VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

22 giu 2017

A LUSEVERA ESERCITAZIONE DI ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE CON BOVEC

Esercitazione di antincendio boschivo a Lusevera, nella giornata di sabato, 27 maggio con base nell’abitato di Vedronza e la partecipazione di tutti e dieci i rappresentanti del Distretto Val Torre, con i volontari veneti di Marcon e con i pompieri della vicina Slovenia, provenienti da Bovec.
In Alta Val Torre è stato simulato lo scoppio di un incendio nella macchia verde ed è stata verificata in questo modo la perfetta funzionalità delle motopompe in dotazione alla squadra, coordinata da Flavio Cerno, e delle vasche per il trasporto dell’acqua, da usare in caso di reale emergenza.
Dalla base operativa principale, allestita in località Tunis, i volontari hanno percorso una strada forestale che porta a Villanova delle Grotte: lungo questo tratto sono stati realizzati diversi «punti strategici» per le prove di trasporto. Tra le novità dell’esercitazione, che periodicamente viene organizzata in comune di Lusevera, anche la presenza dei volontari di Marcon: il gruppo si è occupato della preparazione dei pasti per tutti i partecipanti. Gli alimenti sono stati forniti dalla squadra di Lusevera e sono stati “sfornati” in una cucina da campo che non era mai stata testata prima.
Una parte dell’esercitazione si è tenuta su una seconda pista forestale che presenta condizione di maggiore difficoltà di percorrenza. Una sessantina i partecipanti. «Fortunatamente, negli ultimi cinque, sei anni – spiega Cerno –, in Alta Val Torre non si sono verificate situazioni di emer- genza come incendi o allagamenti gravi. La zona è tranquilla ma per la squadra è necessario un continuo aggiornamento e la necessità di testare i mezzi e i presidi che abbiamo in dotazione». L’ultimo episodio di rilievo è quello che ha causato danni alla chiesa di Pradielis e alla casa canonica: qui, a causa del forte vento, erano caduti i coppi della copertura e si era staccata una parte metallica di protezione delle coperture dell’edificio sacro. I volontari di Protezione civile di Lusevera sono una trentina e la sede risponde alle esigenze di base del gruppo che collabora, in caso di necessità, con le realtà del Distretto Val Torre.
dal Dom del 15/06/2017
P. T.

3 commenti:

  1. Cara Olga, vedendo le catastrofiche notizie dal Portogallo, credo sia giusto tenersi sempre preparati, come fanno laro!!!
    Ciao e buona giornata se anche fa molto caldo un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre presente caro amico,un abbraccio sperando che la calura ci dia una tregua!

      Elimina
  2. A LUSEVERA ESERCITAZIONE DI ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE CON BOVEC

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *