avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

VOTAMI

classifiche

saluti

saluti
lingue parlate in fvg

04 apr 2014

Messa in memoria di un Zavaršan disperso in Russia

Chiesa di San Floriano
Zavarh-Villanova delle grotte

Mercoledì 26 marzo,a Zavarh è stata celebrata una messa in memoria del Zavaršan Guerrino Pinosa,partito per la campagna di Russia con la divisione Julia insieme ad altri 12 giovani compaesani e dichiarato disperso nel giugno 1943.
Quest'anno il Comando dei Carabinieri di Ter ha comunicato alla figlia Maria Pia che dalle ricerche effettuate dal Ministero della Difesa è emerso che il militare Pinosa Guerrino risulta deceduto in data 26 marzo 1943 nel lager n.67 di Basjankova.
Durante l'omelia,don Renzo Calligaro ha riletto gli appunti di don Pietro Del Medico scritti nell'aprile del 1943 e conservati nell'archivio della parrocchia di San Floriano.I soldati partiti da Zavarh e tornati dalla campagna di Russia furono dieci : Lovo Valentino,Alberto e Basilio,Pinosa Sebastiano,Negro Cesare,Dante,Attilio,Tarcisio,Mattia e Costantino.
Non fecero mai più ritorno a casa Pinosa Carlo,Anselmo e Guerrino.Quelli che riuscirono tra mille difficoltà a rivedere casa dovettero poi affrontare la fame e la miseria che tormentavano la valle.
Costantino Negro,una volta rientrato,raccontò che Guerrino era stato ferito e che lui stesso lo aveva trascinato fino a un'isba.Là, tuttavia ,fu catturato dai soldati russi e condotto nel campo di concentramento dove poi si spense.
Mercoledì scorso,dunque,le campane di Zavarh hanno suonato per Guerrino e la messa è stata occasione per onorare la sua memoria e ricordare l'immane ed insensata tragedia della guerra ,negazione dell'uomo.
Nell'occasione,don Renzo ha letto un passo del vangelo della passione di Cristo nel dialetto sloveno del Torre,nella lingua di Guerrino:in dialetto comunicava a casa e con i compaesani in Russia e in dialetto ha probabilmente pronunciato la sua ultima preghiera. (I.C.)

fonte:dal Novi Matajur del 2 aprile 2014

dal web

Nessun commento:

Posta un commento


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

net parade