avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

19 set 2013

Insegnamento lingua slovena a Lusevera e Taipana


Ancora un anno di ritardo 
È iniziato un altro anno scolastico e ancora una volta sono state frustrate le legittime attese delle comunità di Taipana e Lusevera che, in applicazione delle legge di tutela della minoranza slovena, hanno richiesto già nel 2011 l'introduzione dell'educazione bilingue italiano-slovena sul loro territorio. I problemi, come è del tutto evidente, sono di natura tecnico-amministrativa e di volontà politica. E come è del tutto evidente in questi due anni non è stata data risposta ai primi ed è vistosamente mancata la seconda.
Il territorio, le giovani famiglie e le amministrazioni locali, hanno espresso chiaramente e nelle dovute forme la loro richiesta di vedersi riconosciuto un diritto, sancito dalla legge, che dopo anni di abbandono e di mortificazione della comunità consente di mantenere il patrimonio linguistico e culturale sloveno tradizionale, attualizzandolo e implementandolo con la lingua slovena standard e che rappresenta un'occasione di riscatto culturale, sociale e, perché no, economico di quest'area di confine.
Sono gli altri livelli istituzionali che non hanno voluto e/o saputo corrispondere a quelle attese.
Gli attori sono diversi, dalla Regione al Governo ed al Ministero dell'Istruzione ed è necessaria una loro volontà comune ed una sinergia. Ma il soggetto protagonista è indubbiamente l'Ufficio scolastico regionale. In altri tempi lo è stato. 
Nel 2001 il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale Bruno Forte con la statalizzazione della Scuola bilingue di S. Pietro al Natisone si è trovato ad affrontare carenze legislative, responsabilità e complessità di ben altra portata. È vero che per premio subito dopo è stato rimosso dal suo incarico, ma è altrettanto vero che ha agito nel senso dello stato di diritto e ha reso un ottimo servizio oltre che ai cittadini, utenti della scuola, anche alle istituzioni. A livello locale dando sostanza e coerenza alle dichiarazioni di principio della politica sui valori del plurilinguismo, dell'integrazione e della multiculturalità. Ma anche a livello di stato italiano che in ambito europeo è sottoposto a monitoraggio rispetto alle politiche di protezione delle minoranze linguistiche.
D'altra parte ci si domanda a che serve l'Ufficio scolastico regionale se rappresenta soltanto una struttura burocratica e non è in grado di intervenire dove ci sono complessità. Il direttore dell'Ufficio scolastico regionale Daniela Beltrame si è impegnata lunedì a fornire al Comitato paritetico istituzionale una proposta tecnica per dare avvio all'educazione bilingue nei comuni di Lusevera e Taipana. È un passo avanti, perché questa è una condizione necessaria, anche se non sufficiente. 

Deželna šolska ravnateljica je bila na avdiciji Paritetnega odbora
 
Tudi letos ni dvojezičnega pouka v Bardu in Tipani 
 Začelo se je že drugo šolsko leto in v občinah Bardo in Tipana učenci, njihovi starši in krajevni upravitelji ter vsa manjšinska skupnost še čakajo na spremembo statusa tamkajšnjih šol iz enojezičnih v dvojezične in njuno vključitev v Dvojezični špetrski večstopenjski zavod.
Da bi ugotovil, kje so razlogi za zastoj, je Paritetni odbor v ponedeljek, 16. septembra, povabil na avdicijo generalno deželno ravnateljico Deželnega šolskega urada Danielo Beltrame. Pravico do dvojezičnega pouka v Terskih dolina zagotavlja zaščitni zakon. Razvoj gre v smer dvojezičnosti, ki ohranja krajevno jezikovno in kulturno tradicijo ter jo nadgrajuje in s tem odpira  obmejnemu prostoru nove priložnosti za socialno in ekonomsko rast. In občini Bardo in Tipana sta pravilno sprožili postopek že leta 2011 in to na podlagi jasno izražene volje staršev.
Pozitivno mnenje je oktobra leta 2011 izrazil tudi Paritetni odbor, potem ko je imel na avdiciji ravnateljico deželne direkcije za izobraževanje Del Bianco in ravnatelja urada za slovenske šole pri Deželnem šolskem uradu Tomaža Simčiča. A od takrat se ni nič premaknilo. 
Deželna šolska ravnateljica je v ponedeljek v Trstu paritetnemu odboru orisala kompleksno problematiko, ki zadeva  najprej sam zaščitni zakon, saj ta izrecno omenja, da projekt ne sme ustvarjati dodatnih stroškov za državni proračun, uvedba dvojezičnega pouka pa bi morala biti postopna, tako da bi morali dve šoli (eno- in dvojezična) v dveh občinah nekaj let sobivati. Problemi so z osebjem oz. organikom, je povedala Beltramejeva, ki je zamrznjen, možni so tudi sindikalni spori. 
Jasno je seveda, da ne gre le za pravno-administrativno vprašanje. Potrebni sta politična volja in sodelovanje vseh subjektov, ki so pri zadevi soudeleženi, od šolskega urada do Dežele (načrtovanje šolske mreže v sodelovanju s Pokrajinami je njena naloga) in seveda ministrstva za šolstvo. Teh pa očitno v zadnjih dveh letih ni bilo dovolj, prišlo je tudi do političnih interferenc in ideoloških zaprek.
Na seji v ponedeljek v Trstu se je generalna ravnateljica deželnega šolskega urada Beltramejeva vsekakor obvezala, da bo Paritetnemu odboru posredovala tehnično rešitev, ki naj bi omogočila spremembo statusa dveh šol v Terski dolini: tipansko obiskuje 20 učencev, ki so porazdeljeni v dve večrazrednici (13+7), barsko pa prav tako 20 v dveh večrazrednicah (12+8). To predstvalja pomemebn korak naprej, saj je podlaga za vsako rešitev.
Jasno pa je, da gre za potreben, ne pa zadosten pogoj.
http://www.novimatajur.it/main.php?page_id=articolo&id=2467

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade