avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

lingua e identità etnica

lingua e identità etnica

28 apr 2017

La 2ª guerra mondiale a fumetti (48)

Nel 70° della fine della seconda guerra mondiale (1945), Moreno Tomasetig ha trasformato in fumetto i diari del parroco di Lasiz, don Antonio Cuffolo (1889-1959). In questa puntata. Il 30 dicembre 1944 due cosacchi, di stanza a Biacis, arrivano in paese. Messi in guardia sulla presenza dei partigiani, uno torna indietro, mentre l’altro non ne vuole sapere. Il cosacco viene catturato nei pressi di Tarcetta e poi ucciso a Pegliano. Più di cento cosacchi circondano Lasiz e Cicigolis e intimano la restituzione del soldato, non sapendolo morto. Minacciano di fare razzie e dare fuoco al paese nei giorni successivi. Don Cuffolo passa la notte sul vocabolario russo per poter trattare, mischiando sloveno e russo, il giorno successivo con il comando cosacco a Biacis, dove si reca accompagnato dal maestro Manzini, che conosce la lingua russa, e dal podestà. Sostiene che i paesani non hanno nulla a che fare con i partigiani. L’ufficiale medico e altri graduati si schierano con lui e convincono il comandante a risparmiare il paese dalla vendetta. (48 – continua)
http://www.dom.it/2-svetovna-vojna-v-stripu-48_la-2a-guerra-mondiale-a-fumetti-48/

2 commenti:

  1. La 2ª guerra mondiale a fumetti

    RispondiElimina
  2. Cara Olga, questi fumetti possono un po aiutare la storia e far capire molte cose ai givani!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade