                                                                                                                  Olgica



Sabato 30 luglio a Monteaperta abbiamo salutato Ana Širčelj vedova Tedoldi.
Nata a Novo Mesto (Slo) 77 anni  fa era ammalata tempo.
Ana è emigrata giovane in Svizzera dove si è sposata con Luigi Tedoldi di Monteaperta.Ha avuto 3 figlie Gerlinda,Sabina e Margherita che parlano a lingua materna.Dopo la morte del marito da Udine si è trasferita a Monteaperta dove ha ricostruito la casa.Era amata da tutti,collaborava alle manifestazioni paesane con i dolci tipici sloveni.Sabato in una chiesa gremita i parroci di Taipana e Lusevera hanno officiato la messa funebre nel dialetto della Val Torre secondo le volontà di Ana.
I parroci hanno affermato che la lingua materna è molto importante,anche Cristo prima di morire parlò al Padre nella propria lingua : " Eli,Eli,lamma sabactàni"  - Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? (Matteo 27:46)

Cara zia Ana, mancherai a tutti ,hai lasciato un grande vuoto.
                                                                                                                     Olgica
     

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade