10 mag 2016

Fvg e Slovenia, avanti tutta - Sodelovanje s polno paro


Serracchiani ErjavecFriuli Venezia Giulia e Slovenia “concordano circa il rafforzamento della Cooperazione bilaterale, sulla necessità di implementare lo scambio di esperienze, buone pratiche e informazioni”, accanto all’impegno per la soluzione delle problematiche ancora aperte e per un’azione congiunta più efficace nell’ambito delle Strategie macroregionali europee anche attraverso la Cooperazione territoriale europea. È quanto afferma la dichiarazione congiunta sottoscritta dalla presidente della Regione Debora Serracchiani e dal ministro degli Esteri e vicepresidente del Governo sloveno Karl Erjavec che ha suggellato oggi a Nova Gorica la sessione plenaria del Comitato congiunto Friuli Venezia Giulia – Slovenia.
Entrambe le parti hanno espresso “soddisfazione per il proseguimento della Cooperazione avviata”, dopo che il Comitato congiunto era ripartito lo scorso 7 aprile del 2015 articolando la sua attività nei principali settori d’interesse comune, che anche oggi hanno dato vita, prima della sessione plenaria, alla riunione di cinque Tavoli tecnici più il Tavolo speciale dedicato al tema delle Minoranze, presenti gli assessori regionali del Friuli Venezia Giulia e il ministro sloveno per le relazioni con la comunità nazionale autoctona nei Paesi limitrofi e con gli sloveni all’estero Gorazd Žmavc.
“Sia la Slovenia che la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – così nella dichiarazione congiunta – continueranno a incoraggiare la promozione dei risultati dei numerosi progetti conclusisi nel precedente periodo programmatorio 2007-2013 nonché a partecipare attivamente per la definizione dei futuri progetti strategici”. In questo contesto, è sottolineata l’importanza del tema della promozione delle Minoranze, attingendo alle possibilità offerte dal Programma Interreg V A Italia – Slovenia 2014-2020 che vale 90 milioni di euro. Per quanto riguarda il settore dei Trasporti, Serracchiani ed Erjavec convengono sulla “necessità di migliori collegamenti ferroviari attivando il prima possibile dei servizi di trasporto passeggeri transfrontaliero, favorendo il ripristino del servizio Venezia-Trieste-Lubiana e migliorando l’interoperabilità ferroviaria su tutte le tratte confinarie”. Particolare rilievo viene annesso alle risultanze tecniche del Tavolo interministeriale Italia-Slovenia per la progettazione della nuova linea ferroviaria tra Trieste e Divaccia. Per la parte stradale, si punta a favorire le connessioni dirette “a partire da quelle tra Gorizia, Nova Gorica e Sempeter-Vrtojba tra l’area della provincia di Trieste e la zona del Litorale e del Carso”. Accordo anche sull’opportunità di accrescere i servizi dei Trasporti transfrontalieri marittimi.
Sul fronte dell’Energia “entrambe le Parti hanno riaffermato la loro opposizione in merito al progetto del rigassificatore di Zaule”, mentre si punta alla Cooperazione nello sviluppo di Reti energetiche intelligenti.
Se il Comitato congiunto ha aggiornato e potenziato la Cooperazione tra le Agenzie per la protezione dell’ambiente, per lo Sviluppo rurale e l’Agricoltura “si è discusso delle questioni relative alla viticoltura, a partire dalla protezione transfrontaliera del Terrano sul Carso e della Ribolla nella zona di Brda/Collio”.
Turismo (cicloturismo e rurale) ed Enogastronomia sono evidenziati come settori di Cooperazione da rafforzare sul versante economico, che punta sul confronto tra le rispettive strategie di Specializzazione intelligente (S3) e a una collaborazione più intensa sulla Ricerca, l’Innovazione e il trasferimento tecnologico da un lato e le Politiche sociali e sanitarie dall’altro, attività queste ultime già ben avviate.
Anche la Pianificazione territoriale e la Protezione civile, ricordando i 40 anni dal terremoto del Friuli e di Posocje, rappresentano un terreno di collaborazione concreta. A tale proposito “continueranno a essere organizzate esercitazioni congiunte di Protezione civile e lo scambio di esperienze e buone prassi”. (ARC/PPH/EP)
V Novi Gorici je 10. maja potekalo 2. zasedanje Skupnega odbora Slovenija – Furlanija Julijska krajina, ki mu sopredsedujeta minister za zunanje zadeve Karl Erjavec in predsednica Avtonomne dežele Furlanija-Julijska krajina  Debora Serracchiani. Minister Erjavec in predsednica Serracchiani sta na današnjem zasedanju izrazila zadovoljstvo z nadaljevanjem vzpostavljenega sodelovanja in se strinjala, da so dobri odnosi in okrepljeno sodelovanje na področjih skupnega interesa, krepitev medsebojnih povezav ter skupno delovanje v smeri reševanja odprtih vprašanj, posebnega pomena za socialno-ekonomski razvoj čezmejnega prostora in ljudi, ki tam bivajo.
Minister Erjavec je poudaril, da sodelovanje v okviru skupnega odbora zagotavlja tudi dodatno pozitivno dinamiko v dobrososedskih odnosih med državama. Na zasedanju je bila posebna pozornost namenjena tudi obema manjšinama. “Slovenska narodna manjšina v Italiji in Italijanska narodna skupnost v Sloveniji sta pomembna vez med Slovenijo in Furlanijo – Julijsko krajino, zato si morajo tako Slovenija kot Furlanija – Julijska krajina in Italija prizadevati za njuno uveljavljanje in promocijo in ju podpirati pri ohranjanju in razvijanju njune identitete, kar je naša obveza in odgovornost,” je poudaril minister Erjavec in dodal, da sta obe manjšinski skupnosti sooblikovalca družbene raznolikosti prostora, ki prispevata k celostnemu razvoju tega območja. Predstavniki Skupnega odbora Slovenija – Furlanija – Julijska krajina so se na plenarnem zasedanju dogovorili o nadaljnjih področjih in temah delovanja ter sodelovanju pri skupnih projektih in dejavnostih na področjih prometa, energije, okolja, prostorskega načrtovanja, kmetijstva, gospodarstva in turizma, raziskav in inovacij, civilne zaščite, zdravja, socialne politike, kulture, izobraževanja in manjšinskih vprašanj. Izpostavili so potrebo po nadaljnji krepitvi sodelovanja pod okriljem Skupnega odbora. V Novi Gorici bo danes potekala tudi investicijska konferenca v sodelovanju z Območno gospodarsko zbornico v Novi Gorici, kjer bodo podjetnikom FJK predstavljene priložnosti za investiranje v sklopu tretjega privatizacijskega paketa (turistični center Kanin, logistični center Vrtojba, poslovna cona Ajdovščina, idr.). Minister Erjavec in predsednica ADFJK Seracchiani sta se pred zasedanjem sestala na ločenem bilateralnem srečanju. Posebno pozornost sta namenila gospodarskemu sodelovanju,  sodelovanju na področju prometa v okviru makroregionalnih strategij, katerih članici sta tako Slovenija kot Italija (Evropska strategija za Alpsko makroregijo in Evropska strategija za Jadransko-Jonsko makroregijo). Minister Erjavec je v pogovoru s predsednico Serracchiani, na katerem je sodeloval tudi minister za Slovence v zamejstvu in po svetu Gorazd Žmavc, posebej poudaril pričakovanje, da bo dežela FJK zagotovila polno uresničitev zaščitnih določb za slovensko narodno manjšino. Ob zaključku zasedanja sta strani sprejeli skupno izjavo.

1 commento:


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO