VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

09 ago 2015

"Venduti "per un sacco di carbone



8 agosto 1956 Marcinelle,la tragedia che costò la vita a a 135 minatori italiani
 Il disastro nel quale perirono 7 friulani , sarà ricordato anche in Friuli con una cerimonia che si terrà domenica 9 agosto a Udine, alla quale interverrà il presidente del Consiglio regionale Franco Iacop. Dopo la celebrazione della Santa Messa alle 10.30 nella Chiesa della Beata Vergine del Carmine, in via Aquileia, i partecipanti, accompagnati dalla Filarmonica di Povoletto, raggiungeranno in corteo Largo Goldoni dove sarà scoperta una targa in ricordo delle vittime e dove saranno pronunciati i discorsi di commemorazione.
Molti  abitanti della Benecia (Valli del Natisone e Alta Val del Torre) andarono in Belgio a fare i minatori e tornarono a casa giovani,con una bella pensione ,ma ammalati di silicosi.Quasi tutti morirono giovani per la "poussière". L'Italia aveva firmato un'intesa con il Belgio per fornire manodopera in cambio di lavoratori in ottima salute che non dovevano superare i 35 anni.Per ogni scaglione di 1.000 lavoratori il Belgio avrebbe pagato con 2.500 tonnellate mensili di carbone.Dal 1946 al 1957 gli emigrati nei centri carboniferi in Belgio furono 140.105 tra i quali anche donne e bambini.Questo flusso migratorio ebbe termine nel 1963,in tutto ci furono 867 vittime italiane del lavoro sotto terra,questo esodo provocò tanti orfani e vedove .

dati tratti dal web


Immagine da "Marcinelle0065" di Agrillo Mario Me contacter - Opera propria.
 Con licenza CC BY-SA 2.5
 tramite Wikimedia Commons - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Marcinelle0065.JPG#/media/File:Marcinelle0065.
JPGhttps://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_di_Marcinelle

3 commenti:

  1. "Venduti "per un sacco di carbone

    RispondiElimina
  2. Ciao Olga,
    eravamo piccole allora, ma la memoria di quella tragedia ci pervenne in tutta la sua crudezza. Poi, crescendo, abbiamo conosciuto anche l'inumano patto che c'era dietro.
    Ti abbraccio
    Marilena

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *