importanza conoscenza lingue

importanza conoscenza lingue
lingue minoritarie FVG

25 mar 2018

Ubit v terorističnem napadu - Ucciso in un attacco terroristico


Christian MedvesImeu je korenine v Benečiji Christian Medves, ki je biu ubit 24. marča v terorističnem napadu na supermarket, v katerem je dielu ku bečjar, v kraju Trebes na jugu Francije. Njega oče Andrej je biu iz Starmice v sauonskem kamunu, odkoder je šu s trebuham za kruham v Francijo v petdestih lietih prejšnjega stuolietja. Ranjik Christian, ki je biu pred kratkim dopunu 50 liet, je biu oženjen in imeu dvie že velike hčere in tudi adnega vnuka. Dobro je poznu Benečijo, sa’ je biu vičkrat že v otroških lietih na počitnicah par nonotah. V zadnjih lietah je parhaju na obisk k teti in bratrancem (kužinam). Zadnji krat je biu v Starmici predlanskinjim poliete, malo cajta po smarti očeta. Huda novica njega tragične smarti je pretresla domače ljudi. Tudi sauonski šindik Germano Cendou je izreku sožalje žlahti. (na fotografiji Christian Medves z očetam Andrejem v Matajurju lieta 2009)
Aveva radici beneciane Christian Medves, il macellaio ucciso nell’attacco terroristico al supermercato di Trebes, nel sud della Francia, venerdì 24 marzo. Il padre Andrea, infatti,  era originario di Stermizza, nel comune di Savogna), da dove era emigrato in Francia negli anni Cinquanta del secolo scorso. La vittima, 50 anni appena compiuti, sposato, due figlie già grandi e un nipote, conosceva bene le Valli, dove è stato parecchie volte, soprattutto da piccolo, quando vi veniva in vacanza a casa dei nonni, e più recentemente in visita alla  zia e ai cugini. L’ultima volta nell’estate di due anni fa, poco dopo la morte del padre. La notizia della tragica fine di Medves ha scosso profondamente  la comunità locale. Anche il sindaco di Savogna, Germano Cendou ha espresso le condoglianze ai parenti della vittima. (Nella foto Christian Medves con il papà Andrea, a Montemaggiore nel 2009)
http://www.dom.it/ubit-v-teroristicnem-napadu_ucciso-in-un-attacco-terroristico/

1 commento:

  1. Cara Olga, un bel racconto, peccato sia così tragico.
    Ciao e buona domenica delle con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina


Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito. *Olgica *