avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

23 feb 2014

I CROCHI-ŽAFRANI poesia di Sandrino Coos


                      
foto personali
                                                                                                               
I CROCHI

Che meraviglia!                                                            
chi ha punteggiato oggi
d'innumerevoli colori                                                            
il bosco ancora spoglio?
Pare che rifletta il cielo
con tutte le sue luci.

A migliaia i crochi ornano
fitti ogni radura e liberano
la bella stagione già prigioniera.
Aprono ridenti le loro corolle
come occhi ingenui di fanciulle.
                                                           
Stupefatto contemplo l'intatta
bellezza della fiorita distesa
che generoso marzo propone
con innumerevoli fragili vite,
 ancora recanti il tocco umido
 della creazione.

Oggi nessuno violi con passo
inopportuno la soglia del bosco!
L'imene,una volta lacerato,
non restituisce più la verginità
 perduta.

Sandrino Coos




 ŽAFRANI

Kakšno začudenje!
Ki je nas poživou
s pouno kolorov
hozd šinjè zliečeno?
Sdi se da zgledova se nebo
s usemi lučami.

Hosti žafrani lepsajo
usako lazeno an odvezejo
liepo stagjon, žej ujeto.
Odperiajo,se smejoč,
njeh zvetele vence,
tej oči naivnih deklic.

Začuden merkam uso
lepoto cuotene lazene,
ke velikodušen marč ponuja
z veliko krekastih živenj,
ke šinjè nosejo moker dotik
od kar so bla storiena.

Nas majedan nej prelomi
z neprimirnami štampenjami
prah od hozde!
Himen dan bot razpran
ne pouarne več zubieno
čistost.

Sandrino Coos

Fonte:"Ti devo infinite parole d'amore! "
Luglio 2006-Grafiche Toffoletti per conto del Comune di Taipana  
         
 "Te muorem reice prisarčne besiede prez koncà!"

traduzione in dialetto di Taipana del prof.Adriano Noacco
prevod profesorja Adriana Noacco

2 commenti:

  1. Ciao Olga, questa bella poesia è proprio in linea con il tempo che fa qui in questi giorni. Sembra di essere in aprile e già spuntano i germogli. Speriamo che non arrivi una gelata, altrimenti addio fioritura.
    A proposito, ho perso il cagnolino di cui mi avevi inviato il codice, forse perché configurando il nuovo PC devo aver fatto qualcosa di sbagliato ed ora il blog mi si apre con Internet Explorer invece che con Google. Vedrò di correre ai ripari nei prossimi giorni. Grazie in anticipo e buonanotte.

    RispondiElimina
  2. ti cerco un altro cagnolino se trovo,salutiiiii

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade