VOTAMI

classifiche

avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK | Per +INFO

21 giu 2017

‘Odprti smo’ con l’arte e il design, il cinema e la musica

Il sito di Gianni Osgnach (www.gianniosgnach.com) assomiglia molto sia a lui stesso che alle opere che produce. Essenziale, senza fronzoli. Diretto. Gianni è nativo di Osgnetto e vive da molti anni in provincia di Mantova ma sempre più spesso lo si vede dalle nostre parti, in particolare a Gnidovizza dove ha ristrutturato una casa. Lo spazio che lo SMO di S. Pietro al Natisone gli dedica (fino al 27 agosto, ogni giorno dalle 16 alle 18) è più che meritato: vi regnano gli oggetti che, ha scritto la critica, “tendono a trovarsi sempre in bilico tra la pura ricerca estetica e la praticità degli oggetti quotidiani, confondendosi ed insinuandosi tra l’opera dell’artista e il lavoro del designer.”
In tutto questo non mancano i riferimenti alla propria terra, ai propri boschi in particolare, come i pezzi di tronco poggiati sul pavimento, poi ripresi in altra forma su una parete, o il vaso realizzato con una corteccia di betulla alla quale è stata apposta una particolare resina.
Lungo una parete anche una serie di fotografie che raccontano il paesaggio di Osgnach, perfettamente inserite in un museo di paesaggi e narrazioni.
Sabato 10 giugno l’inaugurazione dell’esposizione è iniziata con le parole di Donatella Ruttar, progettista del museo multimediale, che ha spiegato la continua ricerca di apertura di questo spazio sia nelle forme artistiche che nella dimensione geografica. E il sindaco di S. Pietro, Mariano Zufferli, ha elogiato l’attività del museo, ormai punto di riferimento culturale per il territorio regionale.

Albert, star moški v invalidskem vozičku, cinik, kolerik in rasist, živi sam v velikem stanovanju v centru Trsta. Edini njegov stik z realnostjo sta po eni strani Ida (ali Aida, kakor odkrije na koncu), izobražena ženska srednjih let, ki se dvakrat na teden pripelje iz Istre, da mu pospravi, skuha in da ga umije, po drugi pogled skozi okno in spomin starih časov. ‘Komedija solz’ je prvi celovečerni film Marka Sosič, ki ga je skupaj s protagonistom, Ivom Barišičem, predstavil v soboto v okviru prireditve ‘Odprti smo’ in v sodelovanju z goriškim Kinoateljejem. Sosič, ki je že bil gost muzeja in je kot pisatelj med avtorji, ki so sodelovali pri projektu Koderjana (Postaja Topolove), je predvsem pisatelj in gledališki režiser. Veliko let je bil zaposlen kot umetniški vodja Slovenskega Stalnega gledališča v Trstu in Slovenskega Narodnega gledališča v Novi Gorici. Režiral je v gledališčih v Trstu, Ljubljani in Rimu ter za televizijo.
V Špetru je Sosič še enkrat izrazil svojo ljubezen do Benečije in do ljudi, ki tukaj živijo, obenem pa je poudaril nevarnost novih zidov med narodi in ljudmi, kar je osnovni element njegovega film.

Jazz Quartet, ki so ga sestavljali Mirko Cisilino (trobenta), Paolo Mestroni (bobni), Marzio Tomada (kontrabas) in Davide Tomasetig (klaviature) je s svojim koncertom pred muzejem SMO zaključil lep kulturni večer.
http://novimatajur.it/cultura/odprti-smo-con-larte-e-il-design-il-cinema-e-la-musica.html

2 commenti:

  1. ‘Odprti smo’ con l’arte e il design, il cinema e la musica

    RispondiElimina
  2. Cara Olga, oggi primo giorni d'estate, se ci penso l'estate è già incominciato una settimana fa, oggi però è il giorno più caldo dell'anno!!!
    Ciao e buona giornata con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *