avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

22 gen 2013

NASMIEH-SORRISO


Nasmieh ni drag,zaslužen je,                                             
bogat ti boš,če ga dobiš,
berač ne boš če ga deliš.

Trenutek traja naš smehljaj,
njega spomin večkrat gori
judem tu srcu vekomaj.

Obedan nie takuo bogat,
da brez nasmieha bi živeu,
ne revež,da ga ne imeu.

Daruj judem nasmieh veseu,
da sprejme te u svoj sveti Raj
nasmieh Boga za vekomaj!




Emil Cencig,1988
dal Beneški dnevnik 2008-dom

traduzione:

Il sorriso non costa, si merita,
sei ricco se lo ottieni,

non diventi povero se lo doni.

Un sorriso dura un attimo,
ma rimane per sempre

nella memoria degli altri.


Nessuno è così ricco
da poter vivere senza ,
nè così  povero, da non possederlo.


Dona agli altri  un sorriso
perchè il sorriso di Dio,
ti accolga  per sempre in Paradiso!


Lo scorso mese è mancato don Emilio Cencig, co-fondatore del periodico Dom e figura molto nota e stimata nelle Valli del Natisone. Aveva 87 anni, 50 dei quali trascorsi al servizio della comunità di Tribil Superiore, in Comune di Stregna.
Nato nella borgata di Montefosca (Pulfero), don Cencig ,laureatosi in teologia, a Roma, e successivamente in giurisprudenza, a Padova fu consacrato sacerdote dall’arcivescovo Giuseppe Nogara, nella cattedrale di Udine, il 17 luglio 1949. I primi anni di ministero lo portarono a Masarolis, Prepotto, Canebola, Comeglians ed Erbezzo. Nel 1957, fu nominato parroco di Tribil appunto, frazione in cui rimase fino a quando la salute glielo consentì.
Nel 2006 si ritirò nella casa per il clero di San Vito al Tagliamento.
Di don Emilio Cencig le Valli ricorderanno il battagliero impegno a favore della comunità slovena della provincia di Udine. In tale contesto rientra la fondazione, nel 1966 del quindicinale Dom, che diresse fino al 1980.
dal web






1 commento:

  1. Sicuramente cara Olga don Emilio a lasciato dei ricordi molto belli! Questa poesia è molto bella, semplice e fa capire cosa è bello della vita!
    Ciao e buona giornata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade