avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

30 lug 2016

I legami tra resiani e carinziani / Skupni izvor Rezijanov in Korošcev

SOLBICAMercoledì 10 agosto, nell’ambito della tradizionale escursione notturna sul percorsoTa lipa Pot, dalle ore 17.00 a Stolvizza/Solbica (ritrovo in Piazza dell’Arrotino) si potrà partecipare a un’escursione per le vie del paese, guidata da Sandro Quaglia, con rievocazione storica e animazione sull’insediamento in Val Resia degli slavi alpini, antenati di tutti gli attuali sloveni.
L’insediamento di Resia, infatti, come storicamente accertato, è da inquadrare nell’ambito della colonizzazione slava della Val Canale, del Canal del Ferro e dell’alta valle dell’Isonzo. Tutti questi territori furono lasciati liberi dai Longobardi, – quando questi si stabilirono definitivamente nella pianura friulana. Vi sono molti indizi, desunti da dati storici e linguistici, in base ai quali si può ricostruire una stretta relazione tra i resiani e gli sloveni carinziani. Uno stadio antico della fonologia resiana corrisponde, infatti, a quello dei dialetti sloveni parlati anche in Valcanale. Ciò induce a supporre che l’insediamento di Resia sia avvenuto tramite l’ampia apertura della valle presso Resiutta. Il greto del torrente Resia, piuttosto largo fino all’altezza di San Giorgio/Bila, sembra rappresentare la via d’accesso scelta dai primi coloni scesi dal Canal del Ferro. A testimonianza di questa colonizzazione dell’intera area orientale, abbiamo a disposizione i numerosi toponimi slavi o sloveni disseminati nelle valli di Raccolana e Dogna e nel Canal del Ferro. Forti indizi fanno pensare che la colonizzazione sia stato un processo di alcuni secoli.
Gli slavi, che praticavano la pastorizia e l’agricoltura, al loro arrivo ricavarono prati e campi tagliando alberi e bonificando terreni. Costruirono le prime abitazioni della valle con tronchi d’albero tra i boschi, accanto ai principali corsi d’acqua affluenti del torrente principale. Erano anche apicoltori, cacciatori e pescatori.
Dopo questa prima parte della manifestazione, alle 19.30 nel paese si partirà per la camminata notturna con festa sotto le stelle al centro naturalistico «La casa resiana», con cena medievale, musica e balli resiani. Dalle 22.30 si rientrerà a Stolvizza (iscrizione tutto compreso: € 15,00 – prenotazione obbligatoria al numero 360960179). R.U.
http://www.dom.it/i-legami-tra-resiani-e-carinziani_tesne-vezi-med-rezijani-in-korosci/

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade