VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

17 ott 2015

Resia nella prima guerra mondiale

Dopo il fatidico 24 maggio 1915, anche la Val Resia divenne un’immensa trincea rigurgitante di armi e di armati. Da quel momento anche la vallata fece parte di quel grande mosaico di lutti e rovine che fu la prima guerra mondiale. Fu a causa di tali eventi bellici che molti resiani, che in quel periodo vivevano nelle diverse parti dell’Impero austro-ungarico, dovettero all’improvviso abbandonare e perdere per sempre i loro averi e rientrare in Italia per combattere coloro che, fino a quel momento, avevano dato loro pane e sicurezza di vita. Tutto il confine resiano divenne zona di prima linea e tutta la vallata fu munita di apprestamenti difensivi. Furono costruite, in tutta fretta, mulattiere e piste, che dal fondovalle si inerpicavano in tutte le direzioni verso l’alta montagna per arrivare a ridosso del fronte, ma anche trincee e ricoveri militari. Tanti furono anche gli uomini, le donne e i giovani resiani che, liberi da impegni militari, furono impiegati in questi pesanti lavori soprattutto per il trasporto a spalla di tutti i materiali che servivano. Il Comune di Resia ha inteso promuovere il territorio della Val Resia anche attraverso la stampa di una cartina e di un depliant plurilingue contenente percorsi escursionistici tematici sul tema della prima guerra mondiale. Il lavoro, realizzato da Marco Pascoli di San Daniele del Friuli, è stato finanziato in parte con i fondi dell’Ecomuseo Val Resia ed in parte con quelli previsti dalla L.R. 26/2007 per la tutela della minoranza slovena. Sono evidenziati ben 12 itinerari di varia difficoltà nei quali sarà possibile vedere numerose vestigia belliche, postazioni di artiglieria, ricoveri militari e capire, attraverso la brossura, i luoghi interessati dal conflitto, ma anche le opere realizzate nel periodo antecedente quella che papa Benedetto XV ha definito «l’inutile strage». Il materiale è stato prodotto nelle lingue italiana, slovena, tedesca e inglese e sarà utilizzato in occasione della partecipazione a fiere sul turismo alle quali l’Ecomuseo Val Resia parteciperà nei prossimi mesi. (Sandro Quaglia)
Ob stoletnici je občina Rezija s sredstvi za slovensko manjšino objavila zemljevid in prospekt o tematskih poteh prve svetovne vojske.

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *